Indice degli argomenti

  • Biochimica - Prof. Sergio Oddi - a.a. 2014/2015

    Ricercatore confermato di Biochimica.  All'inizio della sua carriera scientifica si è interessato alla biochimica dell'epidermide, occupandosi della caratterizzazione della transglutaminasi 5 e di altre proteine coinvolte nella patofisiologia della cute presso il Laboratorio di Biochimica dell'Università di Roma "Tor Vergata" diretto dal Prof. Gerry Melino. Nel corso del suo periodo di postdottorato si è occupato della purificazione di complessi multiproteici associati ai meccanismi epigenetici presso il Laboratorio di Biochimica dell'Istituto Europeo di Oncologia di Milano diretto dal Dott. K. Helin. Negli ultimi anni ha studiato il sistema endocannabinoide con un approccio multidisciplinare in diversi modelli sperimentali in vitro e in vivo presso il Laboratorio di Neurochimica dei Lipidi diretto dal Prof. Mauro Maccarrone presso il Centro Europeo di Ricerche sul Cervello della Fondazione Santa Lucia di Roma. In particolare, la sua attività di ricerca si è concentrata nell'ambito (i) dei meccanismi di trasporto e accumulo degli endocannabinoidi; (ii) della dinamica spazio-temporale dei recettori cannabici nel loro ambiente di membrana; e (iii) del ruolo neuroprotettivo dei cannabinoidi in modelli preclinici di malattie neurodegenerative. I risultati ottenuti durante la sua attività di ricerca sono stati pubblicati in 38 articoli scientifici su riviste internazionali, tra cui la prestigiosa rivista TRENDS IN BIOCHEMICAL SCIENCES (I.F. totale = 175; h index = 19; http://scholar.google.com/citations?user=FUlF5iAAAAAJ). Dal punto di vista applicativo, ha contribuito a sviluppare e caratterizzare nuove molecole, attualmente coperte da BREVETTO INTERNAZIONALE, per lo studio del trasporto e della segnaletica degli endocannabinoidi (biotinylated anandamide, MM-2, http://www.tocris.com/dispprod.php?ItemId=280487#.U2Dvf16Hoj8).

    E' stato membro dell'International Cannabinoid Research Society (ICRS) e della British Pharmacological Society (BPS). E' membro della Società Italiana di Biochimica (SIB). E' membro del comitato editoriale della rivista "Frontiers in Membrane Physiology and Biophysics". 

    Dal 2004 ad oggi, è Professore Aggregato di Biochimica all’Università degli Studi di Teramo.

    Dal 2004 al 2012, è stato titolare dei corsi di "Metodologie Biochimiche per il controllo della Qualità Alimentare", "Genetica e Biologia Molecolare applicate all'agroalimentare", "Diagnostica Biochimica", "Metodologie Applicate allo Studio della Riproduzione", ed "Enzimologia".

    Dal 2013 ad oggi, è titolare dei corsi di "Biochimica" ed "Elementi di Chimica e Biochimica", rispettivamente, per i corsi di Laurea in Medicina Veterinaria e in Tutela e Benessere Animale.

    Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dalle Piattaforme di condivisione video.
    Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

    OBIETTIVI DEL CORSO, PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'

    • Obiettivi formativi generali > Lo studente dovrà aver acquisito un’adeguata conoscenza e comprensione dei concetti di base della biochimica, enfatizzando quei principi che sono maggiormente rilevanti per il lavoro dell’esperto del benessere animale, tra cui la familiarità con la struttura e la funzione generale degli enzimi e delle principali vie metaboliche delle maggiori specie animali. Dovrà essere in grado di descrivere i principali marcatori biochimici utilizzati in diagnostica clinica. Lo studente dovrà aver acquisito la capacità di applicare concetti e metodologie della biochimica agli aspetti biologici, microbiologici, biofisici, tossicologici e patologici concernenti lo stato di salute, di malattia e di benessere dell’animale singolo ed in allevamento.
    • Prerequisiti > Conoscenze logico-matematiche di base.
    • Propedeuticità > Nessuna.

    INDICATORI DI DUBLINO PER UNITA' DIDATTICA

    UNITA' DIDATTICA 1: Composizione chimica degli organismi viventi

    Conoscenza e capacità di comprensione: Familiarità con la struttura e la funzione generale delle diverse biomolecole animali. Interpretare le proprietà chimiche e biochimiche delle biomolecole sulla base della conoscenza dei gruppi funzionali e dei principali fattori energetici che guidano i diversi processi biologici. Descrizione dei livelli di organizzazione delle strutture e delle funzioni delle macromolecole biologiche. Conoscenza dell’organizzazione microscopica e molecolare delle cellule batteriche ed eucariotiche.

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Capacità di applicare concetti e metodologie della biochimica agli aspetti chimici, biologici, microbiologici, biofisici, tossicologici e patologici concernenti lo stato di salute, di malattia, di stress e di benessere dell’animale singolo ed in allevamento.

    Autonomia di giudizio: Un’adeguata autonomia di giudizio, sia nel proprio ambito di lavoro che al di fuori di esso, potrà essere raggiunta attraverso la costituzione di una solida cultura scientifica, di cui i concetti fondamentali della biochimica rappresentano un’importante componente.

    Abilità comunicative: Lo studente dovrà essere in grado di esporre e spiegare, in maniera semplice ma rigorosa, anche a un pubblico non esperto, i processi molecolari che stanno alla base degli organismi animali, del loro stato di salute, malattia, benessere e stress.

    Capacità di apprendimento: Lo studente dovrà essere in grado di collegare e integrare le conoscenze apprese con quelle fornite nei corsi precedenti e successivi. Inoltre, dovrà essere in grado di aggiornare le proprie conoscenze pertinenti alla biochimica, consultando pubblicazioni scientifiche anche in lingua inglese.

    UNITA' DIDATTICA 2: Enzimologia

    Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente dovrà aver acquisito un’adeguata conoscenza e comprensione dei concetti di base della enzimologia, enfatizzando quei principi che sono maggiormente rilevanti per il lavoro dell’esperto di benessere animale, tra cui la familiarità con la struttura e l’attività catalitica e regolatoria degli enzimi. Dovrà essere in grado di descrivere i principali enzimi di interesse clinico, nonché le principali tecniche biochimiche attualmente in uso in diagnostica.

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà essere in grado di utilizzare le sue conoscenze per comprendere i principi sottostanti le metodologie enzimatiche, con particolare riguardo alla diagnostica enzimatica. 

    Autonomia di giudizio: Un’adeguata autonomia di giudizio, sia nel proprio ambito di lavoro che al di fuori di esso, potrà essere raggiunta attraverso la costituzione di una solida cultura scientifica, di cui i concetti fondamentali della biochimica rappresentano un’importante componente.

    Abilità comunicative: Lo studente dovrà essere in grado di esporre e spiegare, in maniera semplice ma rigorosa, anche a un pubblico non esperto, i processi molecolari che stanno alla base degli organismi animali, del loro stato di salute, malattia, benessere e stress.

    Capacità di apprendimento: Lo studente dovrà essere in grado di collegare e integrare le conoscenze apprese con quelle fornite nei corsi precedenti e successivi. Inoltre, dovrà essere in grado di aggiornare le proprie conoscenze pertinenti alla biochimica, consultando pubblicazioni scientifiche anche in lingua inglese.

    UNITA' DIDATTICA 3: Metabolismo

    Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente dovrà aver acquisito un’adeguata conoscenza e comprensione dei concetti di base del metabolismo, enfatizzando quei principi che sono maggiormente rilevanti per il lavoro di esperto di benessere animale, tra cui la familiarità con le principali vie metaboliche delle maggiori specie animali. Dovrà conoscere i meccanismi che regolano e coordinano il metabolismo tra i diversi organi di un organismo, nonché i principali disordini metabolici, come i disturbi metabolici congeniti e le sindromi metaboliche.

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà essere in grado di utilizzare le sue conoscenze sul metabolismo per interpretare e valutare lo stato di stress e di benessere di un animale.

    Autonomia di giudizio: Un’adeguata autonomia di giudizio, sia nel proprio ambito di lavoro che al di fuori di esso, potrà essere raggiunta attraverso la costituzione di una solida cultura scientifica, di cui i concetti fondamentali della biochimica rappresentano un’importante componente.

    Abilità comunicative: Lo studente dovrà essere in grado di esporre e spiegare, in maniera semplice ma rigorosa, anche a un pubblico non esperto, i processi molecolari che stanno alla base degli organismi animali, del loro stato di salute, malattia, benessere e stress.

    Capacità di apprendimento: Lo studente dovrà essere in grado di collegare e integrare le conoscenze apprese con quelle fornite nei corsi precedenti e successivi. Inoltre, dovrà essere in grado di aggiornare le proprie conoscenze pertinenti alla biochimica, consultando pubblicazioni scientifiche anche in lingua inglese.

    Libri di testo

    1. Nelson e Cox, I principi di biochimica di Lehninger (VI edizione), Zanichelli, Bologna, 2014. Testo di base del corso, valido per tutti gli aspetti teorici del corso.

    2. Voet, Voet e Pratt, Fondamenti di biochimica, Zanichelli, Bologna, 2013. Testo più avanzato, valido per tutti gli aspetti teorici del corso e per approfondimenti sulle prime due unità didattiche.

    3. Lieberman, Marks, Biochimica Medica, Casa Editrice Ambrosiana, Milano, 2010. Testo da consultare per gli aspetti biomedici e per il capitolo sulla bioenergetica.

    4. Siliprandi, Tettamanti, Biochimica Medica, Piccin, Padova, 2013. Testo da consultare per gli aspetti biomedici e per il capitolo sulle applicazioni diagnostiche degli enzimi.

    5. Devlin, Biochimica con aspetti clinico-farmaceutici, EdiSES, Napoli, 2013. Testo da consultare per approfondimenti di carattere clinico-farmaceutico.

    6. Baynes, Dominiczak, Biochimica per le discipline biomediche, Casa Editrice Ambrosiana, Milano, 2006. Testo da consultare per gli aspetti biomedici e per il capitolo sulla biochimica della coagulazione del sangue.

    MATERIALE DI APPROFONDIMENTO

    Al momento non sono disponibili materiali di approfondimento per questo corso.

    PROVE INTERMEDIE

    Prima prova in itinere: 13 gennaio 2015; ore 13.30

    Seconda prova in itinere: 20 gennaio 2015; ore 13.30

    Terza prova in itinere: 29 gennaio 2015; ore 13.30 

  • Questo argomento

    COMUNICAZIONI AGLI STUDENTI

    CAUSA MALATTIA DEL DOCENTE TITOLARE, L'APPELLO DEL 5 GIUGNO 2015 SARA' PRESIEDUTO DALLA DOTTORESSA CINZIA RAPINO.

    LA REGISTRAZIONE DEL VOTO SARA' POSTICIPATA AL PROSSIMO APPELLO UTILE.

    CORDIALI SALUTI,

    SERGIO ODDI

    • COMUNICAZIONI agli STUDENTI

      Avviso ritardo

       

      Causa sciopero dei trasporti, l'orario di inizio dell'esame è posticipato, orientativamente alle 12.00.

      AVVISO CAMBIO AULA APPELLO DEL 29 MAGGIO 2015

      SI AVVISANO I GENTILI STUDENTI CHE L'ESAME PER L'APPELLO DEL 29 MAGGIO 2015

      SI SVOLGERA' ALLE ORE 11.30 PRESSO L'AULA TESI DELLA FACOLTA' DI MEDICINA VETERINARIA A PIANO D'ACCIO

      IL DOCENTE

      SERGIO ODDI

      • Video di presentazione del corso

        Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dalle Piattaforme di condivisione video.
        Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

        • Unità Didattica 1 - Composizione chimica degli organismi viventi

        • Unità Didattica 2 - Enzimologia

        • FREQUENZA CORSO

          Gli studenti aderenti al patto, o pattisti, sono tenuti a frequentare non meno di 11 lezioni del corso, pena l’esclusione dalla possibilità di sostenere le prove parziali e la segnalazione della loro mancata partecipazione alla Segreteria degli Studenti. 

          All'inizio di ogni lezione, lo studente è tenuto a registrare la propria presenza in aula. Per procedere alla registrazione della sua frequenza, lo studente dovrà inserire la password che gli verrà comunicata all'inizio della lezione dal docente.

          • AUTOVALUTAZIONE

            Box contenente i test di auto-verifica della comprensione degli argomenti del corso. Gli studenti possono liberamente esercitarsi sui test di autovalutazione anche per prepararsi alle prove in itinere e alla prova finale.

          • PROVE IN ITINERE

            Le prove in itinere, o parziali, sono prove scritte della durata di 30 minuti, ognuna delle quali incentrata su una unità didattica e comprendente 30 domande, tra risposta multipla, test vero/falso e corrispondenze, pescate a caso tra le domande dei test di autovalutazione (25) e da un database di domande inedite (5). Tempo massimo per lo svolgimento del parziale: 30 minuti.

            Informazioni generali per la compilazione del test

            La risposta corretta ad ogni domanda vale 1 punto. Il superamento del test richiede un punteggio finale uguale o maggiore di 17.5.

            Le risposte sbagliate alle domande a risposta multipla comportano una penalità proporzionale alla gravità dell'errore e possono comportare l'annullamento della domanda.

            Il sistema gestisce e corregge le risposte in modo completamente automatico ed eventuali lamentele circa l'erronea sottomissione delle risposte non saranno prese in considerazione.

            risultati saranno visibili alla chiusura della prova, e, a richiesta, saranno discussi in aula con il docente.

          • Prova tra Pari

            Materiale didattico-informativo per la prova tra pari

            • APPELLI

              INFORMAZIONI GENERALI DA LEGGERE CON CURA PRIMA DI SVOLGERE LA PROVA

              Nel caso del mancato superamento delle prove parziali (voto medio nelle tre prove in itinere <17.5), alla fine del corso, lo studente dovrà sostenere una prova scritta (appello o prova finale) della durata di 30 minuti, concernente le tematiche dell’intero modulo e comprendente 30 domande pescate a caso da un database di domande inedite.

              SALVO INDICAZIONI CONTRARIE (consultabili sul BOX COMUNICAZIONI agli STUDENTI), LA PROVA SI TERRA' ALLE ORE 11.30 PRESSO L'AULA 5 DELLA FACOLTA' DI GIURISPRUDENZA DI COLLEPARCO.

              La risposta corretta ad ogni domanda vale 1 punto. Il superamento del test richiede un punteggio finale uguale o maggiore di 17.5.

              Le risposte sbagliate alle domande a risposta con una o più alternative comportano una penalità proporzionale alla gravità dell'errore e possono determinare l'annullamento della domanda.

              Il sistema gestisce e corregge le risposte in modo completamente automatico ed eventuali lamentele circa l'erronea sottomissione delle risposte non saranno prese in considerazione. Lo studente è tenuto a segnalare la possibile presenza di domande difettose durante lo svolgimento della prova.

              Per accedere a questo metodo di valutazione gli studenti dovranno essersi preventivamente registrati al corso tramite il PIN fornito dalla Segreteria Studenti. L'esame è effettuato online e richiede che gli studenti siano muniti di tablet o, previa autorizzazione da parte del docente, di strumenti equivalenti (i.e., smartphone o portatili), in grado di connettersi a internet tramite wireless o in connessione dati. L'uso fraudolento di tali dispositivi verrà severamente punito con l'esclusione dalla prova e il riferimento della condotta scorretta ai competenti organi di Facoltà.

              risultati saranno visibili alla chiusura della prova, e, a richiesta, potranno essere discussi in aula con il docente.

              La registrazione del voto è prevista per lo stesso giorno

              Si rammenta che per la registrazione del voto lo studente deve essersi preventivamente prenotato all'esame (entro tre giorni prima della data ufficiale dell'appello) accedendo al seguente sito di ateneo:

              http://www.unite.it/UniTE/Engine/RAServePG.php/P/30661UTE0309