Indice degli argomenti

  • Lingua francese per le scienze politiche e i diritti linguistici - Prof. Giovanni Agresti - a.a. 2015/2016

    Giovanni Agresti

    Professore aggregato, Ricercatore universitario confermato (ssd L-LIN/04, Lingua e Traduzione – Lingua francese) presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Teramo (dal 2004). Abilitazione Scientifica Nazionale Bando 2012 per la seconda fascia di docenza nel settore concorsuale 10/H1 (Lingua, letteratura e cultura francese). Dottore di Ricerca in Lingua, Linguistica e Storia della lingua francesi (Università di Trieste), 14 marzo 2003. Laureato in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università “G. d’Annunzio” di Chieti-Pescara (27 novembre 1997. Votazione: 110/110 con lode e menzione speciale “dignità di stampa”).

    Interessi di ricerca
    Linguistica francese e generale (analisi del discorso, prassematica); sociolinguistica; politica linguistica della Francia; Diritti linguistici e pianificazione linguistica.
    Direttore responsabile di 3 collane scientifiche con Aracne editrice, Roma:

    1) «Lingue d’Europa e del Mediterraneo»
    www.associazionelemitalia.org/le-nostre-azioni/collana-di-studi-lem.html

    2) «L'Essere di linguaggio»
    www.aracneeditrice.it/aracneweb/index.php/collane.html?col=edl

    3) «Quaderni di linguistica e linguaggi specialistici dell’Università di Teramo»
    www.aracneeditrice.it/aracneweb/index.php/collane.html?col=lea

    Ideatore e responsabile del Primo Congresso mondiale dei diritti linguistici (19-23 maggio 2015, Università di Teramo) www.associazionelemitalia.org/le-nostre-azioni/giornate-dei-diritti-linguistici/cmdl-2015.html
     

    INFO SUL CORSO


    OBIETTIVI GENERALI DEL CORSO

    • Conoscenza e capacità di comprensione: Il corso mira da un canto a fornire agli studenti solide basi di conoscenza della lingua francese generale, segnatamente nella sua forma scritta (comprensione e produzione), e dall'altro a dotarli di specifiche competenze interpretative di testi di settore: scienze politiche (soprattutto l'ambito dei diritti linguistici) e turismo culturale.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà riuscire a leggere, comprendere, analizzare e reagire in forma scritta e orale a testi in lingua francese appartenenti ai settori menzionati (scienze politiche, diritti linguistici, turismo culturale).
    • Autonomia di giudizio: Lo studente dovrà riuscire a formulare valutazioni in forma scritta e orale circa il fondo ideologico che governa le produzioni testuali dello specifico settore d'interesse.
    • Abilità comunicative: Lo studente dovrà essere in grado di prendere parte al dibattito sul tema dei diritti linguistici lanciato nel 2015 dal Primo Congresso mondiale dei diritti linguistici (Teramo, 19-23 maggio) di cui è in corso l'edizione degli Atti, attraverso interventi, domande, osservazioni formulate in lingua francese o in lingua italiana.
    • Capacità di apprendimento: Si cercherà di far sì che gli strumenti trasmessi (comprensione e interpretazione dei testi in lingua francese del settore interessato) siano funzionali allo sviluppo di capacità di apprendimento anche in altri campi (giuridico, politico, storico, sociologico ecc.).


    PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'
    • Prerequisiti: Per un più proficuo studio degli argomenti previsti si suggerisce la lettura di una buona e aggiornata grammatica di base del francese e segnatamente BIDAUD F., Grammaire du français pour italophones, Torino: UTET Università, 2012 e ristampe aggiornate.
    • Propedeuticità: Nessuna

    INDICATORI DI DUBLINO


    UNITA' DIDATTICA 1: Fondamenti di lingua francese generale

    • Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente dovrà acquisire le competenze di base nella lingua francese generale (non di specialità): competenza fonetica, morfo-fonemica, morfologica e sintattica.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà saper riconoscere le parti del discorso nel contesto di frasi semplici redatte in lingua francese standard.
    • Autonomia di giudizio: Lo studente dovrà essere in grado di selezionare le varie parti del discorso in funzione di varianti dei testi proposti.
    • Abilità comunicative: Lo studente dovrà essere in grado di presentarsi e di interagire oralmente o per iscritto in lingua francese con i propri compagni su argomenti legati alla vita quotidiana e sulle tematiche principali del proprio corso di studi.
    • Capacità di apprendimento: La verifica dell'apprendimento avverrà attraverso un test scritto a risposta chiusa e un breve colloquio orale.


    UNITA' DIDATTICA 2: Dalla lingua al discorso: lettura, comprensione, analisi testuale
    • Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente dovrà riuscire a leggere correttamente e comprendere testi di tono, contenuto e registro differente.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà applicare le sue conoscenze per analizzare testi di tono, contenuto e registro differente.
    • Autonomia di giudizio: Lo studente dovrà proporre, in capo alla sua analisi testuale, personali e originali interpretazioni dei testi, cercando di risalire alla matrice ideologica soggiacente.
    • Abilità comunicative: Lo studente dovrà essere in grado di esporre in italiano i risultati delle proprie analisi testuali, anche interagendo con il gruppo-classe.
    • Capacità di apprendimento: La verifica dell'apprendimento avverrà attraverso un test scritto a risposta chiusa e un breve colloquio orale.


    UNITA' DIDATTICA 3: Dalla lingua al discorso: produzione scritta e orale
    • Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente dovrà riuscire a produrre testi semplici e più complessi in un francese standard che presenti, anche, una variazione di tono e registro e i cui contenuti vertano sulle tematiche principali del Corso di studi.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà riuscire a interagire in forma scritta con il gruppo classe, reagendo alle produzioni testuali realizzate dai propri compagni intorno alle tematiche principali del Corso di studi. Sarà anche invitato a proporre varianti e correzioni ai testi dei compagni.
    • Autonomia di giudizio: Lo studente dovrà riuscire a formulare valutazioni in forma scritta circa il fondo ideologico che governa le produzioni scritte del gruppo-classe ("lecture de second degré")
    • Abilità comunicative: Lo studente dovrà essere in grado di esporre in un francese sufficientemente scorrevole le proprie e altrui produzioni testuali, anche interagendo con il gruppo-classe.
    • Capacità di apprendimento: La verifica dell'apprendimento avverrà attraverso un test scritto a risposta aperta (breve dissertation) e un breve colloquio orale.


    UNITA' DIDATTICA 4: I testi di settore: dalle scienze politiche (diritti linguistici) al turismo culturale
    • Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente dovrà saper definire i linguaggi di specialità. Dovrà acquisire un glossario di base della lingua francese delle scienze politiche e del turismo culturale. Dovrà inoltre acquisire competenze specifiche sulla diversità linguistica e sui diritti linguistici.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà riuscire a leggere, comprendere, analizzare e reagire in forma scritta e orale a testi in lingua francese appartenenti ai settori menzionati (scienze politiche, diritti linguistici, turismo culturale)
    • Autonomia di giudizio: Lo studente dovrà riuscire a formulare valutazioni in forma scritta e orale circa il fondo ideologico che governa le produzioni testuali di cui al punto precedente ("lecture de second degré")
    • Abilità comunicative: Lo studente dovrà essere in grado di prendere parte al dibattito sul tema dei diritti linguistici lanciato nel 2015 dal Primo Congresso mondiale dei diritti linguistici (Teramo, 19-23 maggio) di cui è in corso l'edizione degli Atti, attraverso interventi, domande, osservazioni formulate in lingua francese o in lingua italiana.
    • Capacità di apprendimento: La verifica dell'apprendimento avverrà attraverso un test scritto a risposta chiusa e aperta e un approfondito colloquio orale.


    LEZIONI SETTIMANALI


    • Mercoledì ore - aula
    • Giovedì ore - aula

    LIBRI DI TESTO


    99 domande su diversità linguistica & diritti linguistici / diversité linguistique & droits linguistiques

    • Autore: Giovanni Agresti (a cura di)
    • Edizione: Futura cooperativa sociale onlus , 2014, San Vito al Tagliamento (PN)
    • Pagine di riferimento: Tutte


    Cultures régionales, développement économique. Des ressources territoriales pour les économies régionales
    • Autore: René Kahn, Roseline Le Squère et Jean-Michel Kosianski (Sous la direction de)
    • Edizione: L'Harmattan, 2014, Paris
    • Pagine di riferimento: Parte introduttiva tutta + quattro saggi a scelta


    PROVE INTERMEDIE


    PROVA INTERMEDIA 1

    • Unità didattica di riferimento: 1
    • Data: non ancora definita
    • Tipologia di prova: La verifica dell'apprendimento avverrà attraverso un test scritto a risposta chiusa e un breve colloquio orale.


    PROVA INTERMEDIA 2
    • Unità didattica di riferimento: 1
    • Data: non ancora definita
    • Tipologia di prova: La verifica dell'apprendimento avverrà attraverso un test scritto a risposta chiusa e un breve colloquio orale.


    PROVA INTERMEDIA 3
    • Unità didattica di riferimento: 1
    • Data: non ancora definita
    • Tipologia di prova: La verifica dell'apprendimento avverrà attraverso un test scritto a risposta aperta (breve dissertation) e un breve colloquio orale.


    MODALITA' DI VALUTAZIONE
    Le modalità di valutazione sono indicate per ciascuna unità didattica. La verifica finale e globale dell'apprendimento avverrà attraverso un test scritto a risposta chiusa e aperta e un approfondito colloquio orale.

  • Argomento 1

    • Argomento 2

      • Argomento 3

        • Argomento 4

          • Argomento 5

            • Argomento 6

              • Argomento 7

                • Argomento 8

                  • Argomento 9

                    • Argomento 10