Indice degli argomenti

  • Basi di diagnostica di laboratorio veterinaria - Prof. Roberto Giacominelli Stuffler - a.a. 2016/2017


    Fotografia

    Ha gli insegnamenti ufficiali di Propedeutica Biochimica ed Elementi di Biologia Molecolare e Basi di Diagnostica di Laboratorio Veterinaria nel CDLM in Medicina Veterinaria e di Biochimica nel CDL in Biotecnologie presso l'Università degli Studi di Teramo. È coordinatore del primo anno nel CDLM in Medicina Veterinaria (A.A. 2010/2011 – oggi) ed è componente della Commissione AQ (Assicurazione di Qualità) nel CDLM in Medicina Veterinaria (2013 - oggi). Per il curriculum, i campi d’interesse e la produzione scientifica si rimanda al sito docente dell’Università di Teramo.


     

    INFO SUL CORSO


    OBBIETTIVI GENERALI DEL CORSO

    • Conoscenza e capacità di comprensione: Nel suo percorso formativo, lo studente deve avere già acquisito competenze di chimica generale, inorganica, organica, di biochimica e di biologia molecolare. Questo modulo porta l’allievo alla conoscenza approfondita del laboratorio di diagnostica e delle basilari metodologie di biochimica clinica e di biologia molecolare clinica.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà aver acquisito la capacità di applicare concetti e metodologie del laboratorio di diagnostica, della biochimica clinica e della biologia molecolare clinica allo studio dei meccanismi biologici, microbiologici, biofisici, tossicologici e patologici concernenti lo stato di salute, di malattia e di benessere dell’animale. È continuamente ricercato il dialogo con gli altri insegnamenti, che permetterà agli allievi di apprendere i vari argomenti sotto differenti ottiche di studio.
    • Autonomia di giudizio: Gli studenti vengono esortati continuamente ad elaborare le conoscenze ricevute ed a incrementarle, al fine di ottenere una solida cultura scientifica; infatti, all’inizio del modulo e per tutta la sua durata, essi sono stimolati a fare riferimento, nella loro preparazione, a testi universitari aggiornati e preferibilmente in inglese, ad integrazione delle lezioni e del relativo PowerPoint, messo a loro disposizione; questo va a tutto vantaggio delle loro conoscenze e autonomia di giudizio. Si insegna loro a incrementare le nozioni apprese anche attraverso la capacità di riflettere sui temi etici e sociali connessi, con particolare riferimento alle tecniche di ingegneria genetica. L’obiettivo principale è quello di prepararli al meglio al futuro campo lavorativo; infatti, si privilegia, di ogni argomento, la ricaduta pratica.
    • Abilità comunicative: Lo studente dovrà essere in grado di esporre e spiegare, in maniera semplice ma rigorosa, anche a un pubblico non esperto, quanto ha appreso; infatti è opportuno che si abitui ad un contesto di collaborazione sia con colleghi, sia con interlocutori che non appartengono al proprio settore di competenza.
    • Capacità di apprendimento: Lo studente dovrà essere in grado di collegare e integrare le conoscenze apprese con quelle fornite nei corsi successivi. Inoltre, dovrà essere in grado di aggiornare le proprie competenze, consultando pubblicazioni scientifiche anche in lingua inglese e motori di ricerca.


    PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'
    • Prerequisiti: Lo studente deve avere già acquisito competenze di chimica generale, inorganica, organica, di biochimica e di biologia molecolare.
    • Propedeuticità: Nessuna

    INDICATORI DI DUBLINO


    UNITA' DIDATTICA 1: “Basi di Diagnostica di Laboratorio Veterinaria”

    • Conoscenza e capacità di comprensione: Nel suo percorso formativo, lo studente deve avere già acquisito competenze di chimica generale, inorganica, organica, di biochimica e di biologia molecolare. Questo modulo porta l’allievo alla conoscenza approfondita del laboratorio di diagnostica e delle basilari metodologie di biochimica clinica e di biologia molecolare clinica.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà aver acquisito la capacità di applicare concetti e metodologie del laboratorio di diagnostica, della biochimica clinica e della biologia molecolare clinica allo studio dei meccanismi biologici, microbiologici, biofisici, tossicologici e patologici concernenti lo stato di salute, di malattia e di benessere dell’animale. È continuamente ricercato il dialogo con gli altri insegnamenti, che permetterà agli allievi di apprendere i vari argomenti sotto differenti ottiche di studio.
    • Autonomia di giudizio: Gli studenti vengono esortati continuamente ad elaborare le conoscenze ricevute ed a incrementarle, al fine di ottenere una solida cultura scientifica; infatti, all’inizio del modulo e per tutta la sua durata, essi sono stimolati a fare riferimento, nella loro preparazione, a testi universitari aggiornati e preferibilmente in inglese, ad integrazione delle lezioni e del relativo PowerPoint, messo a loro disposizione; questo va a tutto vantaggio delle loro conoscenze e autonomia di giudizio. Si insegna loro a incrementare le nozioni apprese anche attraverso la capacità di riflettere sui temi etici e sociali connessi, con particolare riferimento alle tecniche di ingegneria genetica. L’obiettivo principale è quello di prepararli al meglio al futuro campo lavorativo; infatti, si privilegia, di ogni argomento, la ricaduta pratica.
    • Abilità comunicative: Lo studente dovrà essere in grado di esporre e spiegare, in maniera semplice ma rigorosa, anche a un pubblico non esperto, quanto ha appreso; infatti è opportuno che si abitui ad un contesto di collaborazione sia con colleghi, sia con interlocutori che non appartengono al proprio settore di competenza.
    • Capacità di apprendimento: Lo studente dovrà essere in grado di collegare e integrare le conoscenze apprese con quelle fornite nei corsi successivi. Inoltre, dovrà essere in grado di aggiornare le proprie competenze, consultando pubblicazioni scientifiche anche in lingua inglese e motori di ricerca.


    LEZIONI SETTIMANALI

    • Giovedì ore 8,30-9,30 - aula Aula 6

    LIBRI DI TESTO


    Metodologie di base per la biochimica e la biotecnologia.

    • Autore: A.J. Ninfa, D.P. Ballou.
    • Edizione: Ed. Zanichelli , 2008, Bologna


    Biotecnologia molecolare.
    • Autore: R.G. Glick, J.J. Pasternak.
    • Edizione: Ed. Zanichelli , 1999, Bologna

    MATERIALE DI APPROFONDIMENTO


    PROVE INTERMEDIE

    PROVA INTERMEDIA 1

    • Unità didattica di riferimento: 1
    • Data: 08/06/2017 alle 08:30
    • Tipologia di prova: Scritta

    MODALITA' DI VALUTAZIONE
    L’esame del modulo verte, a scelta dello studente, su una prova scritta, oppure su una prova orale. Durante le lezioni, gli studenti verificano il loro grado di apprendimento, attraverso la continua risoluzione di test, simili a quelli che troveranno durante gli scritti. Il voto finale del C.I. “Diagnostica per Immagini e di Laboratorio” deriva dalla media dei suoi tre moduli.