Indice degli argomenti

  • Informazioni generali sul corso

    Laureato col massimo dei voti e lode presso la facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli studi di Roma "La Sapienza", è stato dapprima contrattista dell’Istituto di studi sulle regioni del CNR, e ha poi conseguito il titolo di dottore di ricerca in Diritto costituzionale presso l'Università degli studi di Bologna. Nel 1998 è divenuto ricercatore universitario e, successivamente, professore supplente (2000), associato (2001), straordinario (2005) e ordinario (2008) per il raggruppamento universitario IUS 09 (Diritto pubblico), presso l'Università di Teramo, dove è attualmente titolare della cattedra di Istituzioni di Diritto Pubblico e Teoria dei sistemi giuridici, dopo avere insegnato anche Diritto costituzionale, Diritto dei beni culturali e Dottrina dello Stato. 

    Presso l’Università di Teramo, dal 1997 ha partecipato, dapprima come membro di Unità operativa di ricerca, e poi dal 2007 anche come Responsabile scientifico, a svariati progetti di ricerca di rilevante interesse nazionale (PRIN). Nel 2006 è divenuto Coordinatore del Dottorato di ricerca in discipline giuridiche pubblicistiche su la Tutela dei diritti fondamentali. Ha fatto parte, negli anni 2011/2012, della Commissione per la redazione del nuovo Statuto dell’Università. E' stato inoltre, dal 2010 al 2017, Vicepreside vicario della facoltà di Giurisprudenza ove, negli anni 2013/2017, ha presieduto anche la Commissione per le pubblicazioni ed altre iniziative culturali. Componente, dal 2015 al 2019, del Collegio di disciplina d’Ateneo, è stato anche membro, negli anni 2017/18, del Senato accademico.

    Avvocato, consulente del Ministero dell’Interno, è stato membro di numerose commissioni di concorsi pubblici nazionali e, nel biennio 2013/2014, anche componente della Commissione per l’abilitazione scientifica nazionale per il settore concorsuale 12/C1 (Diritto costituzionale), per la prima e seconda fascia di ruolo.

    INFO SUL CORSO

    OBIETTIVI GENERALI DEL CORSO

    Il corso di lezioni è finalizzato a stimolare il conseguimento di idonei livelli di conoscenza e capacità di comprensione di fondamenti, soggetti, oggetti e strumenti dell’organizzazione dei poteri pubblici. In particolare saranno oggetti di insegnamento: la teoria generale del diritto; la teoria dello Stato e della Costituzione; le fonti normative e i diritti di libertà; le origini della Costituzione repubblicana e l’organizzazione dello Stato; la struttura di Governo, i principi della pubblica amministrazione e il sistema delle autonomie territoriali; la giurisdizione ordinaria, speciale e la giustizia costituzionale; indirizzo politico, legalità della guerra e proceduralizzazione dei conflitti armati. Attraverso uno studio del fenomeno giuridico contestualizzato nel suo retroterra storico-culturale e nella sua proiezione politico istituzionale, obiettivo formativo sarà non solo la capacità di inquadramento giuridico, conseguita mediante l’acquisita padronanza degli strumenti cognitivi fondamentali del diritto pubblico, ma anche il raggiungimento (partendo dalla acquisizione di una corretta metodologia individuale di studio) di autonomia di giudizio critico per lo sviluppo di elaborazioni intellettuali proprie e tali da poter essere spese proficuamente nel prosieguo del corso di studi come nei percorsi di specializzazioni successivi al post-laurea.

    PREREQUISITI E PROPEDEUTICITA'

    • Prerequisiti: Nessuno
    • Propedeuticità: L’insegnamento è propedeutico a Diritto amministrativo biennale; Diritto canonico; Diritto civile; Diritto costituzionale; Diritto del lavoro biennale; Diritto ecclesiastico; Diritto internazionale; Diritto penale biennale; Teoria dei sistemi giuridici; Diritto regionale e degli enti locali; Diritto urbanistico

    Unità didattica 1

    Argomento: La teoria generale del diritto; la teoria dello Stato e della Costituzione; le forme di Stato e di governo; Stato di diritto, Stato sociale e democrazia costituzionale; le fonti normative; le origini della Costituzione repubblicana e l’organizzazione dello Stato italiano; il potere legislativo; l’iter legis.

    Conoscenza e capacità di comprensione: Attraverso uno studio del fenomeno giuridico contestualizzato nel suo retroterra storico-culturale e nella sua proiezione politico istituzionale, obiettivo formativo prioritario sarà (partendo dalla acquisizione di una corretta metodologia individuale di studio) la capacità di inquadramento del fenomeno giuridico, realizzata previa acquisizione della padronanza degli strumenti concettuali fondamentali del diritto pubblico.

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: L’insegnamento sarà caratterizzato da una sollecitazione costante al confronto sui fenomeni ed istituti giuridici illustrati, onde vagliare la capacità dello studente di associare gli strumenti cognitivi conseguiti al quadro della realtà istituzionale e sociopolitica vivente.

    Autonomia di giudizio: Obiettivo finale del corso è il raggiungimento di autonomia di giudizio critico e la capacità di sviluppare elaborazioni intellettuali proprie, tali da poter essere spese proficuamente nel prosieguo del corso di studi come nei percorsi di specializzazione successivi al post-laurea.

    Abilità comunicative: L’insegnamento è finalizzato al conseguimento di una corretta terminologia giuridica di base e allo sviluppo di capacità espositive adeguate a sostenere contributi personali in relazione all’analisi e alla discussione di tutti i fenomeni sociopolitici di interesse pubblicistico. 

    Capacità di apprendimento: La capacità di apprendimento sarà misurata principalmente attraverso la partecipazione attiva degli studenti a lezione, attraverso un confronto costante in aula sui temi trattati e la valorizzazione di eventuali percorsi di studio e ricerca personali. 

    Unità didattica 2

    Argomento: La struttura di Governo, i principi della pubblica amministrazione e il sistema delle autonomie territoriali; il procedimento e il provvedimento amministrativo; la giurisdizione ordinaria, speciale e la giustizia costituzionale; il Capo dello Stato; la legalità della guerra e la proceduralizzazione dei conflitti armati.

    Conoscenza e capacità di comprensione: Attraverso uno studio del fenomeno giuridico contestualizzato nel suo retroterra storico-culturale e nella sua proiezione politico istituzionale, obiettivo formativo prioritario sarà la capacità di inquadramento del fenomeno giuridico, conseguita mediante l’acquisita padronanza delle categorie generali del diritto pubblico.

    Capacità di applicare conoscenza e comprensione: L’insegnamento sarà caratterizzato da un confronto costante in aula sui fenomeni ed istituti giuridici illustrati, onde vagliare la capacità dello studente di associare gli strumenti cognitivi conseguiti al quadro della realtà istituzionale e sociopolitica vivente, di cui dovrà essere messo in grado di comprendere, ed interpretare, i meccanismi funzionali.

    Autonomia di giudizio: Obiettivo finale del corso è il raggiungimento di una piena autonomia di giudizio critico e la capacità di sviluppare elaborazioni intellettuali proprie, tali da poter essere spese proficuamente nel prosieguo del corso di studi come nei percorsi di specializzazioni successivi al post-laurea.

    Abilità comunicative: L’insegnamento è finalizzato al conseguimento di una corretta terminologia giuridica di base e allo sviluppo di capacità espositive adeguate a sostenere contributi personali in relazione all’analisi e alla discussione di tutti i fenomeni sociopolitici di interesse pubblicistico. 

    Capacità di apprendimento: La capacità di apprendimento sarà misurata e sostenuta attraverso la partecipazione attiva degli studenti a lezione, innanzitutto mediante un confronto costante sui temi trattati in aula, ma poi anche attraverso la stesura di elaborati propri e il riconoscimento di eventuali percorsi di ricerca e studio individuali, che valorizzino gli interessi dei singoli.

    LEZIONI SETTIMANALI

    Mercoledì dalle 11,00 alle 13,00

    Giovedì dalle 11,00 alle 13,00

    LIBRI DI TESTO 

    Per gli studenti in corso, se frequentanti:
    Parte generale

    • T. MARTINES, Diritto costituzionale, a cura di G. Silvestri, Milano, Giuffré, ult. ed.

    (in alternativa: G. U. RESCIGNO, Corso di diritto pubblico, Bologna, Zanichelli, ult. ed.)
    Parte speciale

    • M. FIORILLO, Guerra e diritto, Roma-Bari, Laterza, 2009;
    • M. FIORILLO, Il Capo dello Stato, Roma-Bari, Laterza, 2002.

    Per gli studenti in corso, se non frequentanti:
    Parte generale

    • T. MARTINES, Diritto costituzionale, a cura di G. Silvestri, Milano, Giuffré, ult. ed. 
    • (in alternativa: R. BIN-G. PITRUZZELLA, Diritto pubblico, Torino, Giappichelli, ult. ed.)

    Parte speciale

    • M. AINIS, Sette profili di diritto pubblico, Napoli, Jovene, 2013;
    • M. FIORILLO, Guerra e diritto, Roma-Bari, Laterza, 2009.

    Per gli studenti fuori corso,
    Parte generale

    • T. MARTINES, Diritto costituzionale, a cura di G. Silvestri, Milano, Giuffré, ult. ed.

    in alternativa:
    Parte speciale

    • M. FIORILLO, Guerra e diritto, Roma-Bari, Laterza, 2009.

    MATERIALE DI APPROFONDIMENTO

    Sitografia generale

    Portale ufficiale del Parlamento italiano: www.parlamento.it

    Sito ufficiale della Camera dei deputati: www.camera.it

    Sito ufficiale del Senato: www.senato.it

    Sito ufficiale della Presidenza della Repubblica: www.quirinale.it

    Sito ufficiale della Corte costituzionale italiana: www.cortecostituzionale.it

    Sito ufficiale della Presidenza del Consiglio: www.governo.it

    Banca dati della normativa nazionale vigente: www.normattiva.it

    Raccolta di decisioni (eventi e studi) della Corte costituzionale: www.giurcost.org

    Raccolta di decisioni del Consiglio di Stato e dei Tribunali amministrativi regionali: www.giustizia-amministrativa.it

    Rivista dell'Associazione italiana dei costituzionalisti: www.rivistaaic.it

    Rivista di temi d'interesse costituzionalistico: www.costituzionalismo.it

    Rivista di diritto pubblico italiano e comparato: www.federalismi.it

    Rivista di diritto dei beni culturali:www.aedon.mulino.it

    Catalogo del Servizio bibliotecario nazionale : www.sbn.it

    Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti: www.loc.gov

    PROVE INTERMEDIE 

    30 novembre 2020

    alle ore 9,00: dalla lettera B alla lettera L

    alle ore 11,00: dalla lettera M alla lettera S

    L'esame si svolgerà oralmente.

    Tipologia di prova: I frequentanti potranno verificare il loro apprendimento attraverso test scritti o un colloquio orale. Il superamento della verifica comporterà l’esonero parziale dal programma finale d’esame.

    MODALITA' DI VALUTAZIONE
    L’esame finale si svolgerà oralmente, previa prenotazione del candidato. Si raccomanda vivamente gli studenti prenotati, che non intendono sostenere l'esame, di cancellare on line la prenotazione per l'appello.


    ENTRA NELL'AULA VIRTUALE
    Docente: Mario FIORILLO
  • Planning delle lezioni

    Istituzioni di diritto pubblico

    prof. Mario Fiorillo

    PLANNING

    AA.2020-2021

     

     

    Ottobre 2020

     

    1)                Il diritto, le fonti  

    7-8 ottobre I settimana (1-2-3)

    Presentazione del Corso. L’ordinamento giuridico. Teoria generale del diritto e pluralità degli ordinamenti. Struttura della norma. Il sistema delle fonti del diritto. Fonti di cognizione e fonti di produzione. Fonti atto e fonti fatto. Disposizione e norma.

     

    14-15 ottobre II settimana (4-5-6)

    Le fonti dell'ordinamento italiano. Le fonti comunitarie. I criteri per comporre le fonti in sistema. Le procedure di formazione della norma. L’interpretazione dei testi normativi. Abrogazione e annullamento. Forza e valore di legge. Gli strumenti di semplificazione e consolidamento della legge.

     

    2)  Stato, democrazia e Costituzione

    21-22 ottobre III settimana (7-8-9)

    Gli elementi costitutivi dello Stato. Le forme di stato. I principi dello Stato di diritto. Supremazia della legge, principio di legalità, separazione di poteri. Democrazia diretta e democrazia rappresentativa. Le forme di governo. Il regime parlamentare.

     

    28-29 ottobre IV settimana (10-11-12)

    Lo Stato sociale. Il modello pluralista dello Stato costituzionale. Le caratteristiche dell’ordinamento statutario e l’affermazione dello Stato liberale. Dal regime autoritario alla transizione costituzionale. Il referendum istituzionale e l’Assemblea Costituente. I caratteri della Costituzione repubblicana.

     

    Novembre 2020

     

    3) L’ordinamento dello Stato italiano

    4-5 novembre V settimana (13-14-15)

    L'organizzazione costituzionale dello Stato. Il potere legislativo. La formazione delle Camere. Struttura e funzioni del Parlamento. Lo status di parlamentare. Il divieto di mandato imperativo. I regolamenti, le prerogative e le inchieste.

     

    11-12 novembre VI settimana (16-17-18)

    L’iter legis. L’iniziativa legislativa. Procedimento ordinario, decentrato e misto. La promulgazione. La pubblicazione. Leggi rinforzate e fonti atipiche. La revisione costituzionale. I limiti alla revisione costituzionale. La mozione di fiducia e di sfiducia. Il potere legislativo popolare. PROVA INTERMEDIA.

     

    18-19 novembre VII settimana (19-20-21)

    Il potere esecutivo. L’indirizzo politico. La formazione e la cessazione del governo. Gli atti aventi forza di legge. I regolamenti governativi. La riserva di legge. Gli organi ausiliari.

    I principi costituzionali dell’amministrazione pubblica. Disporre e provvedere, diritti soggettivi e interessi legittimi. Il procedimento amministrativo. La tipologia dei provvedimenti amministrativi. Vizi dei provvedimenti amministrativi e tutele dei cittadini.

     

    25-26 novembre VIII settimana (22-23-24)

    Principi costituzionali dell’amministrazione della giustizia. Giudici ordinari e giudici speciali. Indipendenza e responsabilità dei giudici. La Corte costituzionale. I giudizi sulla legittimità costituzionale. L’oggetto del sindacato. La tipologia delle decisioni. I conflitti di attribuzione e il giudizio sulle accuse.

     

          Dicembre  2020

     

    2-3 dicembre IX settimana (25-26-27)

    Il Capo dello Stato. Capo dello Stato e forma di governo. Attribuzioni e ruolo costituzionale del Presidente della Repubblica italiana. Elezione, durata e cessazione dalla carica. Irresponsabilità e controfirma. Reati presidenziali ed impeachment.

     

    4) Libertà, diritti e autonomie

    9-10 dicembre X settimana (28-29-30)

    I diritti e i doveri dei cittadini. Le libertà negative e le libertà positive. Diritti inviolabili, eguaglianza e solidarietà. Le libertà dei singoli e l’autonomia delle formazioni sociali. Arte, scienza e diritto allo studio. La condizione giuridica dello straniero. I nuovi diritti.

     L’articolazione territoriale dello Stato. I caratteri dell’autonomia regionale. L’organizzazione e le funzioni delle regioni. Le fonti delle autonomie: statuto, leggi e regolamenti. I controlli. Gli altri enti territoriali.

     

    5)  Guerra e diritto

    15 dicembre XI settimana (31-32)

     La proceduralizzazione dei conflitti armati. Guerra, forme di Stato e stato di guerra. Guerra e Stato sovrano. Costituzionalismo liberale e responsabilità della guerra. Le garanzie dei conflitti armati nelle democrazie costituzionali. Il ripudio della guerra offensiva nella Costituzione italiana. I confini del divieto della guerra di aggressione.

     

    Gli interventi “umanitari” e di polizia internazionale nelle crisi post-1989. Guerra al terrore, guerra globale. Ruolo delle forze armate, nuovi obblighi. Nato e legalità costituzionale. Il diritto alla sicurezza e la sicurezza dei diritti.

    • Argomento 3

      • Argomento 4

        • Argomento 5

          • Argomento 6

            • Argomento 7

              • Argomento 8

                • Argomento 9