Indice degli argomenti

  • Diritto penale (biennale) (sede di Avezzano) - Prof. Giuseppe Montanara - a.a. 2015/2016

    Il Prof. Giuseppe Montanara è titolare dell'insegnamento di Diritto penale (biennale) nella sede di Avezzano della Università di Teramo,ed è Professore aggregato di diritto penale nella Facoltà di Giurisprudenza di questa Università. Il Prof. Montanara, nell'anno 1995/96, è stato titolare della Cattedra di Istituzioni di diritto penale per affidamento nella suddetta Università, ed è stato titolare della Cattedra di Diritto penale commerciale ininterrottamente dall'anno 1997/98 all'anno 2008/2009 nella Facoltà di Giurisprudenza della Università di Teramo.
    Il Prof. Giuseppe Montanara è autore di oltre un centinaio di pubblicazioni in varie Riviste giuridiche, di cinque Voci redatte per l'Enciclopedia del diritto, due per gli Annali della Enciclopedia e di tre monografie.
    Il Prof. Giuseppe Montanara, sin dal 1987, è titolare dell'insegnamento delle materia di Diritto e procedura penale presso il CEIDA di Roma, per la preparazione all'esame di Avvocato e, precedentemente, per la preparazione al concorso per Uditori giudiziari; è altresì titolare, dal medesimo anno, di numerosi corsi presso il menzionato CEIDA di Roma, fra i quali il Master in Diritto amministrativo, il Master in Diritto penale della P.A., il Master in Diritto processuale penale dopo l'entrata in vigore del c.d. "giusto processo".
    Il Prof. Giuseppe Montanara è Avvocato patrocinante in cassazione.

    OBIETTIVI DEL CORSO, PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'

    • Obiettivi formativi generali: Lo studente dovrà mostrate di conoscere il contenuto ed il funzionamento degli istituti principali del diritto penale, quali la legalità, la materialità, la offensività, la colpevolezza e la imputabilità. Dovrà altresì mostrate di conoscere il contenuto ed il funzionamento degli strumenti sanzionatori quali le pene principali ed accessorie e le misura di sicurezza.. Dovrà conoscere il contenuto attinente alla responsabilità amministrative delle persone giuridiche. Dovrà infine mostrare la conoscenza degli strumenti di apprendimento cartacei e virtuali, e la metodologia di conoscenza delle fonti.
    • Prerequisiti: Capacità di apprendimento, volontà di conoscenza ed impegno nell’approfondimento delle tematiche illustrate.
    • Propedeuticità: Istituzioni di diritto privato I e diritto costituzionale.

    INDICATORI DI DUBLINO PER UNITA' DIDATTICA

    UNITA' DIDATTICA 1: Principio di legalità, elementi oggettivi del reato e materialità

    Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente deve dimostrare la conoscenza della legalità formale e sostanziale, della tassatività, della retro e irretroattività della legge penale e dei canoni costituzionali relativi a questi. Deve conoscere il nesso di causalità, la condotta attiva ed omissiva e l’evento del reato. Il caso fortuito e la forza maggiore e il principio di responsabilità penale personale ex art. 27 Cost.;

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Tramite lo volgimento di prove pratiche per test multipli lo studente dovrà dimostrare di avere appreso i principi costituzionali e sostanziali attinenti ai principi di legalità e materialità;

    Autonomia di giudizio: Lo studente dovrà sviluppare la capacità di risolvere i potenziali problemi derivanti dall'analisi anche critica degli istituti sostanziali vigenti, e delle fonti che danno la possibilità della loro ricostruzione e degli strumenti che consentono la loro conoscenza;

    Abilità comunicative: Lo studente dovrà acquisire buone capacità logiche e comunicative, mostrandosi in grado di utilizzare gli strumenti per la trasmissione delle conoscenze acquisite anche in relazione all’uso corretto del linguaggio e delle espressioni grammaticali;

    Capacità di apprendimento: Lo studente dovrà mostrare una buona capacità di apprendimento degli istituti e dei principi costituzionali afferenti alla legalità ed alla materialità del reato.

    UNITA' DIDATTICA 2: Elementi soggettivi del reato e colpevolezza

    Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente deve dimostrare la conoscenza del principio di colpevolezza, del contenuto dell’art. 27 Cost., del dolo e delle forme del dolo, della colpa e delle forme della colpa, della preterintenzione e della responsabilità oggettiva. Nonché della disciplina dell’errore, nella fase ideativa del reato ed in quella esecutiva. Dovrà infine mostrare la conoscenza dell’art. 5 c.p. e dell’intervento della Corte costituzionale., in relazione alla ignoranza inevitabile delle legge penale;

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Tramite lo volgimento di prove pratiche per test multipli lo studente dovrà dimostrare di avere appreso i principi costituzionali e sostanziali attinenti al principio di colpevolezza;

    Autonomia di giudizio: Lo studente dovrà sviluppare la capacità di risolvere i potenziali problemi derivanti dall'analisi anche critica degli istituti sostanziali vigenti, e delle fonti che danno la possibilità della loro ricostruzione e degli strumenti che consentono la loro conoscenza;

    Abilità comunicative: Lo studente dovrà acquisire buone capacità logiche e comunicative, mostrandosi in grado di utilizzare gli strumenti per la trasmissione delle conoscenze acquisite anche in relazione all’uso corretto del linguaggio e delle espressioni grammaticali;

    Capacità di apprendimento: Lo studente dovrà mostrare una buona capacità di apprendimento degli istituti e dei principi costituzionali afferenti al principio di colpevolezza.

    UNITA' DIDATTICA 3: Forme di manifestazione del reato; misure sanzionatorie, pene, misure di sicurezza

    Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente deve dimostrare la conoscenza degli istituti attinenti alle forme di manifestazione del reato, quali il concorso di persone nel reato, eventuale e necessario, le circostanze, il concorso di reati ed il conflitto di norme, il tentativo.  Nonché ila conoscenza quantomeno delle pene principali ed accessorie e delle misure di sicurezza;

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Tramite lo volgimento di prove pratiche per test multipli lo studente dovrà dimostrare di avere appreso i principi ed il funzionamento degli istituti attinenti alle forme di manifestazione del reato,  delle pene principali ed accessorie e delle misure di sicurezza;

    Autonomia di giudizio: Lo studente dovrà sviluppare la capacità di risolvere i potenziali problemi derivanti dall'analisi anche critica degli istituti sostanziali vigenti, e delle fonti che danno la possibilità della loro ricostruzione e degli strumenti che consentono la loro conoscenza;

    Abilità comunicative: Lo studente dovrà acquisire buone capacità logiche e comunicative, mostrandosi in grado di utilizzare gli strumenti per la trasmissione delle conoscenze acquisite anche in relazione all’uso corretto del linguaggio e delle espressioni grammaticali;

    Capacità di apprendimento: Lo studente dovrà mostrare una buona capacità di apprendimento degli istituti attinenti alle forme di manifestazione del reato, delle pene principali ed accessorie e delle misure di sicurezza.

    UNITA' DIDATTICA 4: Incriminazioni di parte speciale. Reati contro la persona, reati contro il patrimonio, reati contro la pubblica amministrazione

    Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente deve dimostrare la conoscenza delle principali incriminazioni di parte speciale in tema di reati contro la persona (vita, incolumità individuale ed altre forme di tutela), di reati contro il patrimonio e di reati contro la pubblica amministrazione;

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Tramite lo volgimento di prove pratiche per test multipli lo studente dovrà dimostrare di avere appreso i principi costituzionali e sostanziali attinenti alle anzidette incriminazioni di parte speciale;

    Autonomia di giudizio: Lo studente dovrà sviluppare la capacità di risolvere i potenziali problemi derivanti dall'analisi anche critica degli istituti sostanziali vigenti, e delle fonti che danno la possibilità della loro ricostruzione e degli strumenti che consentono la loro conoscenza;

    Abilità comunicative: Lo studente dovrà acquisire buone capacità logiche e comunicative, mostrandosi in grado di utilizzare gli strumenti per la trasmissione delle conoscenze acquisite anche in relazione all’uso corretto del linguaggio e delle espressioni grammaticali;

    Capacità di apprendimento: Lo studente dovrà mostrare una buona capacità di apprendimento degli istituti e dei principi attinenti alle anzidette incriminazioni di parte speciale.

    LIBRI DI TESTO

    • Mantovani, Diritto penale. Parte generale, CEDAM, Padova, almeno edizione 2007.
    • Marinucci - Dolcini, Diritto penale. Parte generale, Giuffrè, Milano, 2012.
    • Fiandanca - Musco, Diritto penale. Parte generale, Zanichelli, Bologna, almeno edizione 2007.

    • Canestrari - Gamberini - Insolera - Mazzacuva - Sgubbi - Stortoni - Tagliarini, Diritto penale. Lineamenti di parte speciale, Monduzzi, Bologna, almeno edizione 2009. Relativamente ai reati contro la persona (vita, incolumità individuale ed altre ipotesi di tutela); reati contro il patrimonio; reati contro la Pubblica Amministrazione.

    MATERIALE DI APPROFONDIMENTO

    La recente riforma dei reati contro la pubblica amministrazione, addenda al volume degli stessi Autori Diritto penale, parte speciale, Volume I, V edizione.

    Link per il download: //www.zanichelli.it/fileadmin/catalogo/assets/a05.9788808190611.pdf.

    PROVE INTERMEDIE

    • Analisi articolo scientifico: 3 marzo 2016
    • Unità didattica 1  : 15 marzo 2016 prova test multipli;
    • Unità didattica 1 :  17 marzo 2016 prova test multipli recupero;   
    • Analisi articolo scientifico: 12 aprile 2016                                   
    • Unità didattica 2:  26 aprile 2016 prova test multipli;
    • Unità didattica 2: 28 aprile 2016 prova test multipli recupero
    • Unità didattica 3: 17 maggio 2016 prova test multipli;
    • Unità didattica 3: 19 maggio 2016 prova test multipli recupero
    • Unità didattica 4:  31 maggio 2016 prova test multipli;
    • Unità didattica 4: 3 giugno 2016 prova test multipli recupero.
    Le date sono indicative e ben possono subire modifiche.

  • Quiz unità didattica 1

    Scarica il quiz di autovalutazione della prima unità didattica

  • Quiz unità didattica 2

    Scarica il quiz di autovalutazione della seconda unità didattica

  • Quiz unità didattica 3

    Scarica il quiz di autovalutazione della terza unità didattica

  • Quiz autovalutazione unità didattica 4

    Scarica il quiz di autovalutazione della quarta unità didattica

  • Argomento 5

    • Argomento 6

      • Argomento 7

        • Argomento 8

          • Argomento 9

            • Argomento 10