Indice degli argomenti

  • Produzione artistica e musicale - Prof. Raffaella Morselli - a.a. 2014/2015

    Raffaella Morselli è Professore ordinario di Storia dell'arte Moderna presso la Facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università degli Studi di Teramo e delegato del Rettore per la cultura e il territorio. Nata a Mantova, ha conseguito la laurea, il perfezionamento e il dottorato di ricerca in Storia dell’Arte Moderna presso l’Università degli Studi di Bologna. Si occupa di collezionismo e di committenza del Cinque-Seicento, in particolare dell'area bolognese e dei Gonzaga di Mantova e di tutela del patrimonio storico-artistico italiano. E' stata curatrice, assieme ad Andrea Emiliani, della mostra Gonzaga. La celeste Galeria (Mantova 2 settembre 2002-15 gennaio 2003), Ritratto di una collezione. G.P.Pannini e la quadreria del cardinal Silvio Valenti Gonzaga, 2005 e Venanzo Crocetti e il sentimento dell’antico (Roma, palazzo Venezia, 2013); fa parte di numerosi comitati scientifici di mostre internazionali. Ha al suo attivo centinaia di pubblicazioni monografiche, cataloghi di musei, curatele di volumi, saggi e articoli in riviste internazionali, schede di catalogo. E' stata reserch fellow del Getty Center (Los Angeles) dal 1990 al 1994, direttore del Centro Internazionale di palazzo Te di Mantova, ed attualmente fa parte del gruppo di lavoro della Felsina Pittrice di Carlo Cesare Malvasia (Washington, CASVA, National Gallery of art). Tra le sue monografie si ricordano, per l'area bolognese, Collezionisti e quadrerie nella Bologna del Seicento (Los Angeles, 1998), Repertorio per lo studio del collezionismo bolognese del Seicento (Bologna, 1997), I disegni della Biblioteca Nacional di Rio de Janeiro (Milano, 1995); per l’area gonzaghesca Le collezioni Gonzaga. L’elenco dei beni del 1626-1627 (2000); Le collezioni Gonzaga. La quadreria (2006). Sta lavorando sul tema degli artisti felsinei del XVII secolo in qualità di attori dell’economia cittadina; questi studi sono editi in Vivere d’arte. Finanze e carriere d’artisti nella Italia moderna, Roma Carocci 2007, in Painting for profit (Yale University press 2010), mentre un volume monografico Il portafoglio dell’artista, è in fase di attuazione. Sul tema della tutela si ricorda inoltre il libro Fuori dalla guerra. Emilio Lavagnino e la tutela delle opere d’arte del Lazio, Milano Mondadori 2010. In corso di pubblicazione è il volume L’artista di corte nell’Italia del Seicento (Roma, Viella). Assieme ai temi storico artistici si occupa di letteratura contemporanea ed è un Amico della Domenica e votante del Premio Strega, oltre a far parte del consiglio d’amministrazione della Fondazione Maria e Goffredo Bellonci (Roma) e Presidente del Premio Teramo. Fa inoltre parte del consiglio direttivo della Fondazione Luigi Spezzaferro (Roma) e del comitato scientifico della Fondazione Montanari (Fano, Pesaro).

    Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dalle Piattaforme di condivisione video.
    Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

    OBIETTIVI DEL CORSO, PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'

    • Obiettivi formativi generali: Avere un’adeguata conoscenza dei fenomeni storici artistici e della loro evoluzione, nonché una buona dimestichezza con le pratiche della disciplina al fine di poter leggere e comprendere un prodotto artistico. Conoscere contesti, grammatiche, funzioni e processi della comunicazione visiva. Sviluppare il rapporto tra le tecnologie dell’informazione/della comunicazione e i luoghi espositivi/di fruizione dei prodotti culturali, quali  il museo e le mostre. La società contemporanea non vede più i luoghi e i prodotti della cultura esclusivamente come “scrigni” della memoria e “roccaforti” della tutela, ma come luoghi di esperienze conoscitive, di aggregazione sociale, di crescita civile e di ridefinizione identitaria dei singoli e della collettività.
    • Prerequisiti: Conoscenza di base della storia dell’arte del XX e XXI Secolo
    • Propedeuticità: Nessuna

    INDICATORI DI DUBLINO PER UNITA' DIDATTICA

    1. UNITA' DIDATTICA: Selfie. Dallo spazio della contemplazione a quello dell’azione.

    Conoscenza e capacità di comprensione: Acquisizione delle principali definizioni di autoritratto fotografico e del fenomeno selfie come pratica estetica nella storia dell’arte contemporanea.

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione:Acquisizione di strumenti e riferimenti per leggere e comprendere la ricerca fotografica nelle espressioni artistiche della contemporaneità.

    Autonomia di giudizio: Saper sviluppare un approccio critico.

    Abilità comunicative:Elaborare e restituire concetti strutturati

    Capacità di apprendimento: Sviluppare strumenti e linguaggi finalizzati ad un approccio critico.

    2. UNITA' DIDATTICA: Come allestire il selfie.

    Conoscenza e capacità di comprensione: Acquisizione delle principali modalità di allestimento di mostre e di mostre nei musei e delle nozioni relative alle pratiche e tecniche di allestimento internazionali.

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Acquisizione di strumenti, tecniche e pratiche per l’analisi critica e storica del concept mostra, dalla progettazione all’ordinamento e all’allestimento.

    Autonomia di giudizio: Saper sviluppare un approccio critico

    Abilità comunicative:Elaborare e restituire concetti strutturati .

    Capacità di apprendimento: Sviluppare strumenti e linguaggi finalizzati ad un approccio critico

    3. UNITA' DIDATTICA: Ritratti, autoritratti, mascheramento. Il Novecento

    Conoscenza e capacità di comprensione: Acquisizione delle principali nozioni storiche relative all’evoluzione del ritratto e dell’autoritratto. Excursus storico e puntualizzazioni sul Novecento

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione:Acquisizione di strumenti, tecniche e pratiche per l’indagine sulle testimonianze visive dei ritratti e degli autoritratti

    Autonomia di giudizio: Saper sviluppare un approccio critico e capacità di interpretazioni autonome

    Abilità comunicative:Elaborare e restituire concetti strutturati

    Capacità di apprendimento: Sviluppare strumenti e linguaggi finalizzati ad un approccio critico

    Libri di testo

    - Susan Bright, “AUTO FOCUS. L’autoritratto nella fotografia contemporanea”, Contrasto, Roma, 2010

    -  Maria Luisa Tomea Gavazzoli, “Manuale di museologia”, Etas, Milano, 2003, pp. 94 – 127

    -  Angelo Pasetti, “Luce e spazio nel museo d’arte. Architettura e illuminazione”, Edifir, Firenze, 1999, pp. 11-31; 65-77 e 105-111

    -  Silvia Grandi, Alessandra Vaccari, Sabrina Zannier, “La moda nel secondo dopoguerra”, introduzione di Renato Barilli, Bologna, Clueb, 1992

    -  Silvia Grandi, Alessandra Vaccari, “Vestire il Ventennio. Moda e cultura artistica in Italia tra le due guerre”, Bologna, Bup, 2004.

    MATERIALE DI APPROFONDIMENTO

    PROVE INTERMEDIE

    • Unità didattica 1: 7 ottobre 2014
    • Unità didattica 2: 28 ottobre 2014
    • Unità didattica 3: 5 novembre 2014

  • Video di Presentazione del Corso

    Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dalle Piattaforme di condivisione video.
    Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

    • Unità didattica 1 - Selfie. Dallo spazio della contemplazione a quello dell’azione.

      Selfie. Dallo spazio della contemplazione a quello dell’azione.

      La rapida ed estesa diffusione del selfie è la conseguenza del veloce incremento dei telefoni cellulari, in particolare degli smartphone che hanno iniziato ad implementare la front-facing camera. Il neologismo è diventato, per l’Oxford Dictionaries, la parola dell’anno 2013. Il fenomeno del selfie è un comportamento sociale caratteristico della nostra epoca, ma è anche una pratica estetica di indiscusso valore culturale che trova le sue radici nell’autoritratto fotografico. Il corso ha lo scopo di analizzare la ricerca dei più importanti artisti contemporanei, soffermandosi anche sul concetto di identità in rapporto al social networking e alle nuove tecnologie informatiche.


      Lezioni:

      1) martedì 23 settembre 2014 Selfie. Dallo spazio della contemplazione a quello dell’azione. - Test d'ingresso

       2) mercoledì 24 settembre 2014 Selfie. Dallo spazio della contemplazione a quello dell’azione.

       3) martedì 30 settembre 2014  Selfie. Dallo spazio della contemplazione a quello dell’azione.

       4) mercoledì 1 ottobre 2014  Selfie. Dallo spazio della contemplazione a quello dell’azione.

    • Unità didattica 2 - Come allestire il selfie

      Come allestire il selfie 

      Analisi delle pratiche e delle tecniche finalizzate all’allestimento di una mostra in spazi culturali idonei. Excursus storico-critico sulle mostre che ad oggi hanno proposto o propongono il tema del selfie. Individuazione di nuclei tematici legati al paesaggio e al territorio teramano che fungeranno da elementi cardine per la progettazione e l’allestimento di una mostra di selfie.


      Lezioni:

      1) martedì 7 ottobre 2014 Come allestire il selfie  – Prova scritta

      2) mercoledì 8 ottobre 2014 Come allestire il selfie 

      3) martedì 14 ottobre 2014  Come allestire il selfie 

      4) mercoledì 15 ottobre Come allestire il selfie 

       

    • Unità didattica 3 - MEMENTO MOI - Ritratti Autoritratti Mascheramenti - Il Novecento

      MEMENTO MOI - Ritratti  Autoritratti  Mascheramenti - Il Novecento

      Il selfie dilaga. Come se fosse divenuto il fulcro assicurativo del proprio nomadismo da postare in tempo reale e condividere per un istante. Estensione dell’autoritratto di marca Otto e Novecentesca e suo naturale superamento, esso pare l’ennesima variante dell’autoritratto al cavalletto, più che mai interessato all’aura della testa. Quando non c’era, era il tempo lento delle corti o quello vorticante delle capitali in stato nascente ad assicurare il riflesso della propria identità, meglio se vestita all’ultima moda, nei caratteri di un’architettura corporale dei mille intrichi di segni, simboli, rimandi. E il Novecento è tutto un frullar d’ali di arcani modistici mescolati al culto dell’identità. Il corso propone incontri, tra Moda Ritratto e Autoritratto; tra stravaganze, esuberanze, intrecci artistici; estetica, stile, società. Sempre per dar contezza dell’apoteosi di sé.

      Lezioni:

      1) martedì 28 ottobre 2014 MEMENTO MOI - Ritratti  Autoritratti  Mascheramenti - Il Novecento – Prova scritta

      2) mercoledì 29 ottobre 2014 MEMENTO MOI - Ritratti  Autoritratti  Mascheramenti - Il Novecento

       3) martedì 4 novembre 2014 MEMENTO MOI - Ritratti  Autoritratti  Mascheramenti - Il Novecento

      4) mercoledì 5 novembre 2014 MEMENTO MOI - Ritratti  Autoritratti  Mascheramenti - Il Novecento – Prova scritta

    • "Ore 9, lezione di selfie l’autoscatto è materia d’esame. Da Londra a Teramo, spuntano corsi universitari sull’arte di ritrarsi"

    • Argomento 6

      • Slide n. 1 (1/3)

        • Niccolò dell'Arca: Compianto sul Cristo morto