Indice degli argomenti

  • Diritto dell'Unione Europea - Prof. Pia Acconci - a.a. 2016/2017

    Professore associato confermato di Diritto dell’Unione Europea nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli studi di Teramo (dal 1° ottobre 2002); Titolare dell’insegnamento opzionale di Diritto internazionale in materia di investimenti (dall’anno accademico 2013-2014); Abilitazione scientifica nazionale di I fascia per il settore concorsuale 12/E1 (Diritto internazionale e dell’Unione europea); Professore di Diritto dell’Unione europea presso la Scuola di specializzazione in Professioni legali dell’Università degli studi di Teramo (2004-2007; dal 2008); Professore di Diritto dell’Unione europea presso la Scuola di specializzazione in Diritto amministrativo e Scienza dell’amministrazione dell’Università degli studi di Teramo (dal 2011); Membro della redazione dell’Italian Yearbook of International Law (dal 1999); Coordinatore della Sezione giuridica del Dottorato di ricerca dell’Università degli studi di Teramo in “Scienze giuridiche e politiche internazionali e della comunicazione” – XXVIII ciclo (dal 13 marzo 2013); Membro del collegio docenti del Dottorato di ricerca dell’Università Commerciale L. Bocconi in “International Law and Economics” (XXIX ciclo); Membro dell’Osservatorio della Ricerca di Ateneo dell’Università degli studi di Teramo in qualità di esperto scientifico per l’Area 12 – Scienze giuridiche (dal 6 settembre 2013, D.R. n. 337); Socio della Società italiana di diritto internazionale – SIDI (dal 1996); Membro dell’Italian Branch dell’International Law Association – ILA (dal novembre 2004). Dal 13 dicembre 2013 membro del Comitato direttivo della medesima Branch; Revisore esterno VQR 2004-2010 per l’Area 12 – Scienze giuridiche (nel 2012); Vice-Direttore della Scuola di Specializzazione in Diritto Europeo dell'Università di Teramo (2002-2004); Responsabile dell’Unità di ricerca dell’Università degli studi di Teramo parte al programma di ricerca scientifica di rilevante interesse nazionale sul tema “Imprese multinazionali e diritto internazionale: obblighi e forme di responsabilità” (PRIN 2006 di durata biennale); Responsabile della Newsletter “La Responsabilità sociale d’impresa nel Diritto europeo” consultabile all’indirizzo http://www.unite.it/csr nel sito del Dipartimento di Scienze giuridiche pubblicistiche dell’Università degli studi di Teramo (dal 2009); Responsabile dell’Unità di ricerca dell’Università degli studi di Teramo parte al programma di ricerca scientifica di rilevante interesse nazionale sul tema “I limiti alla tutela dell’investitore davanti al perseguimento di interessi generali da parte dello Stato ospite nell’evoluzione del diritto internazionale” (PRIN 2008 di durata biennale); Professore di Diritto internazionale dell’economia e dell’ambiente nella Facoltà di Scienze Politiche dell’Università LUISS Guido Carli (2008-2010); Membro del Committee on International Law concerning Foreign Direct Investment dell’International Law Association (2004-2008); Professore del modulo di Diritto internazionale in materia di investimenti all’Amsterdam Law School dell’Università di Amsterdam (2002, 2005 e 2006); Professore di Diritto internazionale dell’economia e Diritto dell’Unione europea presso la Scuola di specializzazione di Diritto europeo dell’Università degli studi di Teramo (1998-2004); Ricercatore di Diritto internazionale e Diritto dell’Unione europea nell’Università Commerciale L. Bocconi di Milano (1999-2002); Insignita dell’indennità di “eccellenza nella ricerca” dall’Università Commerciale L. Bocconi di Milano (2002); Professore a contratto di Diritto internazionale dell’economia nella Facoltà di Economia Federico Caffè dell’Università degli studi Roma3 (1999-2001); Attività di ricerca per conto del Directorate for Financial, Fiscal, and Enterprise Affairs (DAFFE) dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE), in qualità di “Temporary OECD Consultant, Category II”, al fine dell’elaborazione di un Working Paper intitolato “Issues for the Forthcoming Review of the OECD Guidelines for MNEs” (dal dicembre 1997 al marzo 1998); Titolare di borsa di studio annuale CNR (1998-1999); Dottore di ricerca in Diritto internazionale dell’economia (1997); Borsa di studio per la frequenza del corso di Dottorato di ricerca in Diritto internazionale dell’economia - IX ciclo - presso l’Università degli studi di Bergamo, consociata con l’Università degli studi di Torino e l’Università Commerciale L. Bocconi di Milano (dal 1° novembre 1993 al 31 ottobre 1996).

    OBIETTIVI DEL CORSO, PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'

    • Obiettivi formativi generali:  Il corso di lezioni verte sullo studio degli aspetti istituzionali e dei principali temi di diritto materiale dell'Unione europea. Sotto il primo profilo, il corso ha per oggetto le norme sulla struttura dell'Unione europea, la composizione e le competenze delle principali istituzioni, i caratteri delle norme dei Trattati istitutivi e del diritto derivato, i rapporti fra il diritto dell'Unione europea e il diritto degli Stati membri. I temi di diritto materiale oggetto del corso sono le libertà alla base del mercato interno, la politica di concorrenza, il regime degli aiuti di Stato e la politica commerciale comune. L'obiettivo è fornire allo studente gli strumenti necessari a comprendere il fenomeno dell'integrazione europea da un punto di vista giuridico che tenga conto anche delle spinte innovative cui le Comunità economiche prima e l'Unione poi sono state sottoposte. In particolare, lo studente dovrà comprendere come lo sviluppo normativo e istituzionale dell'Unione rifletta un percorso evolutivo sociale, economico e politico e come tale sviluppo incida sulle peculiarità del diritto dell'Unione rispetto al diritto internazionale e a quello interno degli Stati membri. Il corso mira altresì a rendere lo studente consapevole del ruolo dell'Unione europea nei rapporti economici tra Stati membri, con la creazione del mercato interno ormai consolidato ma sempre in evoluzione, nonché nel sistema degli scambi internazionali, con riferimento, in particolare, al diritto dell'Organizzazione mondiale del commercio.
    • Prerequisiti: Non sono previsti prerequisiti
    • Propedeuticità: Diritto internazionale

    INDICATORI DI DUBLINO PER UNITA' DIDATTICA

    UNITA' DIDATTICA 1: Il diritto dell’Unione europea dal Trattato di Roma del 1957 al Trattato di Lisbona del 2007.


    Conoscenza e capacità di comprensione:
    I caratteri distintivi del diritto dell’Unione europea rispetto al diritto internazionale e al diritto interno.

    Autonomia di giudizio: Valutazione del grado di sovranazionalità del diritto dell’Unione europea.

    Abilità comunicative: Partecipazione attiva ai momenti di discussione proposti in aula.

    Capacità di apprendimento: Capacità di ordinare in modo logico-sistematico gli sviluppi normativi alla base della struttura odierna del diritto dell’Unione europea.

    UNITA' DIDATTICA 2: Istituzioni dell’Unione europea

    Conoscenza e capacità di comprensione: Competenze, funzionamento e interazione tra le istituzioni.

    Autonomia di giudizio:
    Valutazione della diversa intensità dei rapporti tra le istituzioni europee e della loro incidenza sullo sviluppo del diritto dell’Unione europea.

    Abilità comunicative: Partecipazione attiva ai momenti di discussione proposti in aula.
    Capacità di apprendimento:
    Capacità di contestualizzare l’attività delle diverse istituzioni europee nella realtà attuale. La rilevanza dell’attività della Corte di giustizia.

    UNITA' DIDATTICA 3: Efficacia delle fonti del diritto dell’Unione europea

    Conoscenza e capacità di comprensione: Rapporti di integrazione e conflitto tra fonti di ordinamenti diversi.

    Autonomia di giudizio: Valutazione delle differenze nelle soluzioni ricavabili dalla prassi a causa della diversità dell’efficacia.

    Abilità comunicative: Partecipazione attiva ai momenti di discussione proposti in aula.

    Capacità di apprendimento: Rapporti tra fonti differenti del diritto dell’Unione europea, nonché tra il diritto dell’Unione europea e quello italiano.

    UNITA' DIDATTICA 4: Relazioni esterne dell’Unione europea e funzionamento del mercato interno europeo

    Conoscenza e capacità di comprensione: La vita di relazione internazionale dell’Unione europea e il mercato interno europeo.La rilevanza degli accordi internazionali quale strumento normativo di cooperazione. La realizzazione di un modello di integrazione economica e commerciale improntato al liberismo.

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: La rilevanza degli accordi internazionali quale strumento normativo di cooperazione. La realizzazione di un modello di integrazione economica e commerciale improntato al liberismo.

    Abilità comunicative: Partecipazione attiva ai momenti di discussione proposti in aula.

    Capacità di apprendimento: Il modello dell’economia sociale di mercato affermatosi nel quadro dell’Unione europea tra liberalizzazione e tutela di interessi non economici.

    LIBRI DI TESTO

    Relativamente alla parte generale gli studenti possono scegliere in alternativa tra:

    R. Adam, A. Tizzano, Lineamenti di diritto dell’Unione europea, Giappichelli. Terza edizione 2014

    E. Cannizzaro, Il diritto dell'integrazione europea. L'ordinamento dell'Unione, Giappichelli, 2014

    L. Daniele, Diritto dell’Unione europea (Sistema istituzionale – Ordinamento – Tutela giurisdizionale – Competenze), Giuffré, Quarta edizione 2010

    G. Strozzi, R. Mastroianni, Diritto dell’Unione europea. Parte istituzionale, Giappichelli, 2013

    U. Villani, Istituzioni di Diritto dell’Unione europea, Cacucci, 2013

    Relativamente alla parte speciale gli studenti possono scegliere in alternativa tra:

    G. Strozzi (a cura di), Diritto dell’Unione europea, Parte speciale, Giappichelli, ultima edizione (AD ESCLUSIONE dei capp. II (parti III e IV), V e IX

    G. Daniele, Diritto del mercato unico europeo, Giuffré, ultima edizione (AD ESCLUSIONE DEL Capitolo Quinto) + G. Strozzi (a cura di), Diritto dell’Unione europea, Parte speciale, Giappichelli, ultima edizione, limitatamente al solo cap. VIII (politica commerciale comune)

    PER GLI STUDENTI FUORI CORSO

    Parte generale: come sopra.

    Parte speciale: come sopra, ad eccezione delle politiche di concorrenza e degli aiuti di Stato, cioè a dire in alternativa

    G. Strozzi (a cura di), Diritto dell’Unione europea, Parte speciale, Giappichelli, ultima edizione (AD ESCLUSIONE dei capp. II (parti III e IV), V, VI, VII e IX

    G. Daniele, Diritto del mercato unico europeo, Giuffré, ultima edizione (AD ESCLUSIONE DEL Capitolo Quinto, Sesto e Settimo) + G. Strozzi (a cura di), Diritto dell’Unione europea, Parte speciale, Giappichelli, ultima edizione, limitatamente al solo cap. VIII (politica commerciale comune)


    MATERIALE DI APPROFONDIMENTO

    Siti web

    PROVE INTERMEDIE

    Prima prova intermedia: 21 Aprile 2017

  • Video di presentazione del corso

    • Introduzione al corso di diritto dell'unione europea

      Scarica il pdf di introduzione al corso di diritto dell'unione europea

    • Soluzione dei conflitti tra norme europee e norme italiane

    • Materiale seminari Dottor Cipolletti

    • Argomento 6

      • Argomento 7

        • Argomento 8

          • Argomento 9

            • Argomento 10