Indice degli argomenti

  • Etologia - Prof. Pia Lucidi - a.a. 2017/2018

     

    Lucidi Pia, nata a Teramo il 18/05/1962; laureata in Medicina Veterinaria presso l'Università degli Studi di Bologna con 110/110 e lode; abilitata all'esercizio della professione di Medico Veterinario, nella II sessione del 1991; professore di ruolo-fascia degli associati nel settore scientifico-disciplinare VET-02 dal 1/02/2005; docente del corso di Etologia nel CLS in Medicina Veterinaria e di Fisiologia del comportamento, Fisiologia animale ed Etologia nel   CL in Tutela e benessere animale dell'Università degli studi di Teramo; membro del Dottorato in Fisiologia equina (sperimentale e applicata); coordinatrice del Master di I livello in "Scienze cognitive e benessere del cavallo";   docente del Master di I livello in Scienze Comportamentali e pet-therapy; docente nel Master di II livello in Alimentazione e dietetica clinica degli animali da compagnia; docente e coordinatore didattico scientifico nel Corso di Perfezionamento in "Biotecnologie della riproduzione", docente del Master di II livello in "Gastroenterologia ed endoscopia digestiva degli animali da affezione"; docente presso l'Università Popolare Medio-adriatica e nel Corso di Perfezionamento "Ispezione e gestione delle risorse ittiche";  co-autrice di "Ethotest 2002©", copyright del Dipartimento di Scienze Biomediche comparate, allestito per la selezione di cani coterapeuti da utilizzare in Animal  Assisted Activities/ Therapy e adottato da Università straniere dove è diventato parte della formazione richiesta agli studenti dei Master in  AAAA/AAT (es: https://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=8Rzt-R_UevY)

    Membro delle seguenti società scientifiche:

    -Società Italiana delle Scienze Veterinarie (SISVet),

    -Società Italiana di Fisiologia Veterinaria (SOFIVET),

    -Società Italiana di Arte Equestre Classica (SIAEC),

    -Society for the Promotion of Applied Research in Canine Science (SPARCS),

    -Società Italiana Veterinaria Studio Animali Non Convenzionali (SIVSANC).

    Fino al 2016: Membro della Comitato di Etica Interistituzionale per la Sperimentazione Animale (CEISA) delle Università G. D'Annunzio (Chieti-Pescara), Teramo, L'Aquila e IZS dell'Abruzzo e del Molise "G. Caporale" di Teramo: http://www.unite.it/UniTE/Engine/RAServePG.php/P/95061UTE0310.

    Sostenitore di Dr. Hadwen Trust: UK's leading non-animal medical research charity.

    Sostenitore di Jane Goodall Institute Italia

     

    INTRODUZIONE AL CORSO, PATTO CON LO STUDENTE, MODALITÀ ESAMI, LIBRI, PROGRAMMA ETC.

    Lavorare con gli animali. Il benessere animale: il ruolo del medico veterinario.

    Comportamento e benessere animale. Storia dell’etologia: i tempi, le teorie,  la ricerca, gli uomini e le donne (Descartes, Le Roy, Lamark, Darwin, Romanes, Morgan, Mendel, Rothenbuhler, Jennings, Loerenz, von Frish, Tinbergen, Grandin). 

    L’antispecismo. Lo Specismo: incondizionato; condizionato (I, II); Massimo Filippi, Bentham, Webster,  Jane Goodall, Le 5 libertà, I 5 domains, A life worth living; Legge 189/2004

    Le 4 domande di Nikolaus Tinbergen. Nature vs Nurture.

    Concetti di motivazione e modelli; stimoli releaser; I feromoni e l’organo vomero nasale.

    Stimolo supernormale. Apprendimento guidato dall'istinto, apprendimento canoro.

    Imprinting filiale. Imprinting sessuale

    Apprendimento non associativo; Apprendimento associativo. Rinforzo, somministrazione del rinforzo, shaping, superstizione;

    Apprendimento cognitivo. La mente sociale, teoria della mente, effetto audience, inganno, imitazione, insegnamento, autoconsapevolezza, altruismo;  insight, detour, memoria di lavoro, cellule dell’aspettativa, problem-solving e uso degli strumenti,  linguaggio, coscienza.

     Memorie. Rappresentazione dello spazio e orientamento

    Comportamento prosociale. Cure parentali nelle specie domestiche

    Comportamento naturale, necessità etologiche e fisiologiche delle principali specie domestiche: cane, gatto, cavallo, suini, volatili, coniglio d’affezione, ruminanti.  

    Modalità di valutazione: 

    • Verifiche settimanali ispirate alla filosofia dell'Active learning 
    • Prova finale comprendente una parte scritta (su piattarma) e una parte orale (discussione su tematiche oggetto della formazione dello studente)

    Etologia generale. Storia dell’etologia. La mente animale

    Conoscenza e capacità di comprensione: evoluzione degli studi sul comportamento e sul benessere animale.

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: capacità di valutare criticamente le fonti d’informazione scientifica riguardo intelligenza, coscienza, sofferenza animale. 

    Autonomia di giudizio: capacità di giudizio autonomo rispetto a temi interdisciplinari sociali (antrozoologia, utilizzo degli animali a scopo terapeutico), scientifici (nuove possibilità di cura, alimentazione, gestione, benessere animale), etici (sperimentazione animale).  

    Etologia speciale. Il comportamento degli animali domestici, con possibili interventi di esperti da vari settori

    Autonomia di giudizio: capacità di valutare autonomamente la gestione degli animali avendo competenze sulle necessità fisiologiche e psicologiche degli animali domestici.

    • Carenzi C, Panzera M. 2009Etologia appliata e benessere animale I e II. Le Point Veterinarie Italie, Milano. http://www.pointvet.it 
    • Shaw JK, Martin D. 2016. Educazione e comportamento del cane e del gatto-manuale teorico-pratico. http://online.universita.zanichelli.it/shaw-martin
    • Heuschmann G. 2012. Il mio cavallo tiene il naso in avanti. Equitare, Rosia (SI).http://www.equitare.it
    • Vallortigara G- 2001. Altre menti. Lo studio comparato della cognizione animale. Il Mulino, Bologna. http://www.mulino.it
    • Manning A, Dawkins MS. 2015. Il comportamento animale. Bollati Boringhieri

      approfondimenti: Campan R, Scapini F. 2004. Etologia. Zanichelli Bolognawww.zanichelli.it



    Regole esame Prof. P. Lucidi

    Durante il semestre di lezione, vengono erogate diverse prove (di solito settimanali) inerenti l'accertamento della formazione dello studente (vedi obiettivi specificati in "Unità didattiche"). Le conoscenze nozionistiche vengono invece accertate attraverso una prova finale su piattaforma, comprendente domande a risposta multipla, breve, corrispondenze, vero/falso.

    • Le prove settimanali  dovranno tendere a rendere lo studente capace di superare la prova orale finale, nella quale verrà richiesta la capacità di "comprendere, conoscere, applicare la conoscenza e avere autonomia di giudizio su un aspetto del comportamento animale". Il peso della prova orale finale è del 50%.
    • La prova su piattaforma serve a valutare l'acquisizione di nozioni relative al comportamento animale in generale e degli animali domestici in particolare. Ha un peso del 50% sulla valutazione finale.

    Come regola base, il mancato superamento  dell’esame di Etologia comporterà  l’impossibilità di iscriversi  all’appello successivo (lo studente dovrà saltare un appello).