Indice degli argomenti

  • Produzioni Vegetali - Prof. Fabio Stagnari - a.a.2014/2015

    PhD
    in "Produttività e Sostenibilità in Agricoltura"
    Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali, Istituto di Agronomia,
    Università di Perugia
    Periodo: 2001-2003

    Laurea
    “Scienze Agrarie”
    Università di Perugia
    Votazione: 110/110 con lode, in corso
    Periodo: 1994-1999.

    Posizione attuale
    Ricercatore
    SSD: AGR02 Agronomia e coltivazioni
    Struttura: Dipartimento di Bioscienze e Tecnologie Agro-alimentari e ambientali
    Università di Teramo

    Docente di:
    “Cerealicoltura”
    “Produzioni vegetali”

    Progetti di ricerca
    Internazionali
    1. FAO – Applicazione di metodologie per la valutazione dell’impatto dei sistemi agricoli sulla fertilità del suolo.
    2.  SOWAP – Sistemi di gestione dell’ agricoltura conservativa in colture poliennali
    3. PROBIO Progetto di ricerca “Intelligence Energy – Europe Programme” – Grant Agreement EIE 06/167/S12.448457

    Nazionali
    1.    Fertilizzazione azotata e contenuto in nitrati nello spinacio– Industrie Alimentari ROLLI
    2.    “S. A. A. P.”, filiera fagiolo borlotto da surgelazione –ITALSUR
    3.    SICERME – Sistema integrato per lo sviluppo della cerealicoltura meridionale
    4.    Valutazione di genotipi di pisello proteico e favino in Italia centrale – ARUSIA, Sezione di Agronomia del Dipartimento di Scienze Agroambientali e della Produzione Vegetale - Università di Perugia
    5.    Valutazione bio-agronomica dei trattamenti di concia ed in vegetazione sui cereali a paglia. Bayer CropScience Italia.
    6.    CIPE: Innovazioni per la valorizzazione qualitativa e igienico-sanitatria delle produzioni vegetali destinate alla trasformazione industriale

    PUBBLICAZIONI
    Autore di più di 80 lavori scientifici nazionali e internazionali.

    OBIETTIVI DEL CORSO, PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'

    • Obiettivi formativi generali:
      - Acquisire abilità nel comprenderele relazioni tra le variabili ambientali e tecniche con la risposta fisiologica, quantitative equalitative delle colture;
      - Acquisire la metodologia per l’applicazione delle principali tecniche agronomiche nei diversi sistemi colturali;
      - Acquisire nozioni e metodi per incrementare produzione e qualità dei prodotti finali;
      - Interagire con i sistemi agro-ambientali in maniera sostenibile;
      - Capacità di interpretare i risultati di esperimenti sulle colture;
      - Dimostrare abilità di giudizio in condizioni ambientali e tecniche critiche per le colture;
    • Prerequisiti: Nessun prerequisito richiesto.
    • Propedeuticità: Consigliate: struttura e funzioni degli organismi vegetali, biochimica, chimica inorganica.

    INDICATORI DI DUBLINO PER UNITA' DIDATTICA

    UNITA' DIDATTICA 1: Agro-meteorologia

    Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente riceverà nozioni e dovrà essere in grado di comprendere ed acquisirà i concetti base relativi agli elementi e fattori climatici e loro influenza sulla crescita, produzione, fisiologia e risposta qualitativa delle colture; 

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà essere capace di applicare le conoscenze acquisite in processi di “problem solving” ai differenti sistemi colturali; 

    Autonomia di giudizio:Lo studente dovrà acquisire le capacità e le abilità di sapere interpretare dati ottenuti in particolari condizioni e conseguentemente di scegliere e proporre le più appropriate soluzioni tecniche per ottenere elevati standard quantitativi e qualitativi, nel rispetto della sostenibilità ambientale. Sarà in grado di legare in modo efficiente la base produttiva con la successiva catena di trasformazione; 

    Abilità comunicative: Lo studente dovrà essere in grado di interagire con altre competenze tecniche e scientifiche per la soluzione di problemi complessi; Dovrà avere capacità relazionali ed organizzative con i componente della filiera agro-alimentare.
    Dovrà aver sviluppato attitudini personali alla comunicazione, al lavoro di gruppo multidisciplinare e capacità di giudizio. Nelle valutazioni delle prove in itinere e finali la qualità e l’efficacia della comunicazione concorrono in modo determinante alla formazione del giudizio complessivo; 

    Capacità di apprendimento: Alla fine dell’apprendimento della singola unità e principalmente del corso, lo studente sarà capace di applicare protocolli critici per la risoluzione di problematiche tecniche del settore primario della catena agro-alimentare.

    UNITA' DIDATTICA 2: Terreno agrario

    Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente riceverà nozioni e dovrà essere in grado di comprendere ed acquisirà i concetti base relativi alla fisica, chimica e biologia del terreno agrario e loro influenza sulla crescita, produzione, fisiologia e risposta qualitativa delle colture; 

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione:  Lo studente dovrà essere capace di applicare le conoscenze acquisite in processi di “problem solving” ai differenti sistemi colturali;

    Autonomia di giudizio: Lo studente dovrà acquisire le capacità e le abilità di sapere interpretare dati ottenuti in particolari condizioni e conseguentemente di scegliere e proporre le più appropriate soluzioni tecniche per ottenere elevati standard quantitativi e qualitativi,nel rispetto della sostenibilità ambientale. Sarà in grado di legare in modo efficiente la base produttiva con la successiva catena di trasformazione; 

    Abilità comunicative: Lostudente dovrà essere in grado di interagire con altre competenze tecniche e scientifiche per la soluzione di problemi complessi; Dovrà avere capacità relazionali ed organizzative con i componente della filiera agro-alimentare.
    Dovrà aver sviluppato attitudini personali alla comunicazione, al lavoro di gruppo multidisciplinare e capacità di giudizio. Nelle valutazioni delle prove in itinere e finali la qualità e l’efficacia della comunicazione concorrono in modo determinante alla formazione del giudizio complessivo;

    Capacità di apprendimento:Alla fine dell’apprendimento della singola unità e principalmente del corso, lo studente sarà capace di applicare protocolli critici per la risoluzione di problematiche tecniche del settore primario della catena agro-alimentare.

    UNITA' DIDATTICA 3: Tecnica colturale

    Conoscenza e capacità di comprensione:Lo studente riceverà nozioni e dovrà essere in grado di comprendere ed acquisirà i concetti base relativi alla gestione delle colture e delle tecniche agronomiche e loro influenza sulla crescita, produzione, fisiologia e risposta qualitativa delle colture; 

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà essere capace di applicare le conoscenze acquisite in processi di “problem solving” ai differenti sistemi colturali; 

    Autonomia di giudizio: Lo studente dovrà acquisire le capacità e le abilità di sapere interpretare dati ottenuti in particolari condizioni e conseguentemente di scegliere e proporre le più appropriate soluzioni tecniche per ottenere elevati standard quantitativi e qualitativi, nel rispetto della sostenibilità ambientale. Sarà in grado di legare in modo efficiente la base produttiva con la successiva catena di trasformazione; 

    Abilità comunicative: Lo studente dovrà essere in grado di interagire con altre competenze tecniche e scientifiche per la soluzione di problemi complessi; Dovrà avere capacità relazionali ed organizzative con i componente della filiera agro-alimentare. Dovrà aver sviluppato attitudini personali alla comunicazione, al lavoro di gruppo multidisciplinare e capacità di giudizio. Nelle valutazioni delle prove in itinere e finali la qualità e l’efficacia della comunicazione concorrono in modo determinante alla formazione del giudizio complessivo;

    Capacità di apprendimento: Alla fine dell’apprendimento della singola unità e principalmente del corso, lo studente sarà capace di applicare protocolli critici per la risoluzione di problematiche tecniche del settore primario della catena agro-alimentare.

    LIBRI DI TESTO

    • Luigi Giardini, Agronomia Generale ambientale e aziendale, Patron, Bologna, 2002.
    • Michele Pisante, AGRICOLTURA SOSTENIBILE: all'agrocoltura produttiva per la salvaguardia dell'ambiente e la tutela climatica, Il Sole 24 Ore, Bologna, 2013.

    MATERIALE DI APPROFONDIMENTO

     Non sono al momento disponibili materiali di approfondimento per questo corso.

    PROVE INTERMEDIE

    • Unità didattica 1: data da definire (II-III settimana di lezione), Verifica scritta con risposte aperte;
    • Unità didattica 2: data da definire (V-VI settimana di lezione), Verifica scritta con risposte aperte;
    • Unità didattica 3: data da definire (XI settimana di lezione), Verifica scritta con risposte aperte.

  • Argomento 1

    • Argomento 2

      • Argomento 3

        • Argomento 4

          • Argomento 5

            • Argomento 6

              • Argomento 7

                • Argomento 8

                  • Argomento 9

                    • Argomento 10