Indice degli argomenti

  • Diritto degli appalti pubblici - Prof. Simona D'Antonio - a.a. 2016/2017

    Ricercatrice universitaria (S.S.D. IUS/10 Diritto amministrativo) nella Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Teramo dal 2005, confermata in ruolo dal 2008; abilitata alle funzioni di professore di II fascia per il settore 12/D1 - Diritto amministrativo dal 2013. Si è occupata di: tutela risarcitoria dell’interesse legittimo, commissario giudiziale ad acta, riparto di giurisdizione, giurisdizione esclusiva, servizi pubblici locali, diritto di accesso, pianificazione urbanistica, commissari per l’emergenza, motivazione del provvedimento, responsabilità disciplinare dei dipendenti pubblici, diritto dell’ambiente, diritto dell’immigrazione. Componente del Collegio dei docenti del Dottorato di ricerca in "Processi di armonizzazione del diritto tra storia e sistema"; docente di "Diritto degli appalti pubblici" nel Corso di laurea magistrale in Giurisprudenza e di “Diritto amministrativo II” nel Corso di laurea in Servizi giuridici, curriculum Amministrazioni Pubbliche e Giudiziarie. Insegna “Diritto amministrativo” nella Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali e “Organizzazione amministrativa” nella Scuola di specializzazione in Diritto Amministrativo e Scienza dell’amministrazione. Autrice di 2 monografie, 10 articoli su riviste, 5 capitoli di libro e numerose rassegne di giurisprudenza.
     

    INFO SUL CORSO


    OBIETTIVI GENERALI DEL CORSO

    • Conoscenza e capacità di comprensione: L’insegnamento intende fornire allo studente la conoscenza dei concetti fondamentali del diritto dei contratti pubblici e gli strumenti per conoscere, interpretare e comprendere la relativa disciplina.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente deve diventare capace di individuare, interpretare ed applicare correttamente la normativa inerente l’attività contrattuale delle amministrazioni pubbliche. A tal fine la trattazione di ciascun argomento sarà accompagnata dall’esame di pertinenti casi pratici sui quali mettere alla prova la capacità di applicare le conoscenze acquisite.
    • Autonomia di giudizio: L’impostazione del corso è finalizzata a promuovere la capacità dello studente di affrontare in modo critico i principali temi del diritto dei contratti pubblici e di elaborare al riguardo giudizi autonomi.
    • Abilità comunicative: Obiettivo dell’insegnamento è inoltre potenziare l’abilità dello studente di comunicare i contenuti appresi con un uso appropriato del linguaggio tecnico-giuridico, nonché la capacità di costruire un ragionamento giuridico e difenderlo in contraddittorio con altre tesi.
    • Capacità di apprendimento: Lo studente deve acquisire gli strumenti metodologici necessari per progredire autonomamente nella conoscenza di questo settore del diritto amministrativo, sia con l’approfondimento dei temi trattati sia con l’apprendimento di argomenti ulteriori.


    PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'
    • Prerequisiti: Per potersi accostare allo studio del diritto degli appalti pubblici, lo studente deve già possedere le nozioni di base del diritto amministrativo sostanziale.
    • Propedeuticità: Nel corso di laurea magistrale in Giurisprudenza non si può sostenere l’esame di Diritto degli appalti pubblici se non si è superato l’esame di Diritto amministrativo biennale; nel corso di laurea in Servizi Giuridici non si può sostenere l’esame di Diritto degli appalti pubblici se non si è superato l’esame di Diritto amministrativo I (nel curriculum “Amministrazioni pubbliche e giudiziarie”) e di Diritto amministrativo (nel curriculum “Consulenza e sicurezza del lavoro”).

    INDICATORI DI DUBLINO


    UNITA' DIDATTICA 1: L’attività contrattuale delle PP.AA. nel sistema del diritto amministrativo

    • Conoscenza e capacità di comprensione: Inquadramento della nozione di “contratti pubblici” nell’ambito dell’attività amministrativa come istituto in bilico tra il diritto pubblico e il diritto privato. Esame dell’autonomia negoziale delle pubbliche amministrazioni e dei relativi limiti, derivanti dagli interessi pubblici in gioco. Analisi del sistema delle fonti che disciplinano la materia, tra diritto europeo e diritto nazionale. Classificazione dei contratti e focus su appalti e concessioni; la distinzione tra appalti di lavori, forniture e servizi. Aggiornamento ai sensi del nuovo Codice dei contratti pubblici (d. lgs. 18 aprile 2016, n. 50).
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Capacità di ascrivere ciascuna fattispecie concreta che si presenti all’attenzione dello studente/interprete ad una delle categorie definite in astratto: contratti pubblici, attivi o passivi, sinallagmatici o a comunione di scopo, appalti o concessioni, appalti di lavori, di forniture o di servizi. Capacità di ricostruire la disciplina del singolo istituto ordinando correttamente le disposizioni poste dalle diverse fonti. Capacità di risolvere i problemi pratici posti dalla casistica alla luce della disciplina positiva di ogni istituto.
    • Autonomia di giudizio: Attitudine a risolvere in modo originale e comunque autonomo, anche divergente dalla proposta del docente, i problemi teorici ed applicativi posti dall’osservazione della realtà pratica, facendo un uso consapevole e maturo delle nozioni apprese e del metodo giuridico assimilato nel corso delle lezioni e dello studio personale.
    • Abilità comunicative: Proprietà di linguaggio, terminologia giuridica pertinente, strumenti argomentativi adeguati ad esporre e comunicare i contenuti assimilati.
    • Capacità di apprendimento: Possesso degli strumenti cognitivi e metodologici necessari per ampliare ed approfondire le conoscenze acquisite sui contratti pubblici e sulla relativa disciplina.


    UNITA' DIDATTICA 2: I soggetti e il procedimento ad evidenza pubblica
    • Conoscenza e capacità di comprensione: Analisi e classificazione dei soggetti che possono svolgere il ruolo di stazioni appaltanti, a partire dagli enti pubblici tradizionali fino agli organismi di diritto pubblico, in modo da abbracciare l’intero ambito dei soggetti aggiudicatori. Analisi e classificazione dei soggetti che possono assumere la posizione di controparti delle stazioni appaltanti e dei requisiti di partecipazione alle procedure di selezione del contraente. Analisi del procedimento preordinato alla conclusione del contratto, dalla programmazione all’aggiudicazione, passando per le fasi e gli atti dell’evidenza pubblica, con particolare attenzione alla scelta del contraente e ai criteri di aggiudicazione. Il tutto, tenendo conto delle modifiche apportate dal Codice dei contratti pubblici del 2016.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Capacità di inquadrare nelle categorie sopra indicate i soggetti che possono concretamente aspirare alla stipula di contratti pubblici, in modo da stabilire l’applicabilità della relativa disciplina positiva e così risolvere le questioni poste dalla pratica. Capacità di gestire un procedimento ad evidenza pubblica dalla sua apertura alla sua conclusione.
    • Autonomia di giudizio: Capacità di impostare e risolvere in modo autonomo i problemi relativi all’ambito di applicazione soggettivo del Codice e al procedimento ad evidenza pubblica.
    • Abilità comunicative: Proprietà di linguaggio, terminologia giuridica pertinente, strumenti argomentativi adeguati ad esporre e comunicare i contenuti sopra descritti.
    • Capacità di apprendimento: Possesso degli strumenti cognitivi e metodologici necessari per ampliare ed approfondire le conoscenze acquisite in tema di soggetti dei contratti pubblici e di procedimento ad evidenza pubblica.


    UNITA' DIDATTICA 3: Stipulazione del contratto, esecuzione, tutela

    • Conoscenza e capacità di comprensione: Studio della stipulazione del contratto, della relativa approvazione e dei connessi controlli. Analisi delle ADR (strumenti di risoluzione alternativa delle controversie) e del contenzioso. Individuazione delle novità introdotte in tali ambiti dal Codice dei contratti pubblici emanato con d. lgs. 18 aprile 2016, n. 50.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: La conoscenza della stipulazione e dell’esecuzione del contratto è finalizzata a sviluppare l’attitudine a rapportare la disciplina normativa alla concretezza dell’attività contrattuale delle pubbliche amministrazioni. Lo stesso dicasi per le forme di tutela previste, sia di tipo stragiudiziale sia di tipo giudiziale.
    • Autonomia di giudizio: Anche in tema di  stipulazione ed esecuzione del contratto e di mezzi di tutela, lo studente acquisisca autonomia di giudizio e di valutazione, così da poter prospettare soluzioni interpretative ed applicative anche originali, purché fondate su solide argomentazioni giuridiche.
    • Abilità comunicative: Proprietà di linguaggio, terminologia giuridica pertinente, strumenti argomentativi adeguati ad esporre e comunicare i contenuti sopra descritti.
    • Capacità di apprendimento: Possesso degli strumenti cognitivi e metodologici necessari per ampliare ed approfondire le conoscenze acquisite in tema di stipulazione ed esecuzione del contratto pubblico e relative forme di tutela.

    LEZIONI SETTIMANALI 

    • Giovedì ore 17:30 - 19:30 - aula - 6
    • Venerdì ore 8:30 - 10:30 - aula - 6


    Le lezioni inizieranno giovedì 23 febbraio 2017

    LIBRI DI TESTO
    F. G. SCOCA, a cura di, Diritto amministrativo, IV ed., Torino, Giappichelli, 2015, Parte 5, Capitolo 2: "I contratti della pubblica amministrazione", da pag. 420 a pag. 466.

    In aggiunta, si veda il materiale di approfondimento sotto indicato e l'ulteriore materiale che la docente distribuirà in occasione delle lezioni.


    MATERIALE DI APPROFONDIMENTO

    Decreto legislativo 18 aprile 2016, n. 50: "Attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull'aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d'appalto degli enti erogatori nei settori dell'acqua, dell'energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina vigente in materia di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture". Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 19 aprile 2016, n. 91, S.O.


    Introduzione al nuovo codice dei contratti pubblici
    • Autore: P. MANTINI
    • Rivista: Il nuovo diritto amministrativo, n. 1-2; parte prima, 2016
    • Pagine di riferimento: 3-6


    Il nuovo codice dei contratti pubblici

    • Autore: AUTORI VARI
    • Rivista: Giornale di diritto amministrativo, n. 4, 2016
    • Pagine di riferimento: 436-521

    Il nuovo codice dei contratti pubblici
    • Autore: R. DE NICTOLIS
    • Rivista: Urbanistica e appalti, n. 5, 2016
    • Pagine di riferimento: 503 - 545

    I soggetti affidatari di contratti pubblici
    • Autore: M. G. VIVARELLI
    • Rivista: Rivista trimestrale degli appalti, n. 1, 2016
    • Pagine di riferimento: 47-118

    Guida pratica per i contratti pubblici di servizi e forniture



    PROVE INTERMEDIE


    PROVA INTERMEDIA 1

    • Unità didattica di riferimento: 1 e 2
    • Data: 6^ settimana di lezione
    • Tipologia di prova: Prova scritta consistente nel rispondere in maniera sintetica ad un certo numero di domande relative agli argomenti trattati


    MODALITA' DI VALUTAZIONE
    La valutazione degli studenti avviene attraverso un esame finale orale vertente su tutto il programma. Per gli studenti che avranno sostenuto e superato la verifica intermedia sulle Unità didattiche 1 e 2, l'esame finale orale verterà sugli argomenti dell'Unità didattica 3 e la valutazione finale terrà conto dell'esito della verifica intermedia.

  • Argomento 1

    • Argomento 2

      • Argomento 3

        • Argomento 4

          • Argomento 5

            • Argomento 6

              • Argomento 7

                • Argomento 8

                  • Argomento 9

                    • Argomento 10