Indice degli argomenti

  • Linguaggi artistici e musicali - Prof. Raffaella Morselli - a.a. 2014/2015

    Raffaella Morselli è Professore Ordinario di Storia dell'Arte Moderna presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi di Teramo e Delegato del Rettore per la cultura e il territorio. Ha conseguito la laurea, il perfezionamento e il dottorato di ricerca in Storia dell’Arte Moderna presso l’Università degli Studi di Bologna. Si occupa di collezionismo e di committenza del Cinque-Seicento, in particolare dell'area bolognese e dei Gonzaga di Mantova e di tutela del patrimonio storico-artistico italiano. Ha al suo attivo centinaia di pubblicazioni monografiche, cataloghi di musei, curatele di volumi, saggi e articoli in riviste internazionali, schede di catalogo. È stata reserch fellow del Getty Center (Los Angeles) e del Casva di Washington, direttore del Centro Internazionale di Palazzo Te di Mantova ed attualmente fa parte del gruppo di lavoro della Felsina Pittrice di Carlo Cesare Malvasia (Washington, CASVA, National Gallery of art). Ha insegnato Storia dell'arte presso il Dickinson College-Pennsylvania University (sede di Bologna) e alla Brown University (sede di Bologna). Si occupa anche di letteratura contemporanea ed è un Amico della Domenica e votante del Premio Strega. Fa parte del Consiglio di amministrazione della Fondazione Maria e Goffredo Bellonci (Roma). È nel consiglio direttivo di “Europa delle Corti” e della Fondazione Luigi Spezzaferro e nel comitato scientifico della Fondazione Montanari (Fano, Pesaro). È membro del CIHA Italia.

    Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dalle Piattaforme di condivisione video.
    Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

    OBIETTIVI DEL CORSO, PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'

    • Obiettivi formativi generali: Avere un’adeguata conoscenza dei fenomeni storici artistici e della loro evoluzione, nonché una buona dimestichezza con le pratiche della disciplina al fine di poter leggere e comprendere un prodotto artistico. Conoscere contesti, grammatiche, funzioni e processi della comunicazione visiva. Sviluppare il rapporto tra le tecnologie dell’informazione/della comunicazione e i luoghi espositivi/di fruizione dei prodotti culturali, quali  il museo e le mostre. La società contemporanea non vede più i luoghi e i prodotti della cultura esclusivamente come “scrigni” della memoria e “roccaforti” della tutela, ma come luoghi di esperienze conoscitive, di aggregazione sociale, di crescita civile e di ridefinizione identitaria dei singoli e della collettività.
    • Prerequisiti: Conoscenza di base della storia dell’arte del XX e XXI Secolo
    • Propedeuticità: Nessuna

    INDICATORI DI DUBLINO PER UNITA' DIDATTICA

    1. UNITA' DIDATTICA: Storia dell’arte contemporanea

    Conoscenza e capacità di comprensione:Acquisizione dei principali linguaggi e fenomeni dell’arte contemporanea e della loro evoluzione

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Acquisizione di strumenti e riferimenti per leggere e comprendere le espressioni artistiche della contemporaneità

    Autonomia di giudizio:Saper sviluppare un approccio critico

    Abilità comunicative:Elaborare e restituire concetti strutturati

    Capacità di apprendimento:Sviluppare strumenti e linguaggi finalizzati ad un approccio critico

    2. UNITA' DIDATTICA: I musei contemporanei

    Conoscenza e capacità di comprensione:Acquisizione dello sviluppo storico e artistico della istituzione culturale del museo contemporaneo legato allo sviluppo delle nuove tecnologie e e dei nuovi linguaggi comunicativi

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione:Acquisizione di strumenti e riferimenti per leggere e comprendere la molteplicità e la complessità del museo contemporaneo oggi  

    Autonomia di giudizio:Saper sviluppare un approccio critico

    Abilità comunicative:Elaborare e restituire concetti strutturati 

    Capacità di apprendimento:Sviluppare strumenti e linguaggi finalizzati ad un approccio critico e personale

    3. UNITA' DIDATTICA: Ritratti, autoritratti, mascheramenti nei secoli XVI - XIX

    Conoscenza e capacità di comprensione: Acquisizione delle principali nozioni sull’evoluzione dei concetti di ritratto e autoritratto. Lettura e comprensione critica dei fenomeni nelle loro manifestazioni testuali visive

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione:Acquisizione di strumenti e riferimenti per leggere e comprendere lo sviluppo del ritratto e dell’autoritratto dal XVI al XIX secolo

    Autonomia di giudizio:Saper sviluppare un approccio critico

    Abilità comunicative:Elaborare e restituire concetti strutturati 

    Capacità di apprendimento:Sviluppare strumenti e linguaggi finalizzati ad un approccio critico e personale

    4. UNITA' DIDATTICA: La semiotica visiva. Grammatiche, funzioni e processi della comunicazione attraverso le immagini.

    Conoscenza e capacità di comprensione

    • La semiotica figurativa e la semiotica plastica (analisi funzionalista e analisi strutturalista)
    • Le dinamiche psicologiche e socio-culturali che sottendono i processi di rappresentazione e di riconoscimento di un’immagine;
    • Le differenze tra iconografia, iconologia e semiotica;
    • Le strutture narrative delle immagini.

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione:Leggere autonomamente un’immagine applicando processi interpretativi diversi.

    Autonomia di giudizio:Attribuire significati alle immagini individuando una personale prospettiva interpretativa.

    Abilità comunicative:Presentare ad altri la lettura di un’immagine 

    Capacità di apprendimento:

    - Verificare un’ipotesi interpretativa.

    - Confutare un’ipotesi interpretativa. 

    Libri di testo

    - Gillo Dorfles, Angela Vettese, “Storia dell’arte. Novecento e oltre”, Vol. 4, Atlas, Bergamo, 2013 (da pag. 355 a pag. 462)

     - Mario Savini, “Nella rete dell’arte elettronica” in “La geografia dell’arte. Età moderna e contemporanea” (Nicoletta Frapiccini e Nunzio Giustozzi, a cura di), Vol. 3, Hoepli, Milano, 2006, pag. 570

    - Antonello Marotta, “Atlante dei musei contemporanei”, Skira, Milano, 2010

    - Piero Polidoro, “Che cos’è la semiotica visiva”, Carocci, Roma, 2008

    - Enrica Morini, “Storia della moda. XVIII- XXI secolo”, Milano, Skira, 2010 (specie per la campionatura iconografica)

    - Maria Giuseppina Muzzarelli, “Breve storia della moda in Italia”, Bologna, Il Mulino, 2011

     

    MATERIALE DI APPROFONDIMENTO

    PROVE INTERMEDIE

    • Unità didattica 1: 7 ottobre 2014
    • Unità didattica 2: 28 ottobre 2014
    • Unità didattica 3: 13 novembre 2014
    • Unità didattica 4: 18 dicembre 2014

  • Video di Presentazione del Corso

    Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dalle Piattaforme di condivisione video.
    Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

  • PROGRAMMA A.A. 2014/2015 - Linguaggi artistici e musicali / Storia dell'Arte

    PROGRAMMA A.A. 2014/2015 - Linguaggi artistici e musicali / Storia dell'Arte

  • Unità didattica 1 - Temi e autori della storia dell’arte contemporanea

    Temi e autori della storia dell’arte contemporanea

    Verranno fornite le nozioni fondamentali e i metodi adeguati alla comprensione e all’analisi dei linguaggi della cultura visiva contemporanea, ripercorrendo i riferimenti più importanti dagli anni Sessanta (Happening, Neo Dada, Pop Art) fino alle poetiche postmoderne. Saranno anche esaminati i differenti linguaggi artistici in Rete e i recenti sviluppi della New Media Art.

    Lezioni:

    1) martedì 23 settembre 2014 Temi e autori della storia dell’arte contemporanea – Test d'ingresso

     2) mercoledì 24 settembre 2014 Temi e autori della storia dell’arte contemporanea

     3) martedì 30 settembre 2014  Temi e autori della storia dell’arte contemporanea

    4) mercoledì 1 ottobre 2014  Temi e autori della storia dell’arte contemporanea

  • Unità didattica 2 - I musei contemporanei

    I musei contemporanei

    Sviluppare il rapporto tra le tecnologie dell’informazione/della comunicazione e i luoghi espositivi/di fruizione dei prodotti culturali, quali  il museo e le mostre. La società contemporanea non vede più i luoghi e i prodotti della cultura esclusivamente come “scrigni” della memoria e “roccaforti” della tutela, ma come luoghi di esperienze conoscitive, di aggregazione sociale, di crescita civile e di ridefinizione identitaria dei singoli e della collettività.

    Lezioni:

    1) martedì 7 ottobre 2014 I musei contemporanei – Prova scritta

     2) mercoledì 8 ottobre 2014 I musei contemporanei

     3) martedì 14 ottobre 2014  I musei contemporanei

     4) mercoledì 15 ottobre I musei contemporanei

  • Unità didattica 3 - Ritratti e Autoritratti (secoli XVI – XIX)

    Ritratti  e Autoritratti (secoli XVI – XIX)

    Moda, ritratto e autoritratto si intersecano e si estrinsecano attraverso diverse espressioni e modalità nel corso dei secoli. Si intende qui  analizzare e approfondire criticamente l’evoluzione di ritratti e autoritratti, della moda e del gusto  in un excursus attraverso i secoli e attraverso la lettura e l’interpretazione di testi figurativi e di fonti storico-artistiche.

    Lezioni:

    1) martedì 28 ottobre 2014 Ritratti  e Autoritratti (secoli XVI – XIX) - Prova scritta

     2) mercoledì 29 ottobre 2014 - Ritratti  e Autoritratti (secoli XVI – XIX)

     3) martedì 4 novembre 2014 - Ritratti  e Autoritratti (secoli XVI – XIX)

     4) mercoledì 5 novembre 2014 - Ritratti  e Autoritratti (secoli XVI – XIX)

  • Unità didattica 4 - La semiotica visiva. Grammatiche, funzioni e processi della comunicazione attraverso le immagini

    La semiotica visiva. Grammatiche, funzioni e processi della comunicazione attraverso le immagini

    La semiotica è la disciplina che studia come funzionano i linguaggi. In particolare, la semiotica visiva fornisce gli strumenti per analizzare le immagini e per comprendere come e che cosa esse riescono a comunicare. Questa operazione viene effettuata anche da altre discipline quali l’iconografia, l’iconologia e la psicologia della percezione (Gestalt). Il corso costituisce il modulo finale del percorso complessivo, ed ha lo scopo di ricondurre le prassi di analisi e di lettura effettuate nei moduli precedenti entro il sistema di regole che sottende il funzionamento dei testi visivi, per esplicitarne le caratteristiche e consolidare la comprensione e la personale applicazione dei principali strumenti interpretativi.

    Lezioni:

    1) giovedì 13 novembre 2014 La semiotica visiva - Prova scritta

     2) giovedì  20 novembre 2014 – La semiotica visiva

     3) giovedì 27 novembre 2014 – La semiotica visiva

     4) giovedì 4 dicembre 2014 – La semiotica visiva

     5) giovedì 11 dicembre 2014 – La semiotica visiva

     6) giovedì 18 dicembre 2014 La semiotica visiva  - Prova scritta

  • Argomento 7

    • Argomento 8

      • Argomento 9

        • Argomento 10