Indice degli argomenti

  • Patologia aviare - Prof. Cristina Esmeralda Di Francesco - a.a. 2016/2017

    Cristina Esmeralda Di Francesco è nata a Giulianova nel 1975. Dal 1° Luglio al 30 Novembre 2000 è stata incaricata, in qualità di vincitrice della borsa di studio post-laurea - D.R. n. 250 del 16 Dicembre 1999, di svolgere il progetto di ricerca "Allestimento della tecnica di Reverse Trancriptase-Polymerase Chain Reaction per la dagnosi in vita e post-mortem del cimurro del cane". Dal 4 Settembre 2000 al 3 Settembre 2002 è stata assunta, in seguito a concorso, nella Categoria D - p.e. 1 dell'area tecnica, tecnico-scientifica ed elaborazione dati, presso la Sezione di Microbiologia, Malattie Infettive e Parassitarie del Dipartimento di Strutture, Funzioni e Patologie degli Animali e Biotecnologie della Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università di Teramo, con contratto a tempo determinato della durata di due anni. Nel 2003 ha conseguito il Diploma di Specializzazione in "Sanità animale, Allevamento e Produzioni Zootecniche" conseguita presso l'Università degli Studi di Teramo. Dal 16 settembre 2002 al 14 Febbraio 2005, risultando idonea al Corso-concorso per Veterinari, Biologi e Chimici presso l'Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell'Abruzzo e del Molise, ha svolto servizio presso il Centro di Referenza Nazionale per l'Epidemiologia. Dal 30 Marzo 2005 è ricercatore universitario per il S.S.D. VET/05-Malattie infettive degli animali domestici presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università degli Studi di Teramo. Attualmente è docente, nel Corso di Laurea in Medicina Veterinaria della Facoltà di Teramo, dei corsi di Epidemiologia veterinaria e Patologia aviare, e del Tirocinio in Malattie Infettive e Profilassi aviare  

    INFO SUL CORSO

    OBIETTIVI GENERALI DEL CORSO

    • Conoscenza e capacità di comprensione: Gli Studenti disporranno di conoscenze e competenze teorico-pratiche nel campo degli obiettivi formativi dell’insegnamento. Tra questi, in particolare, quelli che interessano la diagnostica, sia clinica che di laboratorio, con particolare riferimento alle tecniche più innovative, e la profilassi delle malattie che interessano gli allevamenti avicoli di interesse zootecnico. Particolare attenzione verrà data all’acquisizione di conoscenze e competenze relative alla biosicurezza degli allevamenti con riferimento alle misure di controllo e profilassi delle malattie infettive, anche a carattere zoonosico, previste dalla normativa vigente nazionale e comunitaria. Gli studenti potranno inoltre sviluppare le conoscenze acquisite con la frequenza di seminari condotti da esperti di diversi settori, con le previste attività di tirocinio e con la preparazione della tesi di laurea. La verifica della conoscenza e della capacità di comprensione acquisite sarà valutata attraverso prove individuali d’esame
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Gli Studenti del corso saranno in grado di applicare il complesso delle conoscenze e delle competenze acquisite a problemi relativi alla gestione sanitaria degli allevamenti avicoli, al controllo e al monitoraggio delle malattie infettive a maggiore diffusione nelle specie domestiche e tra i selvatici.
      La capacità di applicare le conoscenze acquisite sarà stimolata e verificata durante l’intero percorso formativo mediante approcci teorici e pratici durante le lezioni e le attività di laboratorio, finalizzate quest’ultime alla applicazione pratica delle conoscenze relative alla corretta gestione dei campioni diagnostici dal momento della raccolta fino all’esecuzione delle principali procedure di laboratorio e alla interpretazione dei risultati ottenuti
    • Autonomia di giudizio: Gli Studenti dovranno acquisire autonomia di giudizio tale da consentire lo sviluppo di capacità critiche indispensabili per una corretta formulazione della diagnosi di sospetto delle principali patologie infettive e per una corretta differenziazione delle stesse sulla base dei rilievi epidemiologici, clinici e patologici raccolti. L’autonomia di giudizio verrà stimolata anche nel corso delle attività di progettazione e conduzione di studi e ricerche relative alle malattie infettive del settore avicolo. Inoltre, le attività di tirocinio e di preparazione della tesi di laurea, che potranno essere svolte anche presso altre istituzioni universitarie ed extra-universitarie nazionali e internazionali, favoriranno lo sviluppo di autonomia di giudizio nella valutazione critica in settori propri dell’insegnamento ma anche in settori affini.
    • Abilità comunicative: Gli Studenti dovranno essere in grado di comunicare con efficacia e senza ambiguità di interpretazione le conoscenze acquisite e le loro implicazioni in un contesto di collaborazione con interlocutori di analoga preparazione specialistica ma anche con interlocutori di diversa o meno specialistica preparazione. La formazione che gli studenti riceveranno durante il loro percorso formativo, anche grazie alla frequenza dei previsti seminari, sarà finalizzata ad acquisire competenze linguistiche tecnico-scientifiche, sia in forma scritta che orale, che permetterà loro di trasferire in modo chiaro e comprensibile le informazioni ad interlocutori di diversa preparazione fino agli utilizzatori finali (amministratori, autorità governative). L’abilità comunicativa sarà verificata nel progresso del percorso didattico attraverso le prove d’esame e attraverso la presentazione e la discussione pertinente la tesi di laurea finale.
    • Capacità di apprendimento: Gli Studenti dovranno essere in grado di approfondire le loro conoscenze nel campo della Patologia aviare e nei settori di ricerca affini, in maniera tale da consentire un continuo aggiornamento delle informazioni disponibili sugli aspetti epidemiologici, di profilassi e normativi delle malattie infettive. L’acquisizione di tale capacità sarà verificata nel percorso formativo attraverso seminari, tutoraggio personale, relazioni orali sull’attività di ricerca svolta durante il periodo di tirocinio e di preparazione della tesi di laurea. Nel complesso lo sviluppo di questa capacità, come delle precedenti, consentirà allo Studente di organizzare e gestire l’attività in gruppo

    PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'
    • Prerequisiti: Conoscenze di microbiologia, epidemiologia e patologia generale
    • Propedeuticità: Patologia generale e fisiopatologia veterinaria

    INDICATORI DI DUBLINO


    UNITA' DIDATTICA 1: Malattie ad eziologia batterica

    • Conoscenza e capacità di comprensione: Gli Studenti disporranno di conoscenze e competenze teorico-pratiche relativamente ad eziologia, epidemiologia, patogenesi, sintomi e lesioni, diagnosi e profilassi delle principali malattie infettive ad eziologia batterica dei volatili domestici e selvatici, con particolare riferimento alle tecniche diagnostiche più innovative, e alla profilassi delle malattie che interessano gli allevamenti avicoli di interesse zootecnico. Particolare attenzione verrà data all’acquisizione di conoscenze relative alla biosicurezza degli allevamenti con riferimento alle misure di controllo e profilassi delle malattie infettive, anche a carattere zoonosico, previste dalla normativa vigente nazionale e comunitaria.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Gli Studenti del corso saranno in grado di applicare il complesso delle conoscenze e delle competenze acquisite a problemi relativi alla gestione sanitaria degli allevamenti avicoli, al controllo e al monitoraggio delle malattie infettive ad eziologia batterica a maggiore diffusione nelle specie domestiche e tra i selvatici.
    • Autonomia di giudizio: Gli Studenti dovranno acquisire autonomia di giudizio tale da consentire lo sviluppo di capacità critiche indispensabili per una corretta formulazione della diagnosi di sospetto delle principali patologie infettive ad eziologia batterica e per una corretta differenziazione delle stesse sulla base dei rilievi epidemiologici, clinici e patologici raccolti.
    • Abilità comunicative: La formazione che gli Studenti riceveranno durante il loro percorso formativo sarà finalizzata ad acquisire competenze linguistiche tecnico-scientifiche, sia in forma scritta che orale, che permetterà loro di trasferire in modo chiaro e comprensibile le informazioni ad interlocutori di diversa preparazione fino agli utilizzatori finali (amministratori, autorità governative).

    • Capacità di apprendimento: Gli Studenti dovranno essere in grado di approfondire le loro conoscenze nel campo delle malattie infettive a d eziologia batterica delle specie volatili e nei settori di ricerca affini, in maniera tale da consentire un continuo aggiornamento delle informazioni disponibili sugli aspetti epidemiologici, di profilassi e normativi delle malattie stesse.

    UNITA' DIDATTICA 2: Malattie ad eziologia virale
    • Conoscenza e capacità di comprensione: Gli Studenti disporranno di conoscenze e competenze teorico-pratiche relativamente ad eziologia, epidemiologia, patogenesi, sintomi e lesioni, diagnosi e profilassi delle principali malattie infettive ad eziologia virale dei volatili domestici e selvatici, con particolare riferimento alle tecniche diagnostiche più innovative, e alla profilassi delle malattie che interessano gli allevamenti avicoli di interesse zootecnico. Particolare attenzione verrà data all’acquisizione di conoscenze relative alla biosicurezza degli allevamenti con riferimento alle misure di controllo e profilassi delle malattie infettive, anche a carattere zoonosico, previste dalla normativa vigente nazionale e comunitaria.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Gli Studenti del corso saranno in grado di applicare il complesso delle conoscenze e delle competenze acquisite a problemi relativi alla gestione sanitaria degli allevamenti avicoli, al controllo e al monitoraggio delle malattie infettive ad eziologia virale a maggiore diffusione nelle specie domestiche e tra i selvatici.
    • Autonomia di giudizio: Gli Studenti dovranno acquisire autonomia di giudizio tale da consentire lo sviluppo di capacità critiche indispensabili per una corretta formulazione della diagnosi di sospetto delle principali patologie infettive ad eziologia virale e per una corretta differenziazione delle stesse sulla base dei rilievi epidemiologici, clinici e patologici raccolti.
    • Abilità comunicative: La formazione che gli Studenti riceveranno durante il loro percorso formativo sarà finalizzata ad acquisire competenze linguistiche tecnico-scientifiche, sia in forma scritta che orale, che permetterà loro di trasferire in modo chiaro e comprensibile le informazioni ad interlocutori di diversa preparazione fino agli utilizzatori finali (amministratori, autorità governative).
    • Capacità di apprendimento: Gli Studenti dovranno essere in grado di approfondire le loro conoscenze nel campo delle malattie infettive a d eziologia virale delle specie volatili e nei settori di ricerca affini, in maniera tale da consentire un continuo aggiornamento delle informazioni disponibili sugli aspetti epidemiologici, di profilassi e normativi delle malattie stesse.

    LEZIONI SETTIMANALI

    • Lunedì ore 10:30/12:30 - aula

    LIBRI DI TESTO

    Diseases of poultry,

    • Autore: B.W. Calnek Ed.
    • Edizione: Mosby-Wolfe, 10th edition 

    Patologia aviare. Gestione e igiene degli allevamenti.,
    • Autore: G. Asdrubali
    • Edizione: Pitagora Editrice 

    Patologia aviare.
    • Autore: F.T.W. Jordan Ed
    • Edizione: Edagricole 

    PROVE INTERMEDIE

    PROVA INTERMEDIA 1

    • Unità didattica di riferimento: 1
    • Data: 4 novembre 2016
    • Tipologia di prova: test con 20 domande a risposta multipla e 1 domanda a risposta aperta.

    PROVA INTERMEDIA 2
    • Unità didattica di riferimento: 2
    • Data: 16 dicembre 2016
    • Tipologia di prova: test con 20 domande a risposta multipla e 1 domanda a risposta aperta.

    MODALITA' DI VALUTAZIONE
    Relativamente alle domande a risposta multipla, la risposta esatta varrà 1 punto mentre la risposta sbagliata o non fornita varrà 0; alla domanda arisposta aperta sarà assegnato un massimo di 10 punti. Ogni test si riterrà superato con un punteggio minimo di 18/30. Solo superando tutti i due test, si potrà pervenire alla valutazione finale che sarà espressa come media dei voti riportati nelle prove in itinere. In caso contrario lo Studente avrà la possibilità di sostenere una prova finale al termine del corso.