Indice degli argomenti

  • Tossicologia - Prof. Michele Amorena - a.a. 2014/2015

    Professore universitario di ruolo, fascia degli ordinari, Settore Scientifico disciplinare SSD VET/07 – Farmacologia e Tossicologia Veterinaria.
    Componente del senato accademico dell’Università degli Studi di Teramo per il triennio 2013-2015.
    Presidente dell’associazione Onlus Synergy for all (S4all)
    Socio fondatore e membro del direttivo della società scientifica Italian Society for Environment Health (ISEH)
    Studi
    1977: Maturità Scientifica - Liceo scientifico statale – Padula (Salerno);
    1985: Laurea in Medicina Veterinaria Università degli Studi di Napoli Federico II;
    1989: Dottore di ricerca in scienze dell’allevamento Università degli Studi di Napoli Federico II
    Collaborazioni con Istituzioni di Ricerca
    Vengono riportate le principali istituzioni con cui ha collaborato negli anni
    Sezione di Farmacologia e Tossicologia Veterinaria del Dipartimento di Sanità Pubblica e Patologia Animale dell’Università degli Studi di Bologna (Prof. Gian Luigi Stracciari e Dott.ssa Annalisa Zaccaroni).
    Sezione di Tossicologia Veterinaria del Dipartimento di Patologia e Sanità Animale dell’Università degli Studi di Napoli (Prof. Antonia Lucisano e Dott.ssa Maria Carmela Ferrante).
    Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise G. , Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Lazio e Molise; Istituto Zooprofilattico Sperimentale del mezzogiorno; Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle D’Aosta.
    Dipartimento di Sanità Alimentare e Animale dell’Istituto Superiore di Sanità (dott. Alberto Mantovani)
    Universidad Nacional Agraria La Molina – Lima Perù (prof. Wilfredo Levano)

    OBIETTIVI DEL CORSO, PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'

    • Obiettivi formativi generali: Il corso ha lo scopo di favorire l’acquisizione, da parte dello studente, delle conoscenze relative ai principi base della tossicologia (tossicodinamica e tossicocinetica) e alla gestione dei pericoli legati alle sostanze tossiche con cui gli animali, l’uomo e l’ambiente possono venire in contatto. L’obiettivo è quello di far si che lo studente riesca ad avere un approccio critico e comparativo nell’ambito della tossicologia, facendo proprie quelle informazioni acquisite durante il corso. Inoltre il corso è volto a sviluppare competenze tecniche sull’utilizzazione di saggi ecotossicologici di specifico riferimento alle competenze scientifiche del docente. Particolare attenzione è rivolta allo sviluppo e soprattutto all’utilizzo di un lessico di carattere tecnico-scientifico da parte dello studente fondamentale non solo per questo corso ma anche per garantire un migliore approccio alle materie presenti nel corso di studi.
    • Prerequisiti: Conoscenza dei principi di base della chimica, dei meccanismi biochimici e fisiologici.
    • Propedeuticità: Elementi di Chimica e Biochimica; Fisiologia ed etologia.

    INDICATORI DI DUBLINO PER UNITA' DIDATTICA

    UNITA' DIDATTICA 1: Introduzione allo studio della tossicologia. Definizione, significati e ruoli della tossicologia. La tossicologia e le sue relazioni con le altre discipline. Concetto di dose. Relazione dose-risposta. Legge di massa.
    Esposizione: aspetti quantitativi e qualitativi. Vie di esposizione. Risposte quantali e graduali. Dose senza effetto (DSE, NOEL, LOEL). Dose efficace (DE1-DE100). Dose tossica. Dose letale (DL1-DL100). Meccanismi generali di degradazione, detossificazione, metabolizzazione e bioattivazione delle sostanze chimiche. Elementi di tossicocinetica ambientale ed animale. Relazione struttura chimica ed attività tossica

    Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente dovrà acquisire le conoscenze relative ai principi base della tossicologia (tossicodinamica e tossicocinetica);

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà essere capace di approcciarsi in modo critico ad una valutazione logica del possibile effetto tossico di una sostanza tossica su un organismo;

    Autonomia di giudizio: L’unità è specificatamente strutturata affinchè lo studente sviluppi le capacità critiche e l’autonomia di giudizio finalizzate a valutare il possibile effetto tossico in relazione all’interazione tra sostanza chimica ed organismo;

    Abilità comunicative: Nel corso delle lezioni il docente coinvolge attivamente lo studente invogliandolo a intervenire con finalità di autovalutazione e, soprattutto, al fine di promuovere il senso di sicurezza;

    Capacità di apprendimento: Lo studente è supportato costantemente a strutturare logicamente il proprio metodo di studio e incentivando la capacità di apprendimento piuttosto che lo studio mnemonico finalizzato al superamento dell’esame. Inoltre è stimolata la riflessione autonoma dello studente, sia all’atto della prova di autovalutazione sia durante la singola lezione. La verifica verrà effettuata tramite test a risposta multipla e/o elaborati.

    UNITA' DIDATTICA 2: Tossicologia Ambientale: bioindicatori. Bioconcentrazione, bioaccumulo e biomagnificazione. Contaminanti ed Inquinanti ambientali, principali composti chimici di interesse ecotossicologico: Diossine, Bifenilipoliclorurati, Organoclorurati, Organobromurati, Idrocarburi Policiclici Aromatici, composti organici dello stagno, metalli pesanti (Mercurio, Piombo, Cromo, Arsenico)

    Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente dovrà acquisire le conoscenze relative alla gestione dei pericoli legati alle sostanze chimiche potenzialmente tossiche con cui gli animali, l’uomo e l’ambiente possono venire in contatto. L’obiettivo è quello di far si che lo studente riesca ad avere un approccio critico e comparativo nell’ambito della tossicologia ambientale, facendo proprie quelle informazioni acquisite durante il corso. Particolare attenzione è rivolta allo sviluppo e soprattutto all’utilizzo di un lessico di carattere tecnico-scientifico da parte dello studente fondamentale non solo per questo corso ma anche per garantire un migliore approccio alle materie presenti nel corso di studio.

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà dimostrare di essere capace di approcciarsi in modo critico alla corretta valutazione dei possibili rischi inerenti la tossicità di inquinanti nell’ambiente, negli animali e all’uomo.

    Autonomia di giudizio: L’unità è adeguatamente dimensionata affinché lo studente sviluppi l’autonomia di giudizio finalizzata a valutare il possibile effetto tossico di composti chimici sull’ambiente.

    Abilità comunicative: Allo studente sono forniti tutti gli elementi di base per poter approcciarsi in modo logico alla valutazione dei meccanismi tossici di composti chimici sull’ambiente e queste sono stimolate anche attraverso la presentazione in aula di elaborati preparati singolarmente e/o in gruppo dagli studenti, alla presenza del docente e degli altri studenti.

    Capacità di apprendimento: Lo studente dovrà dimostrare di conoscere i meccanismi biochimici di tossicità, i meccanismi di trasferimento nell’ambiente dei principali inquinanti ambientali. La verifica, mediante test e/o elaborati di gruppo avverrà alla fine dell’unità didattica.

    UNITA' DIDATTICA 3: Soluzioni, diluizioni e loro preparazione; unità di misura delle concentrazioni;  calcoli in tossicologia. Metodologie di prelievo e analisi prelievo dei campioni da sottoporre ad analisi chimico-tossicologica. Analisi chimico-ambientale. Principali metodiche analitiche per la determinazione di xenobiotici nelle matrici organiche (Spettrofotometria, TLC, HPTLC, HPLC, GC, GC-MS, AA). Indicatori ecotossicologici - Saggi di tossicità e matrici, Indicatori di bioaccumulo. Casi di studio e seminari.

    Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente dovrà acquisire e sviluppare competenze tecniche sull’utilizzazione di saggi ecotossicologici, tecniche moderne, di specifico riferimento alle competenze scientifiche del docente.

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Facendo specifico riferimento allo stato dell’arte della ricerca in cui il docente è personalmente coinvolto, lo studente è stimolato al confronto critico sull’utilizzo del saggio ecotossicologio..

    Autonomia di giudizio: L’unità didattica è adeguatamente strutturata da permettere allo studente una valutazione autonoma del possibile impiego delle principali metodiche analitiche in campo ecotossicologico

    Abilità comunicative: Durante le lezioni e le esercitazioni lo studente verrà coinvolto attivamente nella scelta ed esecuzione di analisi e saggi ecotossicologici.

    Capacità di apprendimento: La verifica dell’apprendimento verrà effettuata o mediante simulazione di saggi ecotossicologiche e/o mediante test a risposte multiple.

    LIBRI DI TESTO

    • Casarett & Doull – edizione italiana a cura di Hrelia P e Cantelli Forte G., Elementi di tossicologia, CEA edizioni, 2013

    MATERIALE DI APPROFONDIMENTO

    Non sono previsti materiali di approfondimento.

    PROVE INTERMEDIE

    Unità didattica 1: Test a risposta multipla

    Unità didattica 2: Test a risposta multipla oppure a scelta dello studente un project work

    Unità didattica 3: Predisposizione di un test ecotossicologico


  • Argomento 1

    • Argomento 2

      • Argomento 3

        • Argomento 4

          • Argomento 5

            • Argomento 6

              • Argomento 7

                • Argomento 8

                  • Argomento 9

                    • Argomento 10