Indice degli argomenti

  • Malattie infettive, profilassi e polizia veterinaria I - Prof. Barbara Di Martino - a.a. 2017/2018


    Barbara Di Martino si è laureata il 16/12/1999 in Medicina Veterinaria con voto 110/110 presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università degli Studi di Teramo. Dal 01/02/2004 al 27/10/2015 ha prestato servizio presso la Facoltà di Medicina Veterinaria di Teramo, in qualità di ricercatore universitario di Malattie Infettive degli Animali. Dal 28/10/2017 ad oggi presta servizio in qualità di Professore Associato di Malattie Infettive degli Animali.

    Dall'anno accademico 2012/2013 ad oggi è docente di "Malattie Infettive, Profilassi e Polizia Veterinaria I" nel corso di Laurea Magistrale in Medicina Veterinaria dell'Università degli Studi Teramo.

    Dall'anno accademico 2004/2005 ad oggi, svolge attività didattica come docente del tirocinio pratico formativo VET/05 "Profilassi e Patologia Aviare" nell'ambito corso di Laurea Magistrale in Medicina Veterinaria dell'Università degli Studi Teramo.

    Dal 2008 al 2012 è stata componente del collegio dei docenti del dottorato di ricerca in "Epidemiologia e Diagnostica Avanzata in Patologia Comparata", Università degli studi di Teramo (ciclo: XXIV, XXV, XXVI, XXVII e XXVIII).

    Dal 2013 ad oggi è componente del collegio dei docenti del dottorato di ricerca in “SCIENZE MEDICHE VETERINARIE, SANITA' PUBBLICA E BENESSERE ANIMALE”, Università degli Studi di Teramo (ciclo XXIX, XXX, XXXI, XXXII).

    Per quanto riguarda le sue esperienze professionali: nel 2004 ha frequentato il laboratorio di virologia del Dipartimento di Malattie Infettive della London School of Hygiene and Tropical Medicine ed ha svolto la propria attività di ricerca nell'ambito del progetto "Produzione di VLPs di FCV mediante il sistema del baculovirus". Dall'anno accademico 2006/2007 all'anno accademico 2010/2011 è stata docente per l'insegnamento di "Agenti Biologici Responsabili delle Malattie degli Animali" nell'ambito del corso di laurea triennale in Tutela e Benessere Animale presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell'Università degli Studi di Teramo. Dal 2012 è docente di "Malattie Infettive, Profilassi e Polizia Veterinaria I" nel corso di Laurea Magistrale in Medicina Veterinaria. Nel dicembre 2012 ha conseguito l’abilitazione scientifica nazionale per professore di seconda fascia nel settore scientifico disciplinare VET/05: Malattie infettive degli animali domestici. Il principale filone di ricerca sul quale sono stati focalizzati gli studi nel corso dell'attività accademica finora svolta, ha riguardato le infezioni sostenute da enteropatogeni virali con potenziale zoonosico nei mammiferi domestici. Responsabile scientifico di Unità Operativa nell'ambito del Progetto di Ricerca PRIN 2008 “Calicivirus nei carnivori e nell'uomo: caratterizzazione molecolare, epidemiologia, implicazioni zoonosiche”. Responsabile scientifico del progetto Speciale Multiasse 2011-2013 "Reti per l'Alta Formazione" Università degli Studi di Teramo_Assegni di Ricerca_”Le infezioni sostenute da nebovirus (NeV) e norovirus bovini (BNoV) nei vitelli”. Responsabile scientifico Accordo quadro Fondazione Tercas - Università degli Studi di Teramo progetto speciale "dottorati di ricerca" - anno 2012 “Ricerca di calicivirus enterici emergenti del suino e il loro ruolo nella filiera di produzione suinicola”. Responsabile scientifico di Unità Operativa nell'ambito del Progetto di Ricerca Corrente ministeriale 2012, IZS PLV 20/12 RC “Indagine sulla presenza di virus enterici emergenti con potenziale rischio zoonosico in suidi e ruminanti selvatici”. Autrice di oltre 70 pubblicazioni scientifiche nazionali ed internazionali. Dal 2009 ad oggi è referee per diverse riviste scientifiche, tra cui Archives of Virology, Journal of Medical Virology, The Veterinary Journal, BMC Veterinary Research, Journal of Virological methods, Virus Gene, Veterinary Microbiology, Viruses.

    A Giugno 2017 ha conseguito l'abilitazione scientifica nazionale (SSD VET/05) per professore di Prima fascia (Validità dell'abilitazione 07-06-2017 al 07-06-2023).



    OBIETTIVI GENERALI DEL CORSO

    • Conoscenza e capacità di comprensione: L'obiettivo del corso è quello di fornire agli studenti conoscenze sull’eziologia, epidemiologia, diagnosi, profilassi diretta ed indiretta delle principali patologie infettive degli animali da compagnia. Inoltre, obiettivo del corso è quello di fornire agli studenti conoscenze su alcune delle malattie che colpiscono gli animali da reddito incluse quelle a denuncia obbligatoria. Infine particolare importanza sarà data alle malattie degli animali domestici trasmissibili all’uomo (zoonosi).
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Acquisire competenze di comprensione sulle patologie infettive a diffusione cosmopolita che colpiscono il cane, gatto e coniglio. Inoltre, acquisire competenze sulle malattie infettive degli animali da reddito per le quali è previsto un regolamento di polizia veterinaria. Infine, acquisire conoscenze sulle principali zoonosi di origine virale e batterica.
    • Autonomia di giudizio: Acquisire autonomia di giudizio tale da consentire lo sviluppo di capacità critiche indispensabili per trovare e valutare le soluzione più corrette in merito ai programmi di profilassi.
    • Abilità comunicative: Capacità di applicare il linguaggio infettivologico di base e collegare i vari aspetti della disciplina.
    • Capacità di apprendimento: Alla fine del corso lo studente avrà acquisito competenze utili per affrontare un piano di profilassi vaccinale negli animali da compagnia, così come sul tipo di campione da inviare in laboratorio a fronte di un sospetto clinico. Inoltre, avrà acquisito competenze utili per la comprensione di un piano di sorveglianza sanitario riferito a malattie infettive della lista A o B dell’OIE. Infine, lo studente avrà acquisito anche competenze utili per affrontare il modulo di malattie infettive II, per comprendere articoli scientifici, fare ricerche su banche dati, in particolare su argomenti pertinenti le malattie infettive ma anche di discipline affini.


    PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'
    • Prerequisiti: Conoscenze di patologia generale, microbiologia, immunologia ed epidemiologia di base.
    • Propedeuticità: Microbiologia ed Epidemiologia veterinaria I e patologia generale

    INDICATORI DI DUBLINO


    UNITA' DIDATTICA 1: U.1 Malattie infettive degli animali da compagnia

    • Conoscenza e capacità di comprensione: Acquisire competenze di comprensione sulle patologie infettive a diffusione cosmopolita che colpiscono il cane, gatto e coniglio ed anche su quelle zoonosiche. Cane: parvovirosi, cimurro, epatite infettiva, leptospirosi, tosse dei canili, rabbia, erlichiosi, rickettsiosi, herpesvirosi. Gatto: retrovirosi, infezioni respiratorie (FCV, FHV-1 e chlamydophila felisi), peritonite infettiva felina, panleucopenia felina. Coniglio: mixomatosi e malattia emorragica virale.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Capacità di applicare il complesso delle conoscenze e delle competenze acquisite per implementare le attività profilattiche nelle comunità animali.
    • Autonomia di giudizio: Acquisire competenze riferite a conoscenze sulle malattie infettive degli animali da compagnia con riferimento alle caratteristiche dell’ospite, del patogeno, dell’ambiente e delle loro interazioni. Il fine ultimo è quello di essere in grado di elaborare una strategia di profilassi per prevenire l’insorgenza di queste patologie.
    • Abilità comunicative: Capacità di applicare il linguaggio infettivologico relativo alle principali malattie infettive degli animali da compagnia e collegare i vari aspetti della disciplina.
    • Capacità di apprendimento: Sviluppare le capacità di apprendimento acquisendo informazioni utili per affrontare le successive unità di insegnamento.


    UNITA' DIDATTICA 2: U.2. Malattie degli animali da reddito
    • Conoscenza e capacità di comprensione: Acquisire competenze riferite a conoscenze sulle principali patologie infettive dei ruminanti domestici, con particolare riguardo nei confronti di quelle trasmissibili all’uomo e di quelle per le quali è previsto un piano di eradicazione nazionale. Tetano, carbonchio ematico, encefalopatie spongiformi trasmissibili, tubercolsi bovina, leucosi bovina enzootica, rinotracheite bovina, virus sinciziale respiratorio, aborto enzootico ovino.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione: Capacità di applicare il complesso delle conoscenze e delle competenze acquisite per implementare le attività di prevenzione nei confronti di malattie infettive con impatto sanitario ed economico.
    • Autonomia di giudizio: Acquisire autonomia di giudizio tale da consentire lo sviluppo di capacità critiche indispensabili per trovare e valutare le soluzione più corrette in merito ai programmi di profilassi con particolare riferimento alle principali zoonosi.
    • Abilità comunicative: Capacità di applicare il linguaggio infettivologico relativo alle principali malattie degli animali da reddito e collegare i vari aspetti della disciplina.
    • Capacità di apprendimento: Alla fine del corso lo studente avrà acquisito competenze utili per la comprensione di un piano di sorveglianza sanitario riferito ad alcune delle malattie infettive della lista A o B dell’OIE.

    LIBRI DI TESTO

    Trattato di malattie infettive degli animali

    • Autore: Farina R., Scatozza F.
    • Edizione: UTET, 1998, Torino

    PROVE INTERMEDIE

    PROVA INTERMEDIA 1

    • Unità didattica di riferimento: U.1
    • Data: 
    • Tipologia di prova: Prova scritta con due domande aperte

    PROVA INTERMEDIA 2
    • Unità didattica di riferimento: U.2
    • Data: 
    • Tipologia di prova: Prova scritta con due domande aperte

    MODALITA' DI VALUTAZIONE
    Sono previste due prove in itinere, ciascuna delle quali include due domande aperte. La prova scriita 1 si baserà sugli argomenti descritti nell'U.1, la prova 2 si baserà sugli argomenti descrtitti nell'U.2. Inoltre, è prevista una verifica orale al termine del corso.

       
  • Lezione U.1.1

    Introduzione al corso di Malattie Infettive I: 

    1) Obiettivi del corso.

    2) Breve descrizione delle principali malattie infettive oggetto del corso con particolare riguardo nei confronti di quelle di origine virale e zoonosica e breve introduzione sulle malattie infettive per le quali è attivo un piano di eradicazione, accenni sul regolamennto di Polizia Veterinaria.

    3) Spiegazione su come verrà eseguita la verifica intermedia e finale del corso.

    4) Testi consigliati.

    5) Infezione sostenuta dal parvovirus canino



  • Lezione U.1.2

    Infezione sostenuta dall'adenovirus canino tipo 1: epatite infettiva del cane.



  • Lezione U.1.3

    Le leptospirosi canine: eziologia, epidemiologia, patogenesi e sintomatologia.

  • Lezioni U.1.4 e U.1.5

    Le infezioni respiratorie del gatto (U.R.T.D.): Calicivirus felino, Chlamydophila felis e Bordetella bronchiseptica.


  • Lezione U.1.6

    La profilassi vaccinale nel cane: applicazione dei protocolli vaccinali nel cucciolo.

  • Lezione U.1.7

    Cimurro del cane

  • Lezione U.1.8

    La rabbia silvestre e urbana

  • Lezione U.1.9

    Le retrovirosi feline: FeLv e FiV

  • Lezione U.1.10

    La peritonite infettiva felina

  • Lezione U.1.11

    Le malattie infettive virali del coniglio: mixomatosi e malattia emorragica virale

  • Lezione U.1.12

    La panleucopenia felina virale ed Erlichiosi monocitica canina

  • Lezione U.2.1

    Tetano

  • Lezione U.2.2

    Le infezioni da BHV-1

  • Lezione U.2.3

    La tubercolosi bovina

  • Lezione U.2.5

    Scrapie e carbonchio ematico

  • Lezione U.2.6

    Aborto enzootico ovino e rickettsiosi