Indice degli argomenti

  • Diritto del lavoro (biennale) - Prof. Micaela Vitaletti - a.a. 2014/2015

    Abilitato alle funzioni di Professore di II fascia per il diritto del lavoro
    Ricercatore di diritto del lavoro JUS/07 presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Teramo.
    E' stata nel 2010 Visiting scholar presso l'Advance Legal Studies, University of London nell'ambito del progetto di ricerca "Corporate criminal liability and compliance programs" finanziato dalla Commissione Europea (in partnership con: Università di Roma "La Sapienza"; Università di Parigi "Sorbonne"; Università di Castilla-La Mancha).
    Ha conseguito nel 2006 il titolo di Dottore di ricerca in diritto del lavoro e relazioni industriali presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Bari  Aldo Moro, discutendo una tesi dal titolo "Tecniche e modelli di sviluppo della c.d. parte variabile della retribuzione- La spicciola prassi aziendale".
    Ha conseguito nel 2006 l'abilitazione alla professione forense.
    E' stata  nel 2005 con borsa di studio Visiting scholar presso l'Institut für Arbeitrecht, Albert-Ludwigs Universität di Freiburg i. B (Germania) nell'ambito del percorso di studi del dottorato di ricerca in diritto del lavoro e relazioni industriali presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Bari
    Ha partecipato, a seguito di apposita selezione, al seminario di diritto comparato del lavoro "Pontignano XX" sul tema I lavori atipici, tenutosi a Pontignano (Siena) dal 20 al 26 luglio 2003 organizzato dall'Associazione Italiana di Diritto del Lavoro e della Sicurezza Sociale sul tema "I lavori atipici".
    Ha conseguito con borsa di studio nel 2003 l' European Master in Labour Studies presso l'Università Statale di Milano - coordinatore Prof. P. Ichino.
    Si è laureata in Giurisprudenza con votazione 110/110, presso l'Università degli Studi di Roma Tre con una tesi in Diritto del lavoro dal titolo "Il contratto di lavoro a tempo parziale".
    E’ iscritta alla Associazione italiana di diritto del lavoro e della sicurezza sociale
    E’ coordinatrice del corso “Clinica legale di diritto del lavoro”
    E’ coordinatrice del seminario in collaborazione con l’Ordine e la Fondazione dei consulenti del lavoro “La gestione economica/amministrativa del trattamento economico del lavoratore”
    Interessi di ricerca: retribuzione e produttività nel rapporto di lavoro


    Pubblicazioni 2015:

    Luoghi e ricerca del lavoro. Note sul sostegno alla mobilità territoriale nelle politiche per l’occupazione, in Quaderni Arg.dir.lav., n. 13, 2015, p.170-185.

    L’immediatezza tra forma e sostanza. Brevi notazioni sui vizi della contestazione disciplinare ‘tardiva’, in Giustizia civile, 1/2015

     Pubblicazioni 2014

    Deleghe per la riforma dei servizi per l'impiego e politiche attive, (a cura di) A. Perulli, L. Fiorillo, Rapporto individuale e processo del lavoro, Torino, Giappichelli, 2014;

    Retribuzione di produttività e contrattazione collettiva decentrata, in Economia & Lavoro, 2014, p. 108 ss;

    Rappresentanze sindacali unitarie e convocazione dell'assemblea sindacale, in Giustizia Civile, 2014;


    OBIETTIVI DEL CORSO, PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'

    • Obiettivi formativi generali: Illustrare le nozioni fondamentali della disciplina dei rapporti di lavoro, nella dimensione collettiva ed individuale, alla luce dei principi costituzionali e comunitari, con particolare attenzione alle recenti e significative modifiche legislative che hanno interessato il diritto del lavoro.
    • Prerequisiti: Non sono richiesti prerequisiti
    • Propedeuticità: Diritto privato - diritto pubblico


    INDICATORI DI DUBLINO PER UNITA' DIDATTICA


    UNITA' DIDATTICA 1: Organizzazione, azione e conflitto sindacale

    Argomento: La libertà sindacale - L'organizzazione dei lavoratori e degli imprenditori - Rappresentanza e rappresentatività sindacale - L'organizzazione sindacale nei luoghi di lavoro: r.s.a. e r.s.u. - I diritti sindacali - La repressione della condotta antisindacale - Contenuti e struttura della contrattazione collettiva - Concorso-conflitto tra contratti collettivi - L'efficacia del contratto collettivo di lavoro - L'interpretazione del contratto collettivo - Il rapporto tra legge e contratto collettivo - Lo sciopero.

    Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente, tramite lo svolgimento di prove pratiche, dovrà acquisire una solida preparazione culturale metodologica per una comprensione della disciplina sindacale, nonché delle dinamiche sottese alle relazioni tra le parti sociali.


    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà acquisire la capacità di approfondire le questioni giuridiche relative alla gestione dei rapporti collettivi; riuscire a interpretare le fonti dell’ordinamento intersindacale e a gestire le relazioni sindacali; acquisire gli strumenti di gestione del sistema di contrattazione collettiva.


    Autonomia di giudizio: Lo studente dovrà dimostrare la capacità di saper inquadrare le possibili fattispecie concrete e di esprimere in relazione ad esse giudizi autonomi, facendo anche riferimento alle soluzioni accolte dalla dottrina e alle posizioni assunte dalla giurisprudenza.


    Abilità comunicative: Lo studente dovrà acquisire buone capacità logico comunicative, mostrandosi in grado di utilizzare vecchi e nuovi media per la veicolazione delle conoscenze acquisite.


    Capacità di apprendimento: La capacità di apprendimento verrà conquistata dallo studente con la consuetudine allo studio e attraverso attività formative di supporto alla preparazione degli esami e della prova finale.

    UNITA' DIDATTICA 2 : Contratto e rapporto di lavoro

    Argomento: Lavoro subordinato e lavoro autonomo - Contratto e rapporto di lavoro - L'obbligazione di lavoro - Mansioni, qualifiche e categorie - Diligenza, obbedienza e fedeltà - La durata della prestazione di lavoro: orario di lavoro e pause - I poteri del datore di lavoro - Il potere direttivo e la tutela contro le discriminazioni - Il potere di controllo e la tutela della privacy - Ius variandi e potere di trasferimento - Il potere disciplinare - I diritti dei lavoratori - I diritti retributivi - Il diritto alla sicurezza nei luoghi di lavoro e la tutela della salute - La sospensione del rapporto di lavoro - L'estinzione del rapporto di lavoro - Il licenziamento individuale - I licenziamenti per riduzione di personale

    Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente, tramite lo svolgimento di prove pratiche, dovrà acquisire una solida preparazione culturale metodologica per una comprensione della disciplina lavoristica.


    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà acquisire la capacità di approfondire le questioni giuridiche relative alla gestione del rapporto individuali di lavoro; essere in grado di interpretare la normativa sulla gestione del rapporto di lavoro e di applicarla in modo autonomo, nonché di identificare gli adempimenti e le misure attuabili in un determinato contesto organizzativo.


    Autonomia di giudizio: Lo studente dovrà dimostrare la capacità di saper inquadrare le possibili fattispecie concrete e di esprimere in relazione ad esse giudizi autonomi, facendo anche riferimento alle soluzioni accolte dalla dottrina e alle posizioni assunte dalla giurisprudenza.

    Capacità di apprendimento: La capacità di apprendimento verrà conquistata dallo studente con la consuetudine allo studio e attraverso attività formative di supporto alla preparazione degli esami e della prova finale.

    UNITA' DIDATTICA 3: Il mercato del lavoro

    Argomento: Nuove tipologie di rapporti di lavoro e lavori flessibili - Il decentramento produttivo - Somministrazione di lavoro, appalto, distacco - Il trasferimento d'azienda

    Conoscenza e capacità di comprensione: Lo studente, tramite lo svolgimento di prove pratiche, dovrà acquisire una solida preparazione culturale metodologica per una comprensione della disciplina lavoristica.


    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente dovrà acquisire la capacità di approfondire le questioni giuridiche relative alla gestione dei rapporti individuali di lavoro nel mercato del lavoro; essere in grado di interpretare la normativa sulla gestione del rapporto di lavoro e di applicarla in modo autonomo, nonché di identificare gli adempimenti e le misure attuabili in un determinato contesto organizzativo.


    Autonomia di giudizio: Lo studente dovrà dimostrare la capacità di saper inquadrare le possibili fattispecie concrete e di esprimere in relazione ad esse giudizi autonomi, facendo anche riferimento alle soluzioni accolte dalla dottrina e alle posizioni assunte dalla giurisprudenza.


    Abilità comunicative: Lo studente dovrà acquisire buone capacità logico comunicative, mostrandosi in grado di utilizzare vecchi e nuovi media per la veicolazione delle conoscenze acquisite.


    Capacità di apprendimento: La capacità di apprendimento verrà conquistata dallo studente con la consuetudine allo studio e attraverso attività formative di supporto alla preparazione degli esami e della prova finale.


    LIBRI DI TESTO

    Santoro Passarelli,Diritto dei lavori,Giappichelli,Torino,Ultima edizione

    E' necessario avere un Codice del lavoro aggiornato oppure scaricare le leggi necessarie per l'apprendimento del corso dal sito: www.normattiva.it  da cui reperire, a mero titolo esemplificativo: codice civile; l.n. 300/1970; legge delega 183/2014; dlgs 22/2015; dlgs 23/2015


    MATERIALE DI APPROFONDIMENTO
    In base agli argomenti del corso, gli studenti potranno trovare il materiale per l'approfondimento, facoltativo rispetto al libro di testo, presso il seguente sito: http://csdle.lex.unict.it/search/workingpapers.aspx?cat=WP%20CSDLE%20M.%20D'ANTONA-IT     Il sito offre la possibilità di accedere a saggi di dottrina nelle materie di diritto del lavoro e diritto sindacale.

    Nell'ambito del corso verranno organizzati degli approfondimenti tematici per gruppi di studenti. Gli approfondimenti e le modalità di partecipazione verranno comunicate all'inizio del corso, essendo  necessario verificare il numero dei frequentanti.


    PROVE INTERMEDIE

    Il corso prevede lo svolgimento di due esoneri ( orientativamente  il primo dopo il primo mese e mezzo di corso e il secondo a ridosso della fine del corso). Gli studenti possono scegliere di sostenerli entrambi o soltanto uno.







  • Il diritto del lavoro: fonti, oggetto, storia

    a). diritto del rapporto individuale: dalla legislazione sociale alla disciplina corporativa; la Costituzione; legislazione post-costituzionale; b) dalla normativa individualista degli anni ’50 e ’60 a quella garantista- promozionale dello Statuto dei lavoratori; il passaggio dagli anni ’70 agli anni ’80: dall’emergenza alla flessibilità; il decennio ’90; il nuovo secolo tra riforme e controriforme: la riforma della Parte II,Tit.Vdella Costituzione; dal Libro bianco del 2001 alla riforma “Biagi” del 2003.; la riforma “Brunetta”del 2009; il governo “tecnico” Monti: le riforme “Fornero” del 2012; c) il diritto europeo

  • Il lavoro subordinato

    a) La questione della subordinazione; le operazioni giurisprudenziali di qualificazione: il metodo tipologico; rilevanza della qualificazione operata dalle parti e le «presunzioni» giurisprudenziali; subordinazione, fattispecie tipica ed effetti b) Parasubordinazione e lavoro autonomo; lavoro a progetto, occasionale, accessorio.

  • La costituzione del rapporto di lavoro

    Prima del contratto di lavoro: tirocini formativi e di orientamento

    Contratto e rapporto: la contrattualità del rapporto; art.2126 c.c. e prestazione di fatto;  i soggetti del contratto; il lavoratore: capacità giuridica e capacità di agire; minori e lavoro; il datore di lavoro; la forma del contratto di lavoro; consenso, vizi del consenso e simulazione; la clausola di prova; le modalità di assunzione e gli adempimenti formali;

  • Prestazione e obblighi nel rapporto di lavoro

    le categorie dei lavoratori;  mansioni e qualifica; lo jus variandi;  gli obblighi del lavoratore; il luogo di adempimento della prestazione: trasferimento e trasferta; la durata della prestazione (orario, ferie pause e riposi); i poteri del datore di lavoro:  il poteri direttivo contenuto e limiti; il principio di non discriminazione; la tutela contro le discriminazioni; il potere di controllo; il divieto di indagine sulle opinioni; il potere disciplinare; l’obbligo di sicurezza e l’art.2087 c.c.

  • La retribuzione

    Fonti e principi; fonti individuali e collettive;  corrispettività e principi costituzionali: a) sufficienza e proporzionalità. Il concetto giurisprudenziale di retribuzione 
minima; non discriminazione e parità retributiva ; nozione di retribuzione

  • Le sospensioni del rapporto di lavoro

    Fattispecie e tipologie: sospensioni per cause inerenti al prestatore di lavoro ; gli art. 2110 -2111c.c.; malattia e infortuni; gravidanza  puerperio e congedi parentali; altri casi di sospensione; sospensioni dipendenti dall’impresa: la Cassa Integrazione Guadagni: l’evoluzione normativa; l’intervento ordinario e straordinario: «cause integrabili», 
ambito applicativo, durata e misura dell’integrazione .; (Segue): Procedure, erogazione e finanziamento della Cig ; (Segue): Criteri di scelta, rientro in azienda, ricollocamento 
dei lavoratori 

    • La cessazione del rapporto di lavoro

      a) Le ipotesi di cessazione del rapporto di lavoro;  il recesso nella disciplina del codice civile ; la necessaria giustificazione del licenziamento; la disciplina delle dimissioni; la giusta causa; il giustificato motivo soggettivo; il giustificato motivo oggettivo;  licenziamento discriminatorio, dettato da motivo illecito, 
in frode alla legge; la forma e la procedura di irrogazione del licenziamento: il licenziamento disciplinare; b) L’impugnazione del licenziamento : onere della prova; sanzionatorio del licenziamento invalido ; la tutela obbligatoria: l’art. 8 della L. n. 604/1966 . . 11.2. Tutela reale e tutela indennitaria: l’art. 18 St. lav ; area della tutela reale;  Area della tutela obbligatoria; area residuale del licenziamento libero; c) I licenziamenti collettivi: i licenziamenti collettivi nella L. n. 223/1991: la riduzione di personale e la messa in mobilità nelle imprese; procedura di mobilità e criteri di scelta; d) il trattamento di fine rapporto

    • contratti a termine, flessibili e formativi

      contratto a tempo determinato; contratto a tempo parziale; contratto intermittente; contratto di apprendistato

    • Le garanzie dei diritti dei lavoratori

      Tipologia e ratio. Inderogabilità e indisponibilità; la disciplina delle rinunzie e transazioni; la prescrizione dei diritti del lavoratore; la decadenza; altre garanzie del credito retributivo: a) i privilegi; b) impignorabilità, insequestrabilità, incedibilità