Indice degli argomenti

  • Sociologia economica - Prof. Rossella Di Federico - a.a. 2015/2016

    Ricercatrice in Sociologia dei Processi Economici e del Lavoro e docente in Sociologia Economica presso l’Università degli Studi di Teramo, Facoltà di Scienze della Comunicazione, nello stesso Ateneo ha insegnato anche Sociologia dell’Organizzazione, Management e Gestione delle Risorse Umane, Comunicazione ed Organizzazione delle Imprese Turistiche, Sociologia dei Processi Culturali e delle Rappresentazioni Sociali.
    Come coordinatrice o componente, ha partecipato a molteplici ricerche inter-universitarie sui seguenti temi : Distretti Industriali Italiani, Patti Territoriali, Sviluppo Locale, Lavoro Immigrato, Power Èlite in Italia.
    È stata visiting researcher presso l’Istituto McLuhan dell’Università di Toronto (Canada).
    Attualmente è impegnata in un progetto di rilevanza nazionale (PRIN) dal titolo “Old and new paths of labour regulation in SMEs in European countries. Trends and challenges for economic competitiveness and social sustainability REGSMESed. È coordinatrice per l’Italia di un progetto europeo, finanziato dalla Commissione Europea, dal titolo Bargaining for Social Rights at Sectorial Level.

    Le sue principali pubblicazioni più recenti sono:
    Sviluppo locale: il ruolo della partecipazione e della comunicazione, in R.Di Federico (a cura di), Faenza: Homeless Book, Ebook, 2012.
    La frontiera come spazio di intelligenza, creatività ed innovazione, in R.Di Federico, E.Minardi (a cura di), Faenza: Homeless Book, Ebook, 2012.
    Reti di governance e di coordinamento, il riposizionamento degli attori dello sviluppo locale, in R. Di Federico (a cura di), Reti, Attori e Partnership per lo sviluppo locale. In “Scienza dell’amministrazione”, n° 2, 2013.

    È socio dell’Associazione Italiana di Sociologia (AIS) – sezione ELO (Economia-Lavoro-Organizzazioni).  

    INFO SUL CORSO


    OBIETTIVI GENERALI DEL CORSO

    • Obiettivi formativi generali: Conoscenza delle principali forme dell’organizzazione d’impresa, specie di quelle più idonee ad affrontare l’attuale contesto socio-economico knowledge-intensive ed acquisizione degli strumenti della comunicazione interna all’impresa, con particolare attenzione agli approcci più significativi nella gestione delle risorse umane.
      Conoscenza dei principali approcci teorici ed applicativi, nazionali ed internazionali, in tema di regolazione dello sviluppo locale
      Analisi dei principali temi e percorsi di ricerca della sociologia economica contemporanea italiana, specialmente in riferimento ai problemi inerenti il mercato del lavoro.

    PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'
    • Prerequisiti: Aver sostenuto almeno un esame dell’area sociologica o economica.
    • Propedeuticità: Nessuna.

    INDICATORI DI DUBLINO


    UNITA' DIDATTICA 1: Impresa e cambiamento organizzativo

    • Conoscenza e capacità di comprensione: Mediante tale unità didattica lo studente apprenderà i micro e i macro processi organizzativi che caratterizzano la configurazione dei nuovi modelli organizzativi d’impresa. In particolare, egli dovrà conoscere i principali processi interni medianti i quali le imprese possono rispondere in modo competitivo alle sfide poste dall’attuale scenario economico e sociale davvero molto complesso
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà essere in grado di utilizzare concetti, schemi e modelli appresi durante le lezioni per diagnosticare problemi organizzativi, di rapporto organizzazione/ambiente interno-esterno, di gestione del personale.
    • Autonomia di giudizio: Lo studente dovrà essere in grado di cogliere la complessità dell’organizzazione d’impresa, della comunicazione interna e di comprendere gli impatti che le attività d’impresa producono sui propri stakeholder, interni ed esterni.
    • Abilità comunicative: Lo studente dovrà possedere una specifica capacità di integrazione e comunicazione degli approcci teorici acquisiti e delle esperienze maturate attraverso la didattica attiva mediante interventi e discussioni in classe.
    • Capacità di apprendimento: Lo studente dovrà sviluppare le capacità di astrazione e ragionamento mediante le quali trasformare le informazioni acquisite e le esperienze maturate durante le lezioni in conoscenze che andranno a contribuire allo sviluppo di competenze concretamente spendibili sul mercato del lavoro.


    UNITA' DIDATTICA 2: La regolazione dello sviluppo locale
    • Conoscenza e capacità di comprensione: Mediante tale unità didattica lo studente apprenderà le nuove forme di regolazione e partecipazione dello sviluppo locale, attraverso i principali filoni teorici e le esperienze di produzione di beni collettivi.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà essere in grado di utilizzare concetti, schemi e modelli appresi durante le lezioni per diagnosticare i principali problemi di realizzazione delle politiche di sviluppo locale.
    • Autonomia di giudizio: Lo studente dovrà essere in grado di cogliere la complessità delle variabili che incidono sul successo di un piano di sviluppo territoriale, facendo particolare attenzione al ruolo che in tale ambito assumono gli attori sociali locali.
    • Abilità comunicative: Lo studente dovrà possedere una specifica capacità di integrazione e comunicazione degli approcci teorici acquisiti e delle esperienze maturate attraverso la didattica attiva mediante interventi, discussioni in classe, project work.
    • Capacità di apprendimento: Lo studente dovrà sviluppare le capacità di astrazione e ragionamento mediante le quali trasformare le informazioni acquisite e le esperienze maturate durante le lezioni in conoscenze che andranno a contribuire allo sviluppo di competenze concretamente spendibili sul mercato del lavoro.


    UNITA' DIDATTICA 3: Temi e percorsi di ricerca della sociologia economica contemporanea
    • Conoscenza e capacità di comprensione: Mediante tale unità didattica lo studente apprenderà la molteplicità dei percorsi di ricerca della sociologia economica contemporanea utili alla comprensione e all’analisi dell’attuale complessità socio-economica alla quale assistono.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà essere in grado di utilizzare concetti, schemi e modelli appresi durante le lezioni per diagnosticare i principali problemi connessi in modo particolare a specifiche tematiche connesse al mercato del lavoro italiano.
    • Autonomia di giudizio: Lo studente dovrà essere in grado di cogliere la complessità e il ruolo delle variabili che influenzano le modalità di funzionamento del mercato del lavoro in Italia.
    • Abilità comunicative: Lo studente dovrà possedere una specifica capacità di integrazione e comunicazione degli approcci teorici acquisiti e delle esperienze maturate attraverso la didattica attiva mediante interventi, discussioni in classe, analisi di articoli scientifici, raccolta di documenti e filmati.
    • Capacità di apprendimento: Lo studente dovrà sviluppare le capacità di astrazione e ragionamento mediante le quali trasformare le informazioni acquisite e le esperienze maturate durante le lezioni in conoscenze che andranno a contribuire allo sviluppo di competenze concretamente spendibili sul mercato del lavoro.


    LEZIONI SETTIMANALI

    Inizio del corso: 16 Febbraio 2016

    • Martedì ore 13.30 -15.30 
    • Mercoledì ore 13.30 - 15.30 
    • Giovedi ore 10.30 - 12.30


    RICEVIMENTO

    Durante il corso il docente riceverà gli studenti il Martedi dalle 12.30 alle 13.30 presso il suo ufficio.

     Al termine delle lezioni, è necessario richiedere appuntamento via mail.


    LIBRI DI TESTO 


    Il cambiamento organizzativo

    • Autore: Federico Butera
    • Edizione: Laterza, 2012, Roma-Bari


    La sociologia economica contemporanea
    • Autore: Marino Regini
    • Edizione: Laterza, 2010, Roma-Bari


    N.B. Le parti da studiare saranno comunicate a inizio corso

    Per i NON FREQUENTANTI si suggerisce di contattare il docente sulla sua mail ufficiale.

    MATERIALE DI APPROFONDIMENTO


    Il materiale d'approfondimento sarà fornito dal docente durante lo svolgimento delle lezioni



    PROVE INTERMEDIE

    25 febbraio 2016

    10 marzo 2016

    24 marzo 2016

    MODALITA' DI VALUTAZIONE

  • Presentazione del corso