Indice degli argomenti

  • Strutture e funzioni degli organismi animali - Prof. Paolo Berardinelli - a.a. 2014/2015

    Paolo Berardinelli vive nella campagna abruzzese con Barbara ed Iacopo.E' professore associato in Anatomia degli animali domestici e svolge la propria attività didattica e di ricerca presso il Dipartimento di scienze biomediche comparate dell’Università degli Studi di Teramo.

    TITOLI ACCADEMICI, ATTIVITÀ DIDATTICA E DI RICERCA Si è laureato in Medicina Veterinaria nell'Universita' degli Studi di Bologna nel 1990. E’ diventato ricercatore universitario  dell’Università degli Studi "G. d'Annunzio" CHIETI-PESCARA nel 1994 . E’ attualmente Professore Associato nell’Università degli Studi di TERAMO e svolge la sua attività didattica curriculare presso la facoltà di Medicina Veterinaria  della stessa università dove insegna “Anatomia generale comparata e topografica” nonchè “Citologia ed istologia” nel corso di laurea in Biotecnologie e "strutture e funzioni degli organismi animali" nella Facoltà di Bioscienze. E’ stato membro del comitato scientifico del Master Universitario di I livello in "Biotecnologie della riproduzione" . E’ attualmente membro del comitato scientifico e tutor del dottorato di ricerca in “Biotecnologie molecolari e cellulari”.

    La sua attività di ricerca è incentrata sullo studio morfologico e molecolare delle gonadi di Mammifero con particolare attenzione alla gametogenesi ed alla follicologenesi. Le metodologie sperimentali applicate nei suoi studi combinano tecniche tradizionali ottiche ed ultrastrutturali di istochimica, immunoistochimica ed immunocitochimica ad approcci di biologia molecolare applicata allo studio cellulare (ibridazione in situ, Fish, PCR) .  Recentemente, ha preso parte all'istituzione del Consorzio scientifico regionale  "STEMTECH GROUP" (www.stemcells.unich.it: Unità Morfo-Fisiologia) sviluppando, in questo contesto, una nuova linea di ricerca rivolta alla biologia ed applicazione preclinica delle cellule progenitrici/staminali di derivazione amniotica ponendo, in particolare, l'attenzione verso la:

    - Caratterizzazione morfo-funzionale di cellule staminali isolate dalla membrana amniotica

    - Comprensione dei meccanismi rigenerativi di cellule staminali di derivazione amniotica su modelli preclinici animali .

    L’attività di ricerca scientifica svolta presso il Dipartimento di scienze biomediche comparate si è concretizzata nella pubblicazione di oltre settanta memorie bibliografiche di cui sessantadue su riviste a diffusione internazionale  citate sul "service" della "U.S.National Library of Medicine" (http://www.ncbi.nlm.nih.gov/sites/entrez) e (http://scholar.google.com/citations?hl=it&user=YC0-m-4AAAAJ&view_op=list_works&pagesize=100) .

    ESPERIENZE E COLLABORAZIONI SCIENTIFICHE PRESSO ALTRI ENTI DI RICERCA

    La formazione scientifica si è perfezionata presso istituzioni italiane ed  estere di ricerca dove ha soggiornato come ricercatore ospite.

    Fra queste:

    -         l'Istituto di Istologia ed Embriologia della Facolta' di Medicina e Chirurgia della Universita' di Oporto  (Portogallo) 

    -         la Royal Postgraduate  Medical School di Londra

    -          l'Hesperia Hospital di Modena nel Centro di Fisiopatologia del sistema nervoso

    -         l'Istituto Superiore di Sanita' di Roma per sviluppare tecniche morfologiche ultrastrutturali

    -         l'Istituto di Microscopia Clinica dell'Universita' degli Studi di Bologna

    L'attività di ricerca si è avvalsa della continuativa collaborazione con diversi ricercatori che operano presso centri di ricerca, nazionali ed internazionali. Fra le collaborazione intraprese hanno maggiormente influito sulla produzione scientifica quelle con il Prof. Robert Barone (Ecole veterinaire Lyon- France), la Prof. Anthea Rowlerson (King's College London, London, UK), il Dr Amir Arav (CoreDynamics, Ness-Tziona, Israel). Il Prof. Giuseppe Calabrese il Prof. Adriano Piattelli ed il Prof. Stefano Tetè  del Dipartimento di Scienze Mediche Orali e Biotecnologiche;  il Prof. Marco Marchisio del Dipartimento di medicina e scienza dell'invecchiamento ed il Prof. Liborio Stuppia  del Dipartimento di scienze Biomediche tutti dell’ Università Gabriele D'Annunzio Chieti-Pescara.

    ESPERIENZE GESTIONALI ED INCARICHI ACCADEMICI 

    Ha ricoperto numerosi incarichi di valutatore di ricerca per Enti esterni. 

    E’ revisore del Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca  per la valutazione dei progetti di rilevante interesse nazionale.

    E’ revisore esterno per le  Università degli Studi di Padova, di Milano ed Insubria.

    Dal 2012 è revisore per l’area 07 nei gruppi  esperti nella valutazione (GEV) per l’ agenzia nazionale per la valutazione del sistema universitario (ANVUR)

    E’ revisore per le riviste Anatomical Record ed Anatomia, Histologia, Embryologia

     E’ stato membro responsabile  e partecipante in molteplici progetti di ricerca internazionali e nazionali, ammessi al finanziamento sulla base di bandi competitivi, nonché ha assunto responsabilità scientifiche in progetti finalizzati di rilevante interesse intrauniversitario

     E’ stato docente Garante nel comitato Tecnico-ordinatore per l'istituzione e l'attivazione del Corso di laurea interfacoltà in Biotecnologie di Teramo

     Ha ricoperto incarichi politici accademici quali:

    - membro della Commissione didattica dell’ateneo teramano

    - membro della Commissione scientifica e di ricerca di ateneo

    - membro del Nucleo di Valutazione dell'Università degli Studi di Teramo con delega alla ricerca e dottorati di ricerca

    - membro del Comitato di Bioetica dell'Ateneo di Teramo

    - membro eletto  del Consiglio di Amministrazione dell'Università degli Studi di Teramo.

    Attualmente siede come membro eletto nel Senato Accademico dell’Università degli studi di Teramo

    L’impegno sociale si è rivolto, parallelamente all’attività accademica, ad attività formative in ambito locale e nazionale.

    Presso l’Università popolare medio adriatica della terza età ha tenuto, nel corso degli anni,  corsi di formazione e pubblicazioni finalizzate. 

    In sinergia con l’UNICEF e le tre Università abruzzesi ha contribuito ad organizzare ed ha tenuto relazioni nei corsi universitari multidisciplinari di educazione allo sviluppo (CUMES)

    E’ stato attivamente impegnato a fianco dell’Associazione Luca Coscioni contribuendo alla stesura delle motivazioni per la richiesta del referendum abrogativo della legge 40. Successivamente ha presieduto il comitato referendario a Teramo e coordinato le associazioni della Regione Abruzzo. Ha contributo alla stesura  e sottoscritto la redazione del documento promosso da Radicali italiani sull’abolizione del valore legale del titolo di studio

    Paolo Berardinelli lives in the Abruzzo countryside with Barbara and James. It 'Associate Professor in Anatomy of domestic animals and carries out its activities in teaching and research at the Department of Comparative Biomedical Sciences, University of Teramo.

    Academic, teaching and research

    He graduated in Veterinary Medicine in the University 'of the University of Bologna in 1990.

    E 'became assistant professor at the University "G. d'Annunzio" Chieti-Pescara in 1994.

    It 'currently Associate Professor at the University of Teramo and carries out its teaching curriculum at the Faculty of Veterinary Medicine at the same university where he teaches "Comparative and topographical anatomy general" and "Cytology and Histology" in the graduate program in Biotechnology

    It 'was a lecturer in the Technical Committee Guarantor-ordinator for the establishment and activation of the inter-Biotechnology Bachelor of Teramo

    It 'been a member of the Scientific Committee of the University Master's Degree in "Biotechnology of reproduction" and a PhD in molecular and cellular biotechnology

    His research focuses on the study of morphological and molecular gonads of mammal with a focus on the gametogenesis and folliculogenesis.

    The experimental methods applied in his studies combine traditional techniques of optical and electron histochemistry, immunohistochemistry and immunocytochemistry approaches applied to the study of molecular biology cell (in situ hybridization, Fish, PCR)

    Most recently, he took part in the establishment of the Consortium regional scientific "StemTeCh group" (www.stemcells.unich.it: Morpho-Physiology Unit) developing, in this context, a new line of research dedicated to the biology and pre-clinical application of progenitor cells / stem cells derived from amniotic placing, in particular, the attention towards:

    - Morpho-functional characterization of stem cells isolated from amniotic membrane

    - Understanding of regenerative mechanisms of stem cells derived from amniotic preclinical models of animals.

    The activity of scientific research carried out at the Department of Comparative Biomedical Sciences has resulted in the publication of over fifty bibliographic memories of which forty of internationally distributed magazines mentioned on the "service" of the "USNational Library of Medicine" (http:// www.ncbi.nlm.nih.gov / sites / entrez).

    Scientific training was completed at Italian and foreign institutions of research where he stayed as a guest researcher.

    These include: the Institute of Histology and Embryology of the Faculty 'of Medicine of the University' of Porto (Portugal), Royal Postgraduate Medical School in London, Hesperia Hospital, Modena Center of Physiopathology of the nervous system, ' Istituto Superiore di Sanita 'to develop ultrastructural morphological techniques and the Institute of Clinical Microscopy University' degli Studi di Bologna

    The research took advantage of the ongoing collaboration with several researchers who work at research centers, national and international.

    Among the collaboration undertaken have more influence on the scientific production with Prof. Robert Barone (Ecole veterinaire Lyon-France), Prof. Anthea Rowlerson (King's College London, London, UK), Dr Amir Arav (CoreDynamics, Ness-Tziona , Israel).

    Prof. Giuseppe Calabrese, Professor Adriano Piattelli and Prof. Stefano Tetè the Department of Oral Health Sciences and Biotechnology, Prof. Marco Marchisio, Department of medicine and science of aging and Professor Liborio Stuppia the Department of Biomedical Sciences all of 'Gabriele D'Annunzio University Chieti-Pescara.

    He has held a number of research evaluator for external bodies

    It 'auditor of the Ministry of Education and Research for the evaluation of projects of national interest.

    It 'external auditor for the University of Padua and Milan.

    Since 2012 he is a reviewer for the area in 07 groups experts in the evaluation (GEV) 's National Agency for the Evaluation of the University System (ANVUR)

    E 'was responsible member and participant in many international and national research projects, for funding on the basis of competitive tenders, and has had responsibility in scientific projects for the relevant interest intrauniversitario

    He has served as a member of the Commission academic political science and research of the University, of the Evaluation of the University of Teramo, with responsibility for research and PhD, of the Bioethics Committee of the University of Teramo and the Board of Directors University of Teramo.

    Currently sits as an elected member of the Academic Senate of the University of Teramo

    Social engagement turned, in parallel with academic training activities in the local and national levels. At the University of the Third Age median popular Adriatic held, over the years, training courses and publications aimed. In collaboration with UNICEF and the three Universities of Abruzzo helped organize and has lectured in university courses multidisciplinary development education (CUMES) E 'was actively engaged on the side of the Luca Coscioni contributing to the writing of the reasons for the request the referendum to repeal the law 40. He later chaired the referendum committee in Teramo and coordinated associations in the Abruzzo region. Has contributed to the writing and signed by the preparation of the document promoted by the Italian Radical Abolition of the legal value of the qualification

    OBIETTIVI DEL CORSO, PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'

    • Obiettivi formativi generali: Obiettivi formativi generali Lo studente di Strutture e funzioni degli organismi animali dovrà acquisire adeguate nozioni di citologia, istologia, ed anatomia sistematica comparata finalizzate alla comprensione delle procedure tecnologiche a cui sono sottoposti gli alimenti di origine animale. Le conoscenze acquisite saranno propedeuti che e finalizzate alla comprensione delle discipline professionali con particolare riguardo alle Produzioni animali ed alla Microbiologia alimentare.
    • Prerequisiti: Non sono previsti prerequisiti.
    • Propedeuticità: Non sono previste propedeuticità.

    INDICATORI DI DUBLINO PER UNITA' DIDATTICA

    UNITA' DIDATTICA 1: CITOLOGIA: Definizione degli aspetti morfologici della  cellula eucariote, anche con accenni ultrastrutturali, e funzionali. In dettaglio verranno trattati: La Teoria Cellulare: Organizzazione della sostanza vivente. Membrana plasmatica: struttura e funzione. Glicocalice. Sistema delle membrane endocellulari: Reticolo Endoplasmatico, Apparato di Golgi: struttura funzione. Ribosomi. Trasporso vescicolare, Eso- ed endocitosi. Nucleo: struttura e funzione; DNA ed RNA proteine nucleari; membrana nucleare: pori nucleari e traffico nucleare; organizzazione della cromatina-nucleosoma; Nucleolo. Mitocondri struttura e funzione; Lisosomi e Perossisomi. Citoscheletro: struttura e funzione. Centrioli e Assonema.
    ISTOLOGIA: Tessuto epiteliale: rivestimento e ghiandolari. Classificazione degli epiteli. Differenziazione della superficie libera (microvilli, ciglia e stereociglia), laterale e basale. Giunzioni. Epiteli ghiandolari. Modalità di secrezione. Classificazione morfologica delle ghiandole. Esempi di ghiandole esocrine ed endocrine. Tessuto Connettivo. Le cellule e fibre connettivali. Proteoglicani. Sostanza Fondamentale. Classificazione dei Tessuti Connettivi. Tessuti connettivi specializzati struttura e funzione: Tessuto Cartilagineo; Tessuto osseo: Condrogenesi e d Osteogenesi; Il Sangue Tessuto Muscolare Striato, Cardiaco e Liscio. Struttura e funzione. Tessuto Nervoso. Guaina mielinica. Terminazioni nervose: le sinapsi. Placche motrici. Nevroglia. Oligodendrociti

    Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente del 1° anno, impegnato nello studio delle materie di base verrà preparato in un primo approccio metodologico alla comprensione della terminologia e conoscenza delle nozioni di base della citologia e dell’istologia per un approccio successivo ai vari apparati; 

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione:L'U.D. si propone di fornire i metodi e i primi strumenti per acquisire capacità e competenze utili alla comprensione della struttura e funzione cellulare indirizzati alla comprensione dei processi microbiologici e produttivi  dei prodotti animali; 

    Autonomia di giudizio: Le conoscenze fornite allo studente durante il corso sono  finalizzate alla valutazione quantitativa e quantitativa dei prodotti di origine animale negli animali da reddito; 

    Abilità comunicative: Lo studente dovrà acquisire capacità di esprimersi correttamente e con terminologia scientifica adeguata descrivendo in modo orale e scritto informazioni inerenti la morfologia e la fisiologia degli animali e dei prodotti da essi derivati da destinarsi all’alimentazione umana; 

    Capacità di apprendimento: Le conoscenze tecnico-scientifiche acquisite attraverso il corso hanno l’obiettivo di sviluppare una adeguata capacità di apprendimento autonomo da parte dello studente, essenziale per poter comprendere la struttura e la funzione di organi e apparati. Alla fine del corso infatti lo studente avrà acquisito metodi per progredire a livelli di conoscenza sempre più avanzati attraverso una adeguata autonomia operativa.

    UNITA' DIDATTICA 2: Elementi strutturali e funzionali degli apparati :  respiratorio, cardiocircolatorio, urinario, genitale femminile e maschile, tegumentario (con particolare riferimento ad annessi cutanei e strutture di interesse ispettivo come. mammella, penne e piume) organi  endocrini.  Apparato digerente nei monogastrici e nei poligastrici con cenni di splancnologia e   riferimento particolare agli organi di interesse ispettivo quali  fegato e polmone.  Terminologia e descrizione di alcune regioni dei Mammiferi finalizzate alla comprensione dei tagli anatomici

    Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente di Strutture e funzioni degli organismi animali dovrà acquisire adeguate nozioni di anatomia sistematica comparata finalizzate alla comprensione delle procedure tecnologiche a cui sono sottoposti gli alimenti di origine animale; 

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Il corso si propone di fornire allo studente i metodi e gli strumenti per comprendere i meccanismi e le interazioni funzionali relative agli apparati elencati fra gli argomenti dell’UD 2; 

    Autonomia di giudizio: Le conoscenze fornite allo studente durante il corso sono  finalizzate alla valutazione quantitativa e quantitativa dei prodotti di origine animale negli animali da reddito; 

    Abilità comunicative: Lo studente dovrà acquisire capacità di esprimersi correttamente e con terminologia scientifica adeguata descrivendo in modo orale e scritto informazioni inerenti l’anatomia degli animali e i processi fisiologici;

    Capacità di apprendimento:Le conoscenze tecnico-scientifiche acquisite attraverso il corso hanno l’obiettivo di sviluppare una adeguata capacità di apprendimento autonomo da parte dello studente, essenziale per poter comprendere la struttura, la forma e la consistenza  di organi e apparati. Alla fine del corso infatti lo studente avrà acquisito metodi per progredire a livelli di conoscenza sempre più avanzati attraverso una adeguata autonomia operativa.

    UNITA' DIDATTICA 3: Struttura e funzione dell’apparato muscolo-scheletrico, compreso fisiologia della contrazione, fenomeni postmortali. Cenni di anatomia ispettiva (in Bovino e suino), con identificazione di sesso ed età nel Bovino; riconoscimento dei principali tagli anatomici e classificazione delle carcasse bovine ( SEUROP) ;  descrizione morfologica  della ghiandola mammaria  con accenni funzionali alla fisiologia della lattazione, propedeutiche alle produzioni animali ed alla microbiologia del latte; nozioni di anatomia Pesci, nozioni anatomia avicola

    Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente di Strutture e funzioni degli organismi animali dovrà acquisire adeguate nozioni di anatomia sistematica comparata finalizzate alla comprensione delle procedure tecnologiche a cui sono sottoposti gli alimenti di origine animale; 

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Il corso si propone di fornire allo studente i metodi e gli strumenti per comprendere i meccanismi e le interazioni funzionali relative agli apparati elencati fra gli argomenti dell’UD 3.; 

    Autonomia di giudizio: Le conoscenze fornite allo studente durante il corso sono  finalizzate alla valutazione quantitativa e quantitativa dei prodotti di origine animale negli animali da reddito; 

    Abilità comunicative: Lo studente dovrà acquisire capacità di esprimersi correttamente e con terminologia scientifica adeguata descrivendo in modo orale e scritto informazioni inerenti l’anatomia degli animali e i processi fisiologici;

    Capacità di apprendimento: Le conoscenze tecnico-scientifiche acquisite attraverso il corso hanno l’obiettivo di sviluppare una adeguata capacità di apprendimento autonomo da parte dello studente, essenziale per poter comprendere la struttura, la forma e la consistenza  di organi e apparati. Alla fine del corso infatti lo studente avrà acquisito metodi per progredire a livelli di conoscenza sempre più avanzati attraverso una adeguata autonomia operativa.

    LIBRI DI TESTO

    • R. Bortolami, E. Callegari, V.Beghelli, Anatomia e fisiologia degli animali domestici, Edagricole Sole 24 Ore, Bologna.
    • Dellmann Horst D., Eurell Jo A, Istologia e anatomia microscopica veterinaria, Ed CEA.

    MATERIALE DI APPROFONDIMENTO

    Non sono al momento disponibili materiali di approfondimento per questo corso.

    PROVE INTERMEDIE

    Date e argomenti da definire.

  • Argomento 1

    UNITA' DIDATTICA 1 PROGRAMMA

    CITOLOGIA Definizione degli aspetti morfologici della  cellula eucariote, anche con accenni ultrastrutturali, e funzionali. In dettaglio verranno trattati: La Teoria Cellulare: Organizzazione della sostanza vivente. Membrana plasmatica: struttura e funzione. Glicocalice. Sistema delle membrane endocellulari: Reticolo Endoplasmatico, Apparato di Golgi: struttura funzione. Ribosomi. Trasporto vescicolare, Eso ed endocitosi. Nucleo: struttura e funzione; DNA ed RNA proteine nucleari; membrana nucleare: pori nucleari e traffico nucleare; organizzazione della cromatina-nucleosoma; Nucleolo. Mitocondri struttura e funzione; Lisosomi e Perossisomi. Citoscheletro: struttura e funzione. Centrioli e Assonema.

    ISTOLOGIA Tessuto epiteliale: rivestimento e ghiandolari. Classificazione degli epiteli. Differenziazione della superficie libera (microvilli, ciglia e stereociglia), laterale e basale. Giunzioni. Epiteli ghiandolari. Modalità di secrezione. Classificazione morfologica delle ghiandole. Esempi di ghiandole esocrine ed endocrine. Tessuto Connettivo. Le cellule e fibre connettivali. Proteoglicani. Sostanza Fondamentale. Classificazione dei Tessuti Connettivi. Tessuti connettivi specializzati struttura e funzione: Tessuto Cartilagineo; Tessuto osseo: Condrogenesi e d Osteogenesi; Il Sangue Tessuto Muscolare Striato, Cardiaco e Liscio . Struttura e funzione. Tessuto Nervoso. Guaina mielinica. Terminazioni nervose: le sinapsi. Placche motrici. Nevroglia. Oligodendrociti.

  • Argomento 2

    UNITA' DIDATTICA 2 PROGRAMMA

    Elementi strutturali e funzionali degli apparati :  respiratorio, cardiocircolatorio, urinario, genitale femminile e maschile, tegumentario (con particolare riferimento ad annessi cutanei e strutture di interesse ispettivo come. mammella, penne e piume) organi  endocrini.  Apparato digerente nei monogastrici e nei poligastrici con cenni di splancnologia e   riferimento particolare agli organi di interesse ispettivo quali  fegato e polmone.  Terminologia e descrizione di alcune regioni dei Mammiferi finalizzate alla comprensione dei tagli anatomici.

  • Argomento 3

    UNITA' DIDATTICA 3 PROGRAMMA

    Argomenti: Struttura e funzione dell’apparato muscolo-scheletrico, compreso fisiologia della contrazione, fenomeni postmortali. Cenni di anatomia ispettiva (in Bovino e suino), con identificazione di sesso ed età nel Bovino; riconoscimento dei principali tagli anatomici e classificazione delle carcasse bovine ( SEUROP) ;  descrizione morfologica  della ghiandola mammaria  con accenni funzionali alla fisiologia della lattazione, propedeutiche alle produzioni animali ed alla microbiologia del latte; nozioni di anatomia Pesci, nozioni anatomia avicola.