Indice degli argomenti

  • Aspetti clinici e legislativi del benessere animale - Prof. Tonino Talone - a.a. 2016/2017

    Il Dott. Talone Tonino è ricercatore confermato presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Teramo, inquadrato nel settore scientifico disciplinare VET08, afferisce al Dipartimento di Scienze Cliniche Veterinarie. Insegna Medicina legale veterinaria, legislazione veterinaria, protezione animale e deontologia presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi di Teramo, svolge inoltre l’insegnamento del modulo di legislazione sul benessere animale al Corso di Laurea in Tutela e Benessere Animale. Fa parte del Consiglio della Scuola di specializzazione in Sanità animale, allevamento e produzioni zootecniche e del Consiglio della Scuola di specializzazione in Fisiopatologia della riproduzione degli animali domestici. E’ stato rieletto per il quadriennio 2009-2012 rappresentante dei ricercatori nel Consiglio di Amministrazione dell’Università degli Studi di Teramo. Con Decreto Rettorale è stato incaricato, Insieme al Prof. Boari, Direttore del Dipartimento di Scienze Cliniche Veterinarie, con funzioni di Responsabile, del Servizio Veterinario Centralizzato di Ateneo per la protezione degli animali utilizzati a fini sperimentali. Fa parte Comitato Etico Interistituzionale per la sperimentazione animale istituito dagli Atenei di Chieti – Pescara, l’Aquila, Teramo e Istituto Zooprofilattico sperimentale dell’Abruzzo e Molise.
    L’attività scientifica si è svolta prevalentemente sullo studio ed applicabilità delle disposizioni legislative in materia di protezione degli animali utilizzati a fini sperimentali o ad altri fini scientifici, sulla ricerca e valutazione del rischio biologico e sulle possibili zoonosi del personale operante in materia, e, sul possibile ruolo dell’enzima gamma glutamil transferasi quale marker di mastopatia
     

    INFO SUL CORSO


    OBIETTIVI GENERALI DEL CORSO

    • Conoscenza e capacità di comprensione: Gli obiettivi formativi solo formalmente distinti prevedono la conoscenza della legislazione europea in tema di animali detenuti nel quadro di un'attività economica come la protezione dei vitelli, dei suini, delle galline ovaiole, dei polli da carne, del trasporto animale, di animali utilizzati a fini sperimentali. Particolare attenzione verrà data alla legislazione nazionale riguardante gli animali d’affezione ed in particolare le norme relative alla prevenzione del randagismo, alla ratifica della convenzione di Strasburgo ed alla sperimentazione animale, quest’ultima introduce come requisito obbligatorio, aver acquisito competenza nel maneggiamento degli animali.
      La legislazione europea sui giardini zoologici, aspetti relativi alla conservazione delle specie, il servizio CITES. Elementi di diritto Europeo e Italiano, recepimento di norme europee.
      Per gli aspetti clinici, l’approccio al paziente, anamnesi, avvicinamento, contenzione, manipolazione. Principali zoonosi. Requisiti minimi per le strutture veterinarie . Nozioni sullo schema di esame clinico, esame obiettivo generale e particolare, le grandi funzioni organiche, la cartella clinica, i prelievi di sangue nelle varie specie animali, i raschiati cutanei.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Gli studenti del corso in aspetti clinici e legislativi del benessere animale saranno in grado di applicare il complesso delle conoscenze e delle competenze acquisite in merito alle manualità da effettuare negli impianti di cura degli animali ed al corretto funzionamento sotto l’aspetto clinico e legislativo degli impianti produttori e non di alimenti per l’uomo, con particolare attenzione alle malattie trasmissibili all’uomo.
    • Autonomia di giudizio: Gli studenti del corso Aspetti clinici e legislativi del benessere animale acquisiranno autonomia di giudizio tale da coadiuvare e consentire lo sviluppo di capacità critiche indispensabili per le corrette procedure di allevamento di animali produttori di alimenti per l’uomo e di assistenza nei vari impianti di cura.
    • Abilità comunicative: Gli studenti del corso di Aspetti clinici e legislativi del benessere animale sapranno comunicare con efficacia le conoscenze acquisite e le loro implicazioni in un contesto di collaborazione con colleghi e con interlocutori di diversa provenienza.
    • Capacità di apprendimento: Gli studenti del corso in Aspetti clinici e legislativi del benessere animale sapranno approfondire le loro conoscenze inerenti la legislazione, gli aspetti patogenetici e clinici delle varie patologie tramite l’utilizzo di testi scientifici, riviste scientifiche online, e motori di ricerca e siti web specializzati


    PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'
    • Prerequisiti: Il Modulo di Aspetti Clinici e legislativi del benessere animale fa parte del Corso integrato Gestione sanitaria dell’animale e legislazione. Non esistono propedeuticità vincolanti, ma consigliabile aver seguito e sostenuto l’esame di patologia generale e fisiopatologia animale, malattie infettive e parassitarie degli animali.
    • Propedeuticità: Il Modulo di Aspetti Clinici e legislativi del benessere animale fa parte del Corso integrato Gestione sanitaria dell’animale e legislazione. Non esistono propedeuticità vincolanti, ma consigliabile aver seguito e sostenuto l’esame di patologia generale e fisiopatologia animale, malattie infettive e parassitarie degli animali.

    INDICATORI DI DUBLINO

    UNITA' DIDATTICA 1: Aspetti Clinici e legislativi del benessere animale: parte generale

    • Conoscenza e capacità di comprensione: Gli obiettivi formativi solo formalmente distinti prevedono la conoscenza della legislazione europea in tema di animali detenuti nel quadro di un'attività economica come la protezione dei vitelli, dei suini, delle galline ovaiole, dei polli da carne, del trasporto animale, di animali utilizzati a fini sperimentali. Particolare attenzione verrà data alla legislazione nazionale riguardante gli animali d’affezione ed in particolare le norme relative alla prevenzione del randagismo, alla ratifica della convenzione di Strasburgo ed alla sperimentazione animale, quest’ultima introduce come requisito obbligatorio, aver acquisito competenza nel maneggiamento degli animali.
      La legislazione europea sui giardini zoologici, aspetti relativi alla conservazione delle specie, il servizio CITES. Elementi di diritto Europeo e Italiano, recepimento di norme europee.
      Per gli aspetti clinici, l’approccio al paziente, anamnesi, avvicinamento, contenzione, manipolazione. Principali zoonosi. Requisiti minimi per le strutture veterinarie . Nozioni sullo schema di esame clinico, esame obiettivo generale e particolare, le grandi funzioni organiche, la cartella clinica, i prelievi di sangue nelle varie specie animali, i raschiati cutanei.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Gli studenti del corso in aspetti clinici e legislativi del benessere animale saranno in grado di applicare il complesso delle conoscenze e delle competenze acquisite in merito alle manualità da effettuare negli impianti di cura degli animali ed al corretto funzionamento sotto l’aspetto clinico e legislativo degli impianti produttori e non di alimenti per l’uomo, con particolare attenzione alle malattie trasmissibili all’uomo.
    • Autonomia di giudizio: Gli studenti del corso Aspetti clinici e legislativi del benessere animale acquisiranno autonomia di giudizio tale da coadiuvare e consentire lo sviluppo di capacità critiche indispensabili per le corrette procedure di allevamento di animali produttori di alimenti per l’uomo e di assistenza nei vari impianti di cura.
    • Abilità comunicative: Gli studenti del corso di Aspetti clinici e legislativi del benessere animale sapranno comunicare con efficacia le conoscenze acquisite e le loro implicazioni in un contesto di collaborazione con colleghi e con interlocutori di diversa provenienza.
    • Capacità di apprendimento: Gli studenti del corso in Aspetti clinici e legislativi del benessere animale sapranno approfondire le loro conoscenze inerenti la legislazione, gli aspetti patogenetici e clinici delle varie patologie tramite l’utilizzo di testi scientifici, riviste scientifiche online, e motori di ricerca e siti web specializzati.


    UNITA' DIDATTICA 2: Aspetti Clinici e legislativi del benessere animale: parte speciale
    • Conoscenza e capacità di comprensione: Gli obiettivi formativi solo formalmente distinti prevedono la conoscenza della legislazione europea in tema di animali detenuti nel quadro di un'attività economica come la protezione dei vitelli, dei suini, delle galline ovaiole, dei polli da carne, del trasporto animale, di animali utilizzati a fini sperimentali. Particolare attenzione verrà data alla legislazione nazionale riguardante gli animali d’affezione ed in particolare le norme relative alla prevenzione del randagismo, alla ratifica della convenzione di Strasburgo ed alla sperimentazione animale, quest’ultima introduce come requisito obbligatorio, aver acquisito competenza nel maneggiamento degli animali.
      La legislazione europea sui giardini zoologici, aspetti relativi alla conservazione delle specie, il servizio CITES. Elementi di diritto Europeo e Italiano, recepimento di norme europee.
      Per gli aspetti clinici, l’approccio al paziente, anamnesi, avvicinamento, contenzione, manipolazione. Principali zoonosi. Requisiti minimi per le strutture veterinarie . Nozioni sullo schema di esame clinico, esame obiettivo generale e particolare, le grandi funzioni organiche, la cartella clinica, i prelievi di sangue nelle varie specie animali, i raschiati cutanei.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Gli studenti del corso in aspetti clinici e legislativi del benessere animale saranno in grado di applicare il complesso delle conoscenze e delle competenze acquisite in merito alle manualità da effettuare negli impianti di cura degli animali ed al corretto funzionamento sotto l’aspetto clinico e legislativo degli impianti produttori e non di alimenti per l’uomo, con particolare attenzione alle malattie trasmissibili all’uomo.
    • Autonomia di giudizio: Gli studenti del corso Aspetti clinici e legislativi del benessere animale acquisiranno autonomia di giudizio tale da coadiuvare e consentire lo sviluppo di capacità critiche indispensabili per le corrette procedure di allevamento di animali produttori di alimenti per l’uomo e di assistenza nei vari impianti di cura.
    • Abilità comunicative: Gli studenti del corso di Aspetti clinici e legislativi del benessere animale sapranno comunicare con efficacia le conoscenze acquisite e le loro implicazioni in un contesto di collaborazione con colleghi e con interlocutori di diversa provenienza.
    • Capacità di apprendimento: Gli studenti del corso in Aspetti clinici e legislativi del benessere animale sapranno approfondire le loro conoscenze inerenti la legislazione, gli aspetti patogenetici e clinici delle varie patologie tramite l’utilizzo di testi scientifici, riviste scientifiche online, e motori di ricerca e siti web specializzati.

    LEZIONI SETTIMANALI

    • Giovedì ore 8.30 - 12.30

    LIBRI DI TESTO

    Principi e pratica di Tecnologia Veterinaria

    • Autore: P.W. Pratt
    • Edizione: A Delfino Editore, 2001, Roma


    Diagnosi mediante esame obiettivo e procedimenti clinici nei Piccoli Animali
    • Autore: McCourmin-Poffembarger
    • Edizione: Ed. sbm, Parma


    Semeiologia e Diagnostica Medica Veterinaria
    • Autore: Messieri-Moretti
    • Edizione: Ed Tinarelli, 1982, Bologna


    Tecniche infermieristiche
    • Autore: Rueca- Tommasini
    • Edizione: 1^ edizione, Poletto Editore, Ottobre 2007


    Procedure cliniche nel cane e nel gatto
    • Autore: Susan M. Taylor
    • Edizione: Edizione italiana a cura di Fabio Viganò – Elsevier

    PROVE INTERMEDIE

    PROVA INTERMEDIA 1

    • Unità didattica di riferimento: 1-2
    • Data: 10/01/2017; 14/02/2017; 21/03/2017; 18/04/2017; 23/05/2017; 20/06/2017; 11/07/2017 alle 09:30
    • Tipologia di prova: Prova scritta con domande a risposta multipla, vero o falso, aperte


    MODALITA' DI VALUTAZIONE
    L’esame consiste, alla fine del corso, in una prova scritta a risposta multipla ed a scelta dello studente anche in una prova orale. Sono previste delle prove in itinere.