Indice degli argomenti

  • Filosofia politica e interculturalità - Prof. Fiammetta Ricci - a.a. 2016/2017

    Professore Associato di "Filosofia politica" (Macrosettore A/14 - S.S.D. SPS01) presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Teramo.

    Attualmente insegna Filosofia politica e interculturalità nella LM in "Studi politici e internazionali" ed Etica pubblica nella LM in "Scienze politiche internazionali e delle amministrazioni" della Facoltà di Scienze Politiche e dell’Università di Teramo.

    - Socio del Centro per la Filosofia Italiana.
    - Socio della Società Italiana di Filosofia Politica (SIFP).
    - Direttore del Centro Ricerche di Iconologia, Simbolica politica e del Sacro (C.R.I.SI.S.) dell’Università di Teramo.
    - Delegata del Magnifico Rettore dell’Università di Teramo per la Integrazione culturale.
    - Delegata del Magnifico Rettore dell’Università di Teramo per le Pari Opportunità.
    - Membro del Comitato Scientifico della Rivista on line Metabasis “Filosofia e Comunicazione”, Rivista Internazionale con Peer Review
    - Membro del Comitato Scientifico della Collana “Ingegni”, diretta da A. Cesaro, Editrice Artetetra, Napoli
    - Membro del CUG di Ateneo come Pro-Rettore alle Pari Opportunità e alla Integrazione culturale.
    - Coordinatore scientifico e direttore dei corsi di alta formazione in seno al Progetto finanziato dalla Regione Abruzzo “Ufficio Unico per la Programmazione e Progettazione – U.U.P.P.” proposto dal Comune di Giulianova e Comuni Associati in partenariato con L’Ateneo di Teramo, per lo sviluppo delle politiche del territorio.

     

    INFO SUL CORSO

    OBIETTIVI GENERALI DEL CORSO

    • Conoscenza e capacità di comprensione: Il corso di Filosofia politica e interculturalità per l’A.A. 2016/2017 intende stimolare e rafforzare un atteggiamento critico-filosofico verso la propria appartenenza/identità culturale, senza annullare, al tempo stesso, il legame storico situazionale, ma ampliandolo consapevolmente e contaminandolo nella intercomunicazione e nel transito reciproco dei modelli culturali. Per il mutuo di Etica Pubblica,come parte della filosofia morale, il programma del corso pone al centro del suo interesse gli aspetti pubblici della vita umana, realizzati nel contesto del sistema democratico-liberale che oggi è diffuso nel modello di vita che usiamo definire “occidentale”. Si intenderà, cioè, sul comportamento morale dei singoli individui in quanto essi agiscono all’interno di una situazione storico-sociale-politica caratterizzata dalla tolleranza e dal pluralismo etico, per cercare di creare uno spazio pubblico in cui si possano fondare scelte condivise da parte di individui che hanno concezioni morali private legittimamente diverse e anche tra loro conflittuali o addirittura incompatibili.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Le lezioni di Filosofia politica e interculturalità, con mutuo su Etica pubblica, hanno lo scopo di rendere gli studenti capaci di applicare le conoscenze apprese in ambito politico e istituzionale, con particolare riferimento ad un approccio ermeneutico capace di analizzare la dimensione del pluralismo e delle identità come sfida del nostro millennio alla dialogo e al riconoscimento delle differenze. Tale sfida assume un carattere di domanda etica in tutti quei settori in cui la mediazione istituzionale risente della crisi di credibilità e legittimazione politica nello spazio pubblico.

    • Autonomia di giudizio: Attraverso lo studio delle definizioni e delle chiarificazioni concettuali sul significato di integrazione, intercultura e multiculturalismo, in una chiave di lettura filosofica, si intende far acquisire capacità di rielaborazione personale per operare in maniera non solo descrittiva dell’ordine sociale politico, ma al fine di sviluppare ed affinare strumenti metodologici i grado di interpretare fenomeni e problemi ed essere in grado di elaborare idee, letture critiche ed autonome e proposte progettuali.
    • Abilità comunicative: Il corso di Filosofia politica e interculturalità ( mutuo di Etica pubblica) ha come obiettivo l’acquisizione delle capacità di riformulare, in varie forme e linguaggi, capacità di decodificazione e ricodificazione di concetti, problemi e posizioni teoriche a confronto, ed essere anche in grado di riformulare in maniera autonoma tali percorsi di analisi, attraverso strumenti ed abilità comunicative di vario genere ( elaborazione di report, lettura di articoli e riformulazione in commenti e/o percorsi di sintesi concettuale, ecc.) .
      In particolare la dimensione del dialogo interculturale verrà posta al centro dello sviluppo di capacità di accoglienza e argomentazione democratica, per la messa in dialogo delle differenze e del pluralismo democratico da intendersi come risorsa e non come ostacolo oppositivo e ideologico tra le parti.
    • Capacità di apprendimento: La lettura guidata di testi di autori che hanno dato un contributo fondamentale alla trattazione degli argomenti oggetto del programma del Corso, utili alla conoscenza e all’approfondimento dei linguaggi concettuali ed ermeneutici utilizzati nella storia del pensiero occidentale, al fine di analizzare e meglio comprendere fenomeni e processi in continua evoluzione nella cultura del nostro tempo. L'approccio in chiave critica e problematizzante al tema del riconoscimento e della dimensione della complessità degli spazi istituzionali vuole potersi inserire attivamente e con risorse di creatività ed autonomia critica all’interno della lettura di tendenze e istanze connesse con i temi dell'intercultura all'interno di istituzioni, enti pubblici e privati.
      Inoltre il riferimento alle istanze dello spazio pubblico saranno finalizzata a sviluppare consapevolezza della enorme crisi di identità e legittimazione etica delle politiche e delle decisioni politiche nella democrazia contemporanea.

    PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'
    • Prerequisiti: Per un più consapevole approccio agli argomenti e alla metodologia di analisi oggetto del programma del corso di lezioni di Filosofia politica e interculturalità e di Etica Pubblica ( insegnamento a mutuo), si consiglia di recuperare appunti o testi che offrano spunti o piste di riflessione relativi al rapporto tra filosofia, politica e intercultura, che potranno essere oggetto di discussione nella prima lezione del corso.
      A tal proposito si segnala
      -una intervista a RAÚL FORNET-BETANCOURT , dal titolo: "La trasformazione interculturale della filosofia", Studi filosofici, Tipologik n.6.
      - T. Serra, La politica tra comunicazione e mutamenti, in F. Ricci-T. Serra, "Le afasie della politica. Achille e la tartaruga", FrancoAngeli, Milano, 2013.

    • Propedeuticità: Non sono previste propedeuticità.

    INDICATORI DI DUBLINO

    UNITA' DIDATTICA 1:

    • Conoscenza e capacità di comprensione:
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione:
    • Autonomia di giudizio:
    • Abilità comunicative:
    • Capacità di apprendimento:


    LEZIONI SETTIMANALI

    • Mercoledì ore 17,30/19,30 - aula 15
    • Giovedì ore 10,30/12,30 - aula 24
    • Venerdì ore 10,30/12,30 - aula 15

    LIBRI DI TESTO

    TESTI (frequentanti)

    a) M.L.Lanzillo, Il multiculturalismo, Laterza, Roma-Bari, 2005.

    b) C.Taylor-J.Habermas, Multiculturalismo. Lotte per il riconoscimento, Feltrinelli, 2004.

    Oppure se a) non è reperibile: C. Taylor, Gli immaginari sociali moderni, Meltemi, 2005.

    c) (per ETICA PUBBLICA) - E. Bonan e C. Vigna (a cura di), Etica del plurale. Giustizia, riconoscimento, responsabilità, Vita e Pensiero, 2004 (solo parti scelte da concordare con la docente)

    Riferimenti testuali per i seminari:

    P. Savarese, i due saggi in via di pubblicazione e forniti in pdf e pagine scelte di P. Savarese, Appunti per una logica dei diritti umani, Aracne, Roma 2006.


    TESTI (per i non frequentanti)

    a) M.L. Lanzillo, Il Multiculturalismo, Laterza, Roma-Bari, 2005,

    b) C. Taylor-J. Habermas, Multiculturalismo. Lotte per il riconoscimento, Feltrinelli, 2004. Oppure se b) non è reperibile:

    C.Taylor, Gli immaginari sociali moderni, Meltemi, 2005.

    c) per gi studenti di ETICA PUBBLICA:

    E. Bonan e C. Vigna (a cura di), Etica del plurale. Giustizia, riconoscimento, responsabilità, Vita e Pensiero, 2004.


    PROVE INTERMEDIE

    PROVA INTERMEDIA 1

    • Unità didattica di riferimento:
    • Data: 1^ settimana di lezione
    • Tipologia di prova: Questionario a risposta chiusa e aperta

    PROVA INTERMEDIA 2
    • Unità didattica di riferimento:
    • Data: 2^ settimana di lezione
    • Tipologia di prova: Questionario a risposta multipla

    MODALITA' DI VALUTAZIONE
    STUDENTI FREQUENTANTI La valutazione avverrà attraverso la media della valutazione riportata nelle prove intermedie, a cui si aggiunge la votazione riportata in una prova finale a termine dell'ultima settimana di lezione, come riportato sul planning del corso. Per la votazione finale e l'acquisizione dei crediti previsti dall'insegnamento, si aggiunge il superamento di una prova orale da svolgersi nelle date dagli appelli nelle sessioni previste. Per il ciclo di Seminari in conpresenza con il Prof. P. Savarese, nell'ultimo incontro seminariale si svolgerà una discussione in aula con i docenti per una valutazione riassuntiva del percorso e della comprensione degli argomenti trattati. STUDENTI NON FREQUENTANTI Prova orale la cui preparazione prevede lo studio di tutti i testi indicati nel programma per i non frequentanti.