Indice degli argomenti

  • Analisi controllo qualità - Prof. Marcello Mascini - a.a. 2016/2017

    Ricercatore confermato di chimica analitica. Abilitato Professore Associato (03/A1)

    Interessi di ricerca
    L’area di ricerca del Dr. Mascini riguarda lo sviluppo di sensori e biosensori per la determinazione di analiti di interesse alimentare ed ambientale, in particolare applicando nuove metodiche di molecular modeling per la razionalizzazione di trappole biomimetiche.

    Pubblicazioni di rilievo
    Autore di oltre 80 pubblicazioni nel settore della Chimica Analitica (70% come corresponding author) di cui oltre 50 su riviste scientifiche internazionali (con referee) e oltre 150 partecipazioni a convegni internazionali (abstracts). Per dettagli  (H index, citations, ect.):

    http://scholar.google.it/citations?user=APvh_ycAAAAJ&hl=en

    Attività didattiche accademiche svolte nell’Ateneo
    Titolare da piu' di 10 anni di vari corsi: Elementi di Chimica,  Laboratorio di analisi chimiche degli alimenti, Analisi Controllo Qualità, Trattamento Statistico dei Dati, per i corsi di laurea e Laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Alimentari, Veterinaria, Tutela e Benessere Animale, Viticoltura ed Enologia.

    Esperienze in ambito internazionale nella didattica accademica e nella ricerca scientifica
    Da piu’ di 15 anni il Dr. Mascini collabora attivamente a livello europeo con altri gruppi di ricerca in particolare partecipando al SENSPOL Thematic Network (contract no. EVK1-CT1999-2001, EC Environment and Sustainable Development Programme, DG Research, Key Action "Management and Quality of Water")
    Nel 2006 il Dr. Macini, in collaborazione con il gruppo di ricerca del Prof. Guilbault University of Cork, Ireland, e’ all’interno del 12% dei ricercatori europei scelti nell’ambito del Sixth European Framework Programme 2002-Mobility-5 (Marie Curie Intra-European Fellowships).
    Nel 2008-2012 il Dr. Mascini e' stato il coordinatore di due progetti europei del European 7th framework programme (call PEOPLE-IRSES), in collaborazione con Brasile, Marocco, Portogallo e Repubblica Ceca.

    Affiliazioni accademiche
    Universita’ di Teramo

    Per visualizzare questo contenuto è necessario accettare i cookie inviati dalle Piattaforme di condivisione video.
    Clicca qui per abilitare tutti i cookie per questo sito web.

    OBIETTIVI DEL CORSO, PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'

    • Obiettivi formativi generali: Il corso ha come obiettivo principale quello di fornire allo studente le conoscenze di base relative all'analisi chimica per il controllo qualità, trattando diffusamente argomenti di uso comune in laboratorio come l'analisi volumetrica, L'elettrochimica, la spettroscopia, tecniche separative, metodi cromatografici (gas-cromatografia, cromatografia liquida, elettroforesi etc.) e l'analisi enzimatica. Evidenziare la potentialità e l'utilizzo delle tecniche analitiche per il controllo di qualità nel settore enologico mediante la valutazione teorica e pratica di procedure significative per il controllo di qualità. Il programma didattico, inoltre, sarà supportato da esperienze pratiche su metodi di analisi riguardanti la Viticoltura e l'Enologia.
    • Prerequisiti: Corso integrato. Si ritiene utile aver superato gli esami di Matematica, Fisica e Chimica.
    • Propedeuticità: Corso integrato. Si ritiene utile aver superato gli esami di Matematica, Fisica e Chimica.

    UNITA' DIDATTICA 1: Procedimento analitico - analisi volumetrica - Potenziometria

    Argomento: 

    Introduzione all’analisi chimica, il procedimento analitico, campi di applicazione. L'errore casuale, l'errore sistematico, accuratezza, precisione, deviazione standard, espressione del dato analitico in termini di accuratezza e precisione, cifre significative, minimi quadrati lineari, metodi di confronto del dato analitico, carte di controllo, limite di confidenza , test di significatività, scarto di un risultato.

    Richiami di analisi volumetrica. Principi dell'analisi volumetrica, soluzioni standard e curve di titolazione, esempi di titolazioni acido-base e titolazioni redox, calcoli per la determinazione della curva di titolazione, determinazione del punto di equivalenza, applicazioni nel campo della Viticoltura ed Enologia.

    Potenziometria. Titolazioni potenziometriche, potenziometria diretta, elettrodi potenziometrici, elettrodi di riferimento, elettrodi selettivi per ioni, classificazione, caratteristiche analitiche e principali applicazioni nel campo della Viticoltura ed Enologia. Determinazione del pH; teoria dell'elettrodo indicatore a vetro, elettrodi a pH combinati, misura di pH, procedura di calibrazione, fonti di errore.

    UNITA' DIDATTICA 2:  Voltammetria - Spettroscopia

    Argomento: 

    Voltammetria. generazione di curve i-V ed uso analitico, la corrente limite di diffusione, potenziale di semi-onda, elettrodo a goccia di mercurio, elettrodi solidi, tecniche voltammetriche pulsate, l’elettrodo di Clark.

    Spettroscopia, spettroscopie di emissione e di assorbimento, assorbanza e trasmittanza, spettrofotometria UV/visibile, transizioni elettroniche, legge di Beer, applicazioni della spettrofotometria UV/visibile, lo spettrofotometro, sorgenti di radiazioni, reticoli e monocromatori, filtri, rivelatori, strumenti a singolo e doppio raggio, l'errore spettrofotometrico. Spettrofometria IR, transizioni roto-vibrazionali, sorgenti, cuvette e rivelatori IR, applicazioni della spettrofometria IR nel campo della Viticoltura ed Enologia. Spettroscopia di fluorescenza molecolare, il fenomeno della fluorescenza, caratteristiche analitiche della fluorescenza, lo spettrofluorimetro, applicazioni nel campo della Viticoltura ed Enologia.

    SONO PREVISTE DUE ESERCITAZIONI PRATICHE

    UNITA' DIDATTICA 3: Analisi Enzimatica -  Tecniche separative preparative - Cromatografia

    Argomento: 

    Principi di analisi enzimatica, metodi cinetici e end-point, tipi di rivelazione in analisi enzimatica, utilizzo dei kit per l’analisi enzimatica.

    Tecniche separative preparative per campioni di interesse in enologia e viticultura. Introduzione ai metodi cromatografici, Cromatografia liquida, Cromatografia ad alta efficienza (HPLC), Cromatografia a scambio ionico, Cromatografia a esclusione molecolare, Cromatografia di affinità, Gas-cromatografia, Cromatografia su strato sottile.

    Esempi sui principali metodi per il controllo di qualità come la determinazione dell’alcol, determinazione degli zuccheri, dell’acidità, degli acidi organici, dell’azoto, dosaggio degli ioni inorganici, determinazione delle sostanze fenoliche.

    SONO PREVISTE DUE ESERCITAZIONI PRATICHE.

    INDICATORI DI DUBLINO PER UNITA' DIDATTICA

    Gli indicatori di Dublino sono i medesimi per tutte le Unità didattiche.

    Conoscenza e capacità di comprensione: Il corso si prefigge di fornire le conoscenze per poter effettuare analisi di controllo qualità con particolare riferimento a metodiche di screening, di conferma, e elaborazione dati. In particolare verranno trattati argomenti relativi all’uso di metodi basati su analisi volumetrica, potenziometrica, voltammetrica e spettrofotometrica. Verranno inoltre trattate tecniche di statistica per la elaborazione dei dati con i software excel e sigmaplot. Verranno riportati dei casi studio sui principali metodi per il controllo di qualità come la determinazione dell'alcol, degli zuccheri, dell'acidità, degli acidi organici, dell'azoto, dosaggio degli ioni inorganici, determinazione delle sostanze fenoliche.

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Lo studente sarà in grado in base alle conoscenze ottenute di lavorare nel settore enologico con riferimento particolare ad aspetti di ricerca, sviluppo, innovazione per il controllo qualità di processo. La discussione dei casi studio sulle problematiche analitiche relative consentirà di risolvere problemi in vari contesti del settore dell’enologia e della viticoltura.

    Autonomia di giudizio: Gli studenti saranno in grado sulla base della teoria e delle esercitazioni pratiche di laboratorio di giudicare la potenziale applicazione di un metodo/strumento proposto per analisi enologiche. Gli studenti frequentanti lavoreranno in laboratorio e con software per la elaborazione statistica dei dati. Saranno valutate relazioni di gruppo in cui si evidenzieranno potenzialità, limitazioni e possibili sviluppi a breve, medio e lungo termine relativamente al lavoro svolto. Ai non frequentanti verrà chiesto di presentare una relazione che sarà valutata on-line dal docente e dagli studenti frequentanti.

    Abilità comunicative: La presentazione di report e delle prove in itinere scritte/orali consentirà di sviluppare abilità comunicative.

    Capacità di apprendimento: Alla fine del corso gli studenti saranno in grado di seguire e giudicare gli sviluppi della ricerca su analisi enologiche e valutare la letteratura internazionale sul tema.

    Libri di testo

    • Dispense delle lezioni.
    • Qualsiasi libro di chimica analitica e laboratorio.

    MATERIALE DI APPROFONDIMENTO

    Non sono al momento disponibili materiali di approfondimento per questo corso.

    PROVE INTERMEDIE

    Le prove intermedie saranno svolte al termine dell'unità didattica di riferimento

    L'esame del modulo si compone di una prova scritta e di una eventuale prova orale. Il voto finale risulta dalla media dei voti ottenuti nelle varie prove.

    La prova scritta richiede il superamento di tre prove in itinere o, in caso di insufficienza in queste ultime, di un esame scritto finale su tutti gli argomenti del corso.

    Le prove in itinere si tengono durante il semestre al termine delle unità didattiche e contengono una serie di 30 domande a risposta multipla, limitate agli argomenti specifici delle unità. La risposta corretta a ogni domanda vale 1 punto. La risposta sbagliata o non data vale 0 punti. Le prove in itinere si intendono superate con un voto medio uguale o maggiore di 18/30

    In caso di insufficienza nelle prove in itinere, al termine del semestre, lo studente è tenuto a sostenere un esame scritto finale consistente in un quiz di 90 domande a risposta multipla sugli argomenti dell'intero modulo. La risposta corretta a ogni domanda vale 1 punto. Le risposte sbagliate o non date valgono 0 punti. La prova si intende superata con un voto finale uguale o maggiore di 18/30.

    Il voto ottenuto nella prova scritta (i.e., prove in itinere o esame scritto finale) sarà mantenuto per un periodo non superiore a un anno dalla data del suo superamento.

    La eventuale prova orale, da sostenersi solo se si è superato la prova scritta, verte sull’intero programma del modulo. In caso di non superamento dell’orale, il voto della prova scritta viene mantenuto fino alla sua naturale scadenza.

     Il voto finale deriva dalla media ponderata di questo modulo con quello di “CHIMICA ENOLOGICA” del C.I. di cui fa parte l’insegnamento.

    Durante le lezioni, gli studenti verificano il loro grado di apprendimento, attraverso la risoluzione di test, simili alle prove in itinere.

  • 1UNI_DID_VE

    Procedimento Analitico - Analisi Volumetrica - Potenziometria

  • 3UNI_DID_VE

    Tecniche Separative Preparative - Cromatografia - Analisi Enzimatica