Indice degli argomenti

  • Demografia internazionale - Prof. Piero Giorgi - a.a. 2015/2016

    Professore associato di  Demografia (Secs-S04) si è laureato in Scienze Statistiche e Demografiche presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” ove ha svolto e conseguito anche il proprio dottorato di ricerca in Demografia. In precedenza è stato ricercatore presso la Facoltà di Statistica dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Ha svolto attività di docenza in corsi di laurea (vecchio ordinamento, triennali e magistrali), scuole di specializzazione, master e dottorati presso gli atenei di Roma, Teramo e Trieste. È socio ordinario di SIS, SIEDS ed EAPS. I principali campi di ricerca sono la fecondità con particolare attenzione ai metodi di stima e misura, alla fecondità per ordine e alle previsioni di fecondità, e le conseguenze demografiche, biologiche e sociali del ritardo dei processi riproduttivi in particolare per quel che riguarda riduzione della fertilità, abortività spontanea, malformazioni, abortività indotta, mortalità perinatale e assistenza sanitaria in gravidanza. Si è occupato anche di  mobilità residenziale ed abitativa, determinanti delle intenzioni migratorie, previsioni locali e demografia applicata.

    OBIETTIVI DEL CORSO, PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'

    • Obiettivi formativi generali: Fornire gli strumenti per la misura e analisi dei fenomeni demografici e per l'analisi delle loro cause e conseguenze, tracciare una panoramica dei processi di popolazione del passato, attuali e valutarne, sul piano tecnico e logico, l'evoluzione futura. I temi di approfondimento trattati mirano ad arricchire le conoscenze degli studenti interessati agli aspetti internazionali, stimolandone la capacità di inserire le conoscenze pregresse sui temi economici e sociali all'interno delle dinamiche della popolazione mondiale, anche per la corretta comprensione del dibattito politico internazionale sulle questioni della popolazione e dello sviluppo economico e sociale.
    • Prerequisiti: Conoscenze di statistica di base
    • Propedeuticità: Nessuna

    UNITA' DIDATTICA 1: Definizioni, struttura e componenti evolutivi della popolazione

    Argomenti:
    Definizioni e strumenti per lo studio della popolazione.
    Fonti dei dati demografici.
    Misurazione dell'incremento.
    Analisi della struttura.
    Relazioni tra dinamica e struttura
    Tassi generici e specifici

    UNITA' DIDATTICA 2: Analisi dei fenomeni demografici

    Argomenti:
    Strumenti e concetti di base
    Misura e analisi della mortalità.
    Misura e analisi dei processi di formazione e scioglimento delle coppie.
    Misura e analisi della fecondità.
    Misura e analisi della mobilità e delle migrazioni.

    UNITA' DIDATTICA 3: Evoluzione della popolazione mondiale

    Argomenti:

    Spazio e strategie della crescita demografica
    La demografia contemporanea verso l’ordine e l’efficienza
    La popolazione dei paesi poveri
    Il futuro

    LIBRI DI TESTO

    • Blangiardo G. C., Elementi di Demografia, Il Mulino, 1997, escluso cap. 4
    • Livi Bacci M., Storia minima della popolazione del mondo, Il Mulino, Bologna, 2005, esclusi capp. 2 e 3

  • Testi di riferimento

    Blangiardo G.C., Elementi di Demografia, Il Mulino, 1997, escluso cap.4

    Livi Bacci M., Storia minima della popolazione del mondo, Il Mulino, Bologna, 2005, esclusi capp. 2 e 3

    Gli ulteriori materiali indicati nelle singole lezioni costituiscono approfondimenti o letture integrative ma il programma di esame è limitato a quanto contenuto nei due testi di riferimento.

    • Altri Materiali Didattici e Riferimenti

      In una materia dinamica come la demografia una parte dei contenuti di approfondimento delle più recenti tendenze in atto non può ritrovarsi per loro natura nei libri di testo, vengono qui forniti alcuni riferimenti a siti e materiali online ove reperire dati aggiornati sui fenomeni demografici.

      Siti:

      Population Reference Bureau http://www.prb.org

      ISTAT www.istat.it

      Gapminder World www.gapminder.org

      Report e archivi di dati:

      Istat, Statistica Report, Indicatori Demografici Stime 2014

      Population Reference Bureau, 2014 World Population Data Sheet

      Population Reference Bureau, 2015 World Population Data Sheet

      • Valutazione ed esame finale

        L'esame finale è previsto in forma orale sui testi di riferimento indicati.

        Per gli studenti frequentanti è prevista inoltre una valutazione sulla base di elaborati da discutere in aula per i quali è prevista valutazione del docente e dibattito tra gli studenti; vista la natura della materia e del corso tali elaborati svolgono il ruolo di prove intermedie.

        • Lezione 1

          Introduzione al corso e definizione di demografia e popolazione demografica. Equazione della popolazione, saldo naturale e migratorio. Tassi Generici di natalità, mortalità, immigratorietà ed emigratorietà.

          Blangiardo: introduzione.1, Cap. I.1, Cap. II.1

        • Lezione 2

          La variazione dell'ammontare della popolazione, i modelli evolutivi aritmetico, geometrico, continuo ed i conseguenti tassi di incremento. Stime del tempo di raddoppio/dimezzamento della popolazione. Prima lettura di dati reali tramite Indicatori Demografici Stime 2014 dell'Istat, per l'Italia ed il World Population Data Sheet del Population Reference Bureau per i dati internazionali.

          Blangiardo: Cap. I.2

          Istat, Statistica Report, Indicatori Demografici Stime 2014

          World Population Data Sheet: http://www.prb.org/Publications/Datasheets/2015/2015-world-population-data-sheet.aspx

          • Lezione 3

            Eterogeneità degli individui e struttura della popolazione. Età, sesso, stato civile ed altre variabili di stratificazione. Indicatori demografici di struttura e loro evoluzione.

            Blangiardo: Cap.I.3

            • Lezione 4

              La piramide delle età della popolazione: costruzione ed interpretazione. Evoluzione storica della struttura per età della popolazione. Invecchiamento e confronti internazionali. Cenni alle relazioni tra dinamica e struttura.

              Blangiardo: Cap. I.3

              • Lezione 5

                Lo schema di Lexis.

                Blangiardo: Cap. III.1.1

                • Lezione 6

                  Tassi specifici, legami tra tassi specifici e tassi generici. Standardizzazione. Analisi longitudinale e trasversale.


                  Blangiardo: Cap.II.2, Cap.II.3


                • Lezione 7

                  Probabilità di morte e tavola di mortalità. Speranza di vità e funzioni della tavola. Evoluzione della mortalità. Il concetto di longevità. differenze di mortalità tra femmine e maschi. Utilizzi delle tavole di mortalità.

                  Blangiardo: Cap.III.1.4, Cap.III.2.1  Cap.III.2.2

                  Tavole di Mortalità Italiane: www.istat.it



                  • Lezione 8

                    Discussione sul tema dell'Invecchiamento e del ruolo dei giovani in una società invecchiata

                    I principali materiali di discussione sono:

                    M.Livi Bacci, G. De Santis, "Le Prerogative perdute dei giovani", in "La generazione immobile", “Il Mulino”, n. 3, 2007 (http://local.disia.unifi.it/livi/pubblicazioni/prerogative-perdute-giovani.pdf)

                    AA.VV. "Longevità, vecchiaia, salute", volume a cura di S. Salvini, Associazione Neodemos, 2015 (http://www.neodemos.info/wp-content/uploads/2015/07/Longevità-vecchiaia-salute-3.pdf)

                    AA.VV. "Famiglie Flessibili, l'arte di arrangiarsi ai tempi della crisi" volume a cura di R. Ghigi, R. Impicciatore, Associazione Neodemos, 2015 (http://www.neodemos.info/wp-content/uploads/2015/05/Arte_Arrangiarsi-1.pdf)
                    • Lezione 9

                      Popolazione stazionaria. Utilizzi delle tavole di mortalità.

                      Blangiardo: Cap.III.1.4, Cap.III.2.1  Cap.III.2.2

                      Tavole di Mortalità Italiane: www.istat.it

                      • Lezione 10

                        Partecipazione alla Lectio Doctoralis di Elio Di Rupo


                        • Lezione 11

                          Misure della fecondità, fecondità delle coorti e dei contemporanei. Fecondità per ordine di nascita. Fonti per lo studio della fecondità. Dinamiche della fecondità.

                          Blangiardo: Cap.III.4

                        • Lezione 12

                          Differenziali di fecondità in Italia e nel contesto internazionale. La fecondità alle età elevate: tra posticipazione e rinuncia.

                          Invecchiamento della popolazione e contrasto dell'invecchiamento e dei suoi effetti. Il percorso ad ostacoli della fecondità in Italia: la difficile conciliazione tra lavoro e famiglia.

                          Blangiardo: Cap.III.4

                          Livi Bacci: Cap.I

                          • Lezione 13

                            Il popolamento del mondo ed evoluzione della popolazione. Il regime di demografia naturale, fecondità naturale e crisi demografiche pre transizione. Introduzione alla transizione demografica.

                            Livi Bacci Cap.I, Cap. IV

                            • Lezione 14

                              Discussione dei temi di approfondimento individuati dagli studenti del corso: La mortalità infantile nel mondo, Alcol e droga tra i giovani e mortalità da abuso, Longevità della popolazione sarda, I matrimoni in Italia, Invecchiamento della popolazione dell'Abruzzo, Aree interne in Italia, Flussi migratori ed invecchiamento, Invecchiamento della popolazione cinese

                              • Lezione 15

                                La transizione demografica: dal regime di demografia naturale al regime di demografia controllata. La transizione demografica tra schema evolutivo e teoria interpretativa. La transizione demografica: la ricerca delle cause e dei nessi causali. Il Futuro della popolazione.

                                Livi Bacci: Cap. IV

                                • Lezione 16

                                  Riepilogo dei contenuti del corso con applicazione dei principali strumenti metodologici. Conclusione del corso.